Di ritorno dagli Stati Uniti passando per l’Australia: i Lamingtons

Lamingtons
Sono appena tornato dal mio viaggio negli Stati Uniti: ormai un pellegrinaggio, direi. Questa volta sono stato a nel sud est e per la precisione in Virginia, Carolina del Nord, Carolina del Sud e Georgia. Ho gustato delizie dolci e salate e, se volete, potete trovare un dettagliato reportage fotografico sulla pagina Facebook di mycakeisluka. Non temete: vi rivelerò tutti i segreti e le delizie che ho gustato (cosa non erano quelle pecan pie che ho assaggiato…) ma ora vorrei parlarvi di un’altra dolcezza “esotica”.

OK

Si tratto dei Lamingtons,  un dolce tradizionale australiano veloce da preparare e fresco che ho infatti assaggiato il giorno prima di partire per gli Stati Uniti.

Si, perché voglio raccontarvi tutto del mio viaggio fin dal giorno prima della partenza.

OK

INGREDIENTI (per una tortiera quadrata da 20 cm. per lato)

175 gr. di burro a temperatura ambiente;

150 gr. di farina 00;

1 cucchiaino e mezzo di lievito in polvere per dolci (7 gr.);

175 gr. di zucchero semolato;

30 gr. di maizena o amido di mais;

un pizzico di sale;

un cucchiaino di estratto naturale di vaniglia;

3 uova a temperatura ambiente;

100 gr. di cioccolato fondente tagliato in quadretti;

3 cucchiai di latte.

ok

Per la decorazione

250 gr. di cocco disidratato;

300 gr. di marmellata di lamponi;

lamponi freschi.

Si

PREPARAZIONE

  • Preriscaldate il forno a 180°, foderate con carta forno la teglia. Montate per 4 minuti il burro con lo zucchero fino ad ottenere un composto gonfio e spumoso. Unite un uovo per volta e continuate a montare mentre a parte setacciate farina, amido di mais, sale e lievito (NB se il composto dovesse separarsi, unite un cucchiaio della farina all’impasto);
  • quando avrete unito l’ultimo uovo, aggiungete la vaniglia e metà delle farine mescolando a bassa velocità quel tanto che basta per amalgamare tutto. Versate ora il latte e mescolate facendo poi seguire dalla restante farina setacciata. Unite infine il cioccolato e mescolate con una spatola per amalgamarlo completamente;

OK

  • infornate per 25-28 minuti ricordando che per verificare l’avvenuta cottura vale l’infallibile prova stecchino. Dopodiché sfornate e lasciate la teglia a temperatura ambiente per 5 minuti per poi adagiare il dolce su una gratella da forno in modo che freddi completamente;
  • tagliate ora il dolce in quadrotti di 4 cm. per lato, spennellate ciascun quadrotto con la marmellata leggermente riscaldata e ricoprite con il cocco. Guarnite con un lampone fresco. Gustate con aria australiana.

OK

Lo amate già? Non fate scherzi però, prima di fare le valigie per l’Australia alla ricerca di altri Lamigtons vi devo raccontare le delizie del mio ultimo viaggio americano.

Alla prossima e keep in touch.

La Cheesecake del Natale estivo: cheesecake Foresta Nera

black forest cheesecake

La torta foresta nera é un classico tedesco delle tavole natalizie ma ammetto che questa storia della stagionalità dei dolci proprio non mi va giù. Voglio dire, perchè il Panettone non c’è tutto l’anno nei negozi? Esattamente applicando lo stesso principio, ho quindi pensato che questa delizia a base di cioccolato, panna e ciliegie sciroppate io la vorrei gustare anche con l’approssimarsi dell’estate. Come? Grazie all’abbinamento con una cheesecake. Pronte/i? Mettiamoci all’opera.

ok

INGREDIENTI PER 12 mini cheesecake

Per la base

120 gr. di biscotti frollini al cioccolato;

65 gr. di burro sciolto

15 gr. di zucchero semolato

 

Per la crema

450 gr. di formaggio fresco tipo Philadelphia® (rigorosamente a temperatura ambiente);

120 gr. di zucchero semolato;

2 uova;

125 gr. yogurt magro;

un cucchiaino di estratto naturale di vaniglia;

100 gr. di cioccolato fondente grattugiato;

una confezione di ciliegie sciroppate;

1/4 di cucchiaino di sale;

15 gr. di farina 00.

ok

Per la decorazione

125 ml. di panna da montare freddissima;

3 cucchiai di zucchero a velo:

un paio di cucchiai di scaglie di cioccolato fondente;

ciliegie sciroppate.

PREPARAZIONE

  •  Tritate finemente con il mixer i biscotti e amalgamateli con il burro fuso (NB non caldo!) e lo zucchero. Inserite nella teglia per muffin 12 pirottini di carta e distribuite circa un cucchiaio di impasto sul fondo di ciascuno di essi. Premete con il dorso di un cucchiaio così da avere una base compatta e omogenea. Mettete la teglia in freezer per 30 minuti. Preriscaldate il forno a 150°;
  •  amalgamante con un cucchiaio di legno o una spatola il formaggio, lo zucchero, la farina, il pizzico di sale e la vaniglia fino ad ottenere un composto omogeneo. Unite un uovo per volta continuando ad amalgamare e terminate con lo yogurt mescolando il tutto con una spatola. (NB: i trucchi per un’ottima cheesecake sono la temperatura ambiente degli ingredienti soprattutto del formaggio ed evitare di incorporare troppa aria quando mescolate così da impedire alle cheesecake di gonfiare in cottura procurando delle antiestetiche crepe in superficie). Aggiungete infine il cioccolato fondente a scaglie;

ok

  • mettete a scaldare un pentolino con circa tre bicchieri di acqua mentre nel frattempo avrete tolto la teglia dal freezer e riempito i pirottini quasi fino all’orlo con la crema e, infine, avrete aggiunto una ciliegia in ciascun pirottino. Adagiate la teglia sulla leccarda da forno sulla quale infine verserete l’acqua bollente (NB fate attenzione a che l’acqua non entri in contatto con la crema dei pirottini) creando così una sorta di bagno maria;

ok

  • infornate per 25 minuti avendo cura che il centro delle vostre mini cheesecake sia leggermente tremolante quando le sfornerete. Lasciate freddare a temperatura ambiente per poi mettere la teglia in frigo per almeno 4 ore. Nel frattempo preparate la decorazione, montando la panna ben ferma insieme allo zucchero a velo. Decorate ciascuna mini cheesecake con la panna su cui adagerete una ciliegia e alcune scaglie di cioccolato. Gustate senza freni ricordandovi di conservare queste delizie in frigo.

 

ok

Una sola di queste cheesecake e vi sentirete felici come quando da piccoli era giunto il momento di scartare i regali di Natale… anzi di più. Alla prossima e keep in touch.

 

 

 

La fragola sta bene con tutto: Cupcake alla fragola e mascarpone

Cupcake fragole e mascarpone

La fragola in pasticceria praticamente é come il nero per la moda: sta bene con tutto. Seriamente, ditemi con che cosa non abbinereste la fragola. Più facilmente riuscireste a dirmi con quali combinazione questo frutto gustoso risulterebbe imbattibile. In un cupcake con una glassa al mascarpone? Taaac, fatto. Ora tocca a voi e quindi diamoci da fare.

ok

INGREDIENTI PER 10 BASI PER CUPCAKE

115 gr. di burro a temperatura ambiente;

115  gr. di zucchero semolato;

2 uova a temperatura ambiente;

120 gr di farina 00;

1 cucchiaino di lievito per dolci (5 gr.);

120 gr. di fragole a dadini;

ok

Per lo sciroppo

40 ml. di acqua;

40 gr. di zucchero semolato;

4 fragole.

Per la glassa

250 gr. di mascarpone;

3 cucchiai di zucchero a velo;

200 ml. di panna da montare freddissima.

4-5 fragole per la decorazione

ok

PREPARAZIONE DELLE BASI

– accendete il forno a 170° e riempite una teglia da muffin con 10 pirottini di carta, dopodichè montate a crema con il mixer il burro e lo zucchero (circa 3 minuti) fermando almeno un paio di volte il vostro elettrodomestico così da mescolare con una spatola il fondo del cestello. Unite un uovo per volta al composto, aggiungete poi la vaniglia continuando a mescolare a velocità sostenuta. Se il burro cominciasse a separarsi dal resto dell’impasto, aggiungete un cucchiaio scarso di farina e proseguite a versare le uova. Unite ora al composto la farina setacciata in cui avrete messo il pizzico di sale e il lievito;

– infarinate le fragole grossolanamente e unitele all’impasto che infine dividerete nei 10 pirottini, avendo cura di non riempirli oltre 2/3 del loro volume. Infornate per 20-22 minuti controllando la cottura con la solita infallibile prova stecchino. Nel frattempo preparate lo sciroppo mettendo a bollire in un pentolino acqua, zucchero e le fragole precedentemente schiacciate con una forchetta. Fate sobbollire per un minuto e mezzo e filtrate così da avere uno sciroppo uniforme;

ok

– non appena avrete sfornato le vostre delizie, spennellatevi sopra lo sciroppo caldo così che venga assorbito immediatamente. Lasciate freddare completamente le basi dei vostri cupcake nella teglia. Mentre attendete che i cupcake siano freddi, preparate la glassa. Montate perciò per una trentina di secondi il mascarpone con lo zucchero a velo e unite infine la panna freddissima montando il composto ad alta velocià sino ad ottenere una glassa uniforme;

– mettete ora la glassa nella sac à poche e decorate i vostri cupcake ormai freddi completando con metà fragola in cima. Conservate in frigo ammesso che ci arrivino e che non li mangiate strada facendo…

Si, la fragola sta bene con tutto ma in questo cupcake é davvero bellissima e strepitosa che quasi viene voglia di non mangiarla. No, vabbé non scherziamo. Alla prossima e keep in touch.

ok

 

 

 

Miss Berry Cheesecake

Berry Cheesecake

Se dovessi pensare ad un frutto che meglio rappresenta questo periodo dell’anno a metà tra la primavera e l’estate, mi verrebbero in mente subito i frutti rossi: fanno tanto gita in camporella, no? Se poi mi chiedete come celebrarli a dovere, vi rispondo in una cheesecake ma non limitandomi ad usarli come decorazione bensì anche nell’impasto: un’esplosione di gusto. Non ci credete? Allacciate il grembiule perchè si parte.

ok

INGREDIENTI PER UNA TORTIERA APRIBILE DA 20 CM

100 gr. di burro sciolto;

220 gr. di biscotti Digestive;

600 gr. di formaggio tipo Philadelphia® a temperatura ambiente;

3 uova a temperatura ambiente;

125 gr. di zucchero;

25 gr. di maizena o farina 00;

1 cucchiaino (5 ml.) di estratto di vaniglia;

100 gr. di frutti di bosco (io ho usato lamponi e mirtilli) oltre ad altri 70 gr. circa per la decorazione;

un paio di cucchiai di marmellata di lamponi o ai frutti di bosco;

un cucchiaio di succo di limone;

5 o 6 fragole per la decorazione.

ok

 

PREPARAZIONE 

– accendete il forno a 160° e intanto frullate nel robot da cucina i biscotti e riduceteli in polvere . Aggiungetevi il burro sciolto a microonde o a bagno maria amalgamando uniformemente il tutto che distribuirete uniformemente  sul fondo  e sulle pareti della tortiera foderata precedentemente con carta forno . Mettete ora la teglia nel freezer per 30 minuti mentre preparerete il ripieno;

– Mescolate con una frusta preferibilmente a mano il formaggio, lo zucchero e la maizena o farina così da ottenere un composto omogeneo. (NB non montate troppo il composto se non volete che cresca eccessivamente in cottura creando delle antiestetiche crepe e rigonfiamenti sulla superficie). Aggiungete un uovo per volta e continuate ad amalgamare con la frusta (quel tanto che basta per incorporare ogni singolo uovo) e infine unite la vaniglia. Mettete ora un pentolino sul fuoco con due bicchieri d’acqua a sobbollire;

– ricoprite grossolanamente 100 gr. di frutti di bosco con della farina, versate 2/3 dell’impasto nella teglia che avrete tolto dal freezer dopodichè versatevi sopra i frutti di bosco che ricoprirete con il restante impasto. Foderate l’esterno della tortiera con della carta alluminio e adagiatela in una tortiera più grande dentro cui verserete l’acqua bollente così da far cuocere la vostra cheesecake a bagno maria;

ok

–  infornate per 50-60 minuti fin tanto che i bordi esterni della torta saranno ben fermi e il centro ancora leggermente “tremolante”, spegnete il forno e lasciatevi la torta dentro con lo sportello socchiuso. Dopo circa un’ora, togliete la teglia dal forno e lasciatela freddare a temperatura ambiente per poi mettetela in frigo per almeno 6 ore o ancor meglio per tutta la notte;

– potete quindi togliere la cheesecake dalla teglia (NB Io dopo aver tolto l’anello, capovolgo la teglia su un piatto  così da togliere la base e la carta forno e infine ricapovolgo il dolce sul piatto da portata. Se temete quest’operazione, potete tranquillamente lasciare la cheesecake nella base della tortiera), mescolare a parte la marmellata e il succo di limone che spalmerete nel centro della torta e su cui infine adagerete i restanti frutti rossi. Gustate con gioia primaverile.

ok

Che dite un gusto più primaverile o estivo? Ne mangio un’altra fetta per scoprirlo. Alla prossima e keep in touch.

I mille rotoli blu: swiss roll ai mirtilli

Blueberry swiss roll

Ognuno ha la sua bestia nera e io non faccio eccezione. La mia sono i rotoli o roulade o swiss roll: mi piacciono ma allo stesso tempo mi spaventano. Mi é infatti successo più di una volta che il mio rotolo si crepasse mentre lo arrotolavo se non addirittura si sbriciolasse miseramente davanti ai miei occhi. Il trucco é quello di pre-arrotolare il dolce ancora caldo e far si che trattenga a lungo l’umidità in modo che sia sufficientemente elastico per essere arrotolato, srotolato e ancora una volta riarrotolato. In questa versione ho aggiunto una complessità in più, una decorazione colorata così dal rendere il dolce un po’ funky. Avete voglia di rischiare con me? Mettiamoci al lavoro.

ok

INGREDIENTI per il rotolo (teglia rettangolare cm. 32X23X2)

Per le strisce decorative blu

70 gr. di burro morbido;

70 gr. di zucchero a velo;

2 albumi;

un pizzico di sale;

1 cucchiaino di colorante alimentare blu;

1 cucchiaino di estratto naturale di vaniglia;

ok

Per l’impasto

75 gr. di zucchero semolato;

75 gr. di farina 00;

4 gr. di lievito in polvere per dolci;

Per il ripieno

120 gr. di formaggio spalmabile (tipo Philadelphia);

140 gr. di zucchero a velo;

60 gr. di burro;

6 generosi cucchiai di marmellata di mirtilli;

100 gr. di mirtilli freschi.

ok

PREPARAZIONE

  • Preriscaldate il forno a 200° e foderate con carta forno la teglia precedentemente unta con un velo di burro. Iniziate a preparare le strisce, montando a crema nel mixer il burro, lo zucchero a velo e la vaniglia. Gradualmente unite gli albumi e, quando saranno tutti amalgamati, aggiungete la farina e il sale così da ottenere una pasta densa. Infine unite il colorante e mescolate con una spatola così da ottenere un colore uniforme;
  • mettete la pasta appena ottenuta in una sac à poche con una bocchetta liscia del diametro di cirma un centimetro e dopodichè tracciate sei strice in diagonale lungo tutta la teglia che ora metterete nel congelatore. Preparate nel frattempo l’impasto per il roll;
  • montate con il mixer e la frusta le uova e lo zucchero per 3-4 minuti fino ad ottenere un composto gonfio e spumoso al quale unirete in due volte la farina con il lievito precedentemente setacciata. Mescolate delicatamente con una spatola avendo cura di non smontare l’impasto;
  • versate il composto nella teglia che avrete tolto dal congelatore e distibuitelo uniformemente. Infornate per 10-11 minuti finchè cioè la torta non avrà un colore dorato e inizierà a staccarsi leggermente dai bordi della teglia. Nel frattempo stendete due fogli di carta forno leggermente più grandi della teglia su uno dei quali verserete anche una cucchiaiata di zucchero semolato;

ok

  • sfornate il dolce e rovesciatelo immediatamente (attente/i a non bruciarvi mi raccomando) sul primo foglio di carta, togliete la carta forno dal dolce e rivoltate subito la torta sul secondo foglio di carta forno con lo zucchero semolato in modo che le strisce colorate siano a diretto contatto con lo zucchero. Con delicatezza arrotolate il dolce e chiudete le estremità come se fosse una caramella. Mettete da parte a freddare mentre preparerete la farcitura;
  • montate quindi il burro con lo zucchero a velo fino ad ottenere un composto gonfio e spumoso. Unite il formaggio e mescolate per non più di trenta secondi a velocità bassa. Srotolate delicatamente il dolce sul quale spalmerete uniformemente  in un unico strato la crema, dopodichè la marmellata e infine i mirtilli freschi. Riarrotolate il dolce piuttosto stretto e mettete in frigo per 40 minuti;
  • portate il dolce a temperatura ambiente dopo averlo adagiato su un piatto da portata e tagliate una estremità così da avere una presentazione elegante e precisa. Gustate striscia dopo striscia.

ok

Troppo difficile? No, dai troppo buono in verità. Il risultato é uno di quelli che lascerà i commensali stupefatti e voi potrete dire di preparare questo dolce di continuo e senza alcuna incertezza: magari non é vero ma resterà solo tra me e voi. Alla prossima e keep in touch.

ok

Il biscotto che lascia il segno: thumbprint nocciole e lamponi

Thumbprint Cookies

Ci sono eventi e fatti importanti in cui tutte/i sappiamo esattamente dove eravamo quando sono accaduti. A me succede talvolta anche per i dolci. Spesso, a dirla tutta. Questi biscotti io li ho mangiati per la prima volta nel New Hampshire 4 anni fa a Wolfeboro sul lago Winnipesaukee: un posto incantevole in cui ho davvero pensato che avrei potuto trasferirmi per quanto fosse tranquillo ed elegante. Wolfeboro é una cittadina da cartolina immersa nel verde che si affaccia proprio sul lago e mentre passeggiavo per esplorarla mi ha colpito la vetrina di una bakery. Succede sempre che quando siamo in vacanza si vada alla ricerca di bakery ma in questa ci sono finito per caso. Mi colpirono questi biscotti perchè in realtà mi ricordavano alcuni che si vedono anche da noi in Italia. In realtà, mi hanno spiegato che li fanno a mano uno per uno e che ci lasciano l’impronta prima di infornarli. L’impronta nel senso letterale del termine, cioè usano il pollice per inciderli e farcirli: potevo non raccontarveli? Pronti a pigiare sul vostro biscotto? Mettiamoci al lavoro.

ok

INGREDIENTI (per 20 biscotti circa)

165 gr. di farina 00;

un pizzico di sale;

un cucchiaino di estratto naturale di vaniglia;

130 gr. zucchero semolato;

115 gr. di burro morbido;

1 uovo;

100 gr. di granella di nocciole;

3 cucchiai circa di marmellata di lamponi.

ok

PREPARAZIONE

  • Montate nel mixer il burro e 100 gr. di  zucchero per circa tre minuti fino ad ottenere un composto bello gonfio. Unite ora il tuorlo d’uovo e la vaniglia montando ancora il tutto per circa un minuto. Unite ora la farina con il pizzico di sale e amalgamate a bassa velocità il minimo indispensabile perchè il composto sia omogeneo. Mettete l’impasto in frigo per due ore;
  • preriscaldate il forno a 170° e foderate due teglie con carta forno. Trascorse le due ore togliete il composto dal frigo, mettete in un piatto la granella di nocciole con i restanti 30 gr. di zucchero e in un secondo piatto montate a mano leggermente l’albume solo fino a che inizierete a vedere una sorta di schiuma;

ok

  • fate ore una ventina di palline di impasto (dovrebbero pesare circa 25 gr. l’una, ma andate tranquillamente ad occhio) immergetele rapidamente nell’albume e poi nella granella. Praticate quindi un foro con il pollice al centro della pallina (NB non appiattite l’intera pallina ma praticate un solco al centro di essa) e adagiatela nella teglia, avendo cura di distanziare l’una dall’altra di almeno 3-4 cm perchè invece in cottura si allargheranno leggermente;
  • riempite il foro appena praticato con la marmellata di lamponi, infornate per 15 minuti e sfornate lasciando che i biscotti freddino completamente nella teglia. Alla fine avranno una consistenza morbida a cui non potrete resistere.

ok

Di per me io non resisto ai biscotti morbidi e se poi aggiungete le nocciole e i lamponi, praticamente la mia idea del paradiso. Alla prossima e keep in touch.

ok

Tutti per uno, uno per la Cherry cake

cherry cake

Con il pretesto di raccontarvi un dolce da té della tradizione britannica, in questo post volevo raccontarvi di uno dei metodi più interessanti e facili con cui preparare i dolci. Il metodo in questione é detto “all in one” e potremmo chiamarlo tutto insieme o tutto in una volta. Letteralmente si mettono tutti gli ingredienti insieme nel mixer, si mescolano per un paio di minuti e il gioco é fatto. La prima volta che me lo spiegarono ero incredulo e diffidente: tutto insieme? Risulterà morbida? Soffice? Gustosa? In realtà si, anche se questo metodo non é applicabile a qualunque tipo di torta ma quasi esclusivamente a quelle da té come appunto questa cherry cake. Pronte/i? Mettiamoci all’opera perché ci vorrà pochissimo

ok

INGREDIENTI (per una tortiera da budino)

225 gr. di farina 00;

2 cucchiaini di lievito in polvere per dolci (10 gr.);

175 gr. di zucchero semolato;

175 gr. di burro morbido;

250 gr. di ciliegie candite (più altre 5 o 6 per la decorazione);

scorza di un limone;

pizzico di sale;

3 uova;

50 gr. di farina di mandorle.

ok

Per lo sciroppo

100 ml di acqua;

100 ml. di zucchero semolato.

Per la decorazione

75 gr. di zucchero a velo

5 o 6 ciliegie candite tritate grossolanamente;

un cucchiaio di succo di limone;

un paio di cucchiai di mandorle a lamelle.

ok

PREPARAZIONE

  • Preriscaldate il forno a 180°, ungete con un po’ di burro e spolverizzate con della farina la teglia. Mettete tutti gli ingredienti per la torta tranne le ciliegie nel mixer e mescolate a velocità media per due minuti. Nel frattempo tagliate in 4 le ciliegie, lavatele sotto l’acqua corrente e asciugatele con carta da cucina. Dopodiché infarinatele leggermente e aggiungetele al composto mescolando delicatamente con una spatola. Versate il tutto nella teglia e infornate per 35 minuti, verificando la cottura con l’infallibile prova stecchino;
  • nel frattempo preparate lo sciroppo mettendo a bollire in un pentolino l’acqua e lo zucchero per un paio di minuti, non appena avrete sfornato la torta versate immediatamente metà dello sciroppo sulla torta. Lasciate il dolce nella teglia per 10 minuti, dopodiché togliete la torta dalla teglia e adagiatela sul piatto di portata. Praticate dei buchi sulla superficie del dolce con uno stecchino e versatevi sopra la restante metà dello sciroppo (NB Se lo sciroppo si fosse freddato, scaldatelo leggermente perché così sarà più facile farlo assorbire);
  • mescolate lo zucchero a velo con il succo di limone fino ad ottenere una glassa densa che verserete sulla superficie ormai fredda della torta facendo in modo che cada delicatamente sui lati. Fate ora cadere sulla glassa le ciliegie tritate e le  mandorle. Gustate con la stessa semplicità con cui avete preparato questa torta.

ok

L’idea che per preparare questa torta ci voglia così poco, mi fa venire in mente che potrei farla e rifarla mille volte: mica male. Alla prossima e keep in touch.

 

 

Oh My Darling, Clementine: torta mandarini e semi di papavero

Clementine

Vi confesso che faccio un po’ di confusione tra mandarini, mandaranci e clementine. So per certo che tra queste tre preferisco di gran lunga quelle senza semi ma generalmente gli agrumi sono i mei frutti preferiti. Li amo nei dolci perché danno la possibilità di creare mille contrasti. Per il dolce che vi sto per raccontare ho usato delle clementine (me lo ha anche confermato il fruttivendolo) e i semi di papavero che danno croccantezza. Ho anche aggiunto una glassa perché se è vero che ho pensato a questo dolce ideale per la colazione, non vuol dire che non possa essere anche elegante e goloso. Pronte/i? Cominciamo senza indugio alcuno.

ok

INGREDIENTI per un teglia da plumcake

140 gr. di burro morbido (oltre a un paio di cucchiai di burro completamente sciolto per ungere la teglia);

200 gr. di zucchero semolato;

10 gr. di lievito in polvere per dolci;

un pizzico di sale;

225 gr. di farina 00;

3 uova a temperatura ambiente;

50 gr. di yogurt magro;

2 cucchiai di semi di papavero;

125 ml. di succo di clementine;

scorza di tre clementine.

Per la glassa

70 gr. di burro morbido;

140 gr. di zucchero a velo;

scorza di un mandarino;

2 cucchiai di yogurt magro;

arancia candita (facoltativa)

ok

PREPARAZIONE

  • Preriscaldate il forno a 160° e ungete la teglia con un paio di cucchiai di burro sciolto. Mescolate con le fruste elettriche il burro con lo zucchero e lo yogurt per circa 3 minuti fino ad ottenere un composto gonfio e spumoso. Nel frattempo setacciate la farina con il lievito e il sale;
  • aggiungete ora un uovo per volta continuando a mescolare ad alta velocità (NB se l’impasto dovesse iniziare a separarsi unite un cucchiaio di farina dal composto appena setacciato);
  • unite ora il succo e la scorza delle clementine oltre ai semi di papavero amalgamando il minimo indispensabile e per ultimo il composto con la farina sempre mescolando quel tanto che basta per ottenere un impasto omogeneo. Versate il tutto nella teglia e infornate per un’ora (per verificare la cottura perfetta, utilizzate l’infallibile prova stecchino);
  • sfornate e lasciate la teglia un quarto d’ora a temperatura ambiente prima di togliere il dolce e adagiarlo su una gratella da forno perché freddi completamente. Nel frattempo preparate la glassa;

ok

  • montate con le fruste elettriche il burro con lo zucchero a velo e la scorza d’arancia per circa due minuti fino ad ottenere un composto omogeneo. Unite lo yogurt e montate ancora così da ottenere una glassa uniforme (NB se la glassa dovesse risultare troppo morbida per essere spalmata mettetela una decina di minuti in frigo a rassodare);
  • cospargete la superficie del dolce con la glassa e le scorze di arancia candita. Gustate con aria agrumata.

ok

Questo dolce è ideale per la colazione ma anche per una merenda o un dopocena in compagnia e non preoccupatevi se non trovate le clementine perché vanno bene anche i mandarini o i mandaranci: speriamo non mi abbia sentito il fruttivendolo. Alla prossima e keep in touch.

 

 

Torta o biscotto? Shortcake nocciole e mirtilli!

Hezelnut & Blueberry

Credo di aver già affrontato la questione shortcake ma ritengo utile ritornare sull’argomento (non è vero volevo solo mangiare questo dolce). Dunque, la parola inglese short in questo caso non sta per “breve” o “corto” bensì è la troncatura di shortening (che sta per “grasso da usare in cucina”): capite vero che direzione sta prendendo la ricetta? Gli shortcake sono torte, sì,  ma dalla consistenza piuttosto burrosa come un biscotto friabile. Credetemi: il mix è interessante. Questa versione mette insieme il gusto ricco delle nocciole con quello più fresco dei mirtilli. Come si fa? E’ facilissimo, credetemi. Allacciate il grembiule che iniziamo.

ok

INGREDIENTI per una tortiera da 20 cm.

100 gr. di nocciole tostate;

1 cucchiaino di cannella in polvere;

280 gr. di farina 00;

1 cucchiaino e mezzo di lievito in polvere per dolci;

165 gr. di zucchero di canna;

un pizzico di sale;

2 uova;

150 gr. di burro freddo e diviso a dadini;

160 gr. di marmellata di mirtilli;

100 gr. di mirtilli freschi.

zucchero a velo per decorare.

ok

PREPARAZIONE

  • Foderate il fondo della teglia con carta forno e preriscaldate il forno a 180°. Frullate grossolanamente nel mixer con le lame le nocciole e mettetene metà da parte. Aggiungete quindi alle nocciole nel mixer farina, cannella, zucchero, burro e sale;
  • azionate il mixer fino ad ottenere un composto sabbioso a cui unirete le uova che amalgamerete sempre con il mixer. Dividete ora l’impasto in due parti uguali;
  • stendente la prima parte nella teglia in maniera uniforme e fino ai bordi della teglia (NB il composto è appiccicoso e pertanto inumiditevi di tanto in tanto le mani per livellarlo);
  • versate le nocciole tenute da parte nella seconda parte di impasto e amalgamatele. Stendete sul composto nella teglia la marmellata e 50 gr. di mirtilli (NB tenete la marmellata almeno 2 cm. distanti dal bordo del composto);
  • stendete ora la restante parte di impasto sopra lo strato già steso nella teglia facendo attenzione a coprire completamente la marmellata di mirtilli;
  • infornate per 45 minuti o comunque fino a che uno stecchino inserito nel centro della torta non esca asciutto. Sfornate il dolce e, trascorsi 15 minuti, togliete la torta dalla teglia perchè freddi completamente su una gratella da forno. Decorate con zucchero a velo e qualche mirtillo fresco.

ok

Tutte le volte che addento una fetta di questo shortcake mi chiedo se sia più un biscotto o una torta e non riesco a trovare la risposta. Ora però a forza di mangiarne capirò da che parte sta questo shortcake. Alla prossima e keep in touch.

ok

 

Lemon ddrrr..drizzle cake!

Lemon Drizzle

Devo avervelo già detto ma in ogni caso mi piace ribadirlo ancora e ancora: i dolci al limone sono i miei preferiti, esattamente come per Nigella Lawson. Il dolce in questione è un classico dei classici che si gusta accompagnato da una tazza di tè: il lemon drizzle cake. Sul dolce infatti si versa una pioggerella (drizzle, appunto…) di sciroppo al limone. A questa versione ho aggiunto anche i semi di papavero: Nigella approverebbe.

ok

INGREDIENTI per una tortiera da plumcake

190 gr. di farina 00;

25 ml di latte;

5 gr. di lievito per dolci;

190 gr. di burro morbido (più due cucchiai sciolti per ungere la teglia);

190 gr. di zucchero semolato;

3 uova;

un pizzico di sale;

80 gr. di ricotta;

scorza di due limoni;

50 gr. di semi di papavero

Per lo sciroppo

50 gr. di zucchero;

succo di un limone;

100 ml. di acqua.

Per la glassa

3 cucchiai di zucchero a velo;

2 cucchiaini di succo di limone.

ok

PREPARAZIONE

  • Preriscaldate il forno a 160° e ungete la teglia con il burro fuso. Mettete nel mixer 190 gr. di burro con lo zucchero montando per circa tre minuti fino ad ottenere un composto gonfio e spumoso;
  • unite un uovo per volta al composto nel mixer e continuate a montare mentre a parte setacciate farina, lievito e sale (NB se l’impasto dovesse iniziare a separarsi, aggiungete un cucchiaio di farina e proseguite a montare);
  • unite ora il composto setacciato, in tre volte,  all’impasto nel mixer e dopo la seconda aggiungete anche il latte: amalgamate a bassa velocità e il minimo indispensabile. Dopo la farina unite la scorza di limone, i semi di papavero e la ricotta e mescolate quel tanto che basta per amalgamare il tutto;

ok

  • versate il composto nella teglia e infornate per 50-55 minuti (come sempre vale la prova stecchino per verificare la perfetta cottura). Nel frattempo mettete in un pentolino a bollire tutti gli ingredienti per lo sciroppo fino a che non si sarà ridotto della metà;
  • non appena sfornerete la torta irroratela con tutto lo sciroppo caldo e fate freddare per 10 minuti prima di toglierla dalla teglia perchè freddi completamente su una gratella da forno;
  • quando il dolce sarà freddo, preparate anche la glassa mescolando lo zucchero a velo e il succo di limone così da ottenere una consistenza densa e spalmabile per fare dei zig zag sulla torta. Gustate con fare pungente.

ok

Questa torta combina la facilità nella preparazione, l’umidità della propria consistenza e un gusto pungente che la rende tra i miei dolci preferiti. Vi ho già detto i dolci al limone sono quelli che più amo? Alla prossima e keep in touch.

NB Al posto della teglia per plumcake, ho usato una da teglia da Bundt Cake: sono d’effetto e ne esistono di diverse forme e misure. A differenza però della teglia da plumcake, con questa è necessario capovolgerela e adagiare la torta Upside Down prima di servirla.