New Orleans pie

new-orleans-pie

 

New Orleans è uno di quei posti che ti rimane nel cuore, ti entra dentro e non ti esce più. I colori, i profumi e le persone ti avvolgono profondamente e davvero la città ha qualcosa di magico. Quando ho scoperto che una pie era dedicata a questa meravigliosa città, non potevo sottrarmi e ve l’ho riproposta. Il dolce in questione ha un gusto forte e deciso come deve essere una delizia che arriva dalla Louisiana e in particolare da New Orleans. Volete saperne di più? Mettetevi all’opera insieme a me.

ulteriore

INGREDIENTI (tortiera diametro 22 cm)

Per la pasta

180 gr. di farina 00;

3-4 cucchiai di acqua freddissima;

un pizzico di sale;

115 gr. di burro freddissimo e a dadini.

si fetta

Per il ripieno

450 gr. di prugne secche tagliate grossolanamente;

succo e scorza di un limone;

15 gr. di burro;

5 cucchiai di brandy o whisky;

215 gr. di zucchero semolato;

65 gr. di noci sminuzzate grossolanamente;

ok

PROCEDIMENTO

  • per la pasta,  mettete nel mixer la farina, il sale e il burro riducendo l’impasto a un composto sabbioso. Unite a questo punto l’acqua azionando il mixer solo finché il composto non inizia ad addensare. Dopodiché compattate l’impasto a formare una palla che avvolgerete nella pellicola trasparente e lascerete in frigo per un’ora. Preriscaldate il forno a 180°;
  • stendete 2/3 l’impasto dello spessore di mezzo centimetro e foderate la base della tortiera che rimetterete in frigo per almeno un’altra mezz’ora. Nel frattempo mettete in una pentola tutti gli ingredienti del ripieno ad eccezione delle noci e fate sobbollire per tre minuti, dopodichè fate freddare a temperatura ambiente e unite le noci;
  • versate il ripieno nella tortiera e usate il restante terzo dell’impasto per fare delle striscie decorative con cui ricoprirete il composto. Premete i bordi della tortiera così da saldarli e infornate per 45-50 minuti o comunque finchè non vedrete il comopsto iniziare a sobbollire: a quel punto sfornate immediatamente. Sfornate e fate freddare completamente prima di tagliarne una fetta e gustarla.

ok

Sentite il gusto ricco e avvolgente di questa pie? Benvenuti a New Orleans, benvenuti nel mio mondo.

Alla prossima e keep in touch.

 

 

 

Un mostro di biscotti: monster cookies

MONSTER COOKIES

L’apparenza inganna… Ma raramente nei dolci: un dolce brutto mi scoraggia, insomma. Voglio cioé dire che si mangia anche con gli occhi. Fatta questa premessa, vi voglio raccontare di questi biscotti che hanno un nome ingiusto quanto fuorviante. Li vidi in una vetrina di una famosa bakery londinese e: taac! Ne rimasi stregato: si chiamano monster cookies. Mi spiegarono però che monster non stava tanto ad indicarne la bruttezza bensì la grandiosità e la ricchezza di gusto che li rende mostruosamente buoni. Ho dovuto verificare pertanto se questa spiegazione fosse veritiera; ora é il momento che voi lo scopriate con me.

OK

INGREDIENTI (per 16 cookies)

225 gr. di farina 00;

un pizzico di sale;

125 gr. di burro morbido;

150 gr. di zucchero di canna;

1 uovo a temperatura ambiente;

1 cucchiaino di estratto naturale di vaniglia;

1 cucchiaino di bicarbonato di sodio (5 gr.);

100 gr. di cioccolato bianco ridotto in pezzetti;

25 gr. di cacao amaro in polvere;

50 gr. di noci ridotte in pezzi grossolanamente.

OK

PREPARAZIONE

  • Montate nel mixer il burro con lo zucchero e la vaniglia per circa 2 minuti fino ad ottenere un composto gonfio e spumoso. Unite quindi l’uovo e amalgamate ancora per circa 30 secondi. Setacciate a parte la farina, il bicarbonato, il sale e il cacao;
  • unite quindi il composto appena setacciato amalgamando il tutto il minimo indispensabile perchè si incorpori uniformemente. A questo punto aggiungete il cioccolato bianco e le noci mescolando con una spatola e infime mettete il composto in frigo coperto da pellicola trasparente per 45 minuti;
  • preriscaldate il forno a 180°, foderate la leccarda con carta forno e adagiatevi 16 palline di impasto tolto dal frigo distanziate 3 cm. circa le une dalle altre. Cuocete per 10 minuti e sfornate lasciando freddare i cookies completamente sulla teglia. Dovranno avere una consistenza morbida che li renderà golosi ed irresistibili.

OK

 

Continuerò a chiamarli monster cookies perchè così li ho consciuti ma solo per affetto e gratitudine perchè per il resto sono di una bontà unica. Alla prossima e keep in touch.

OK OK

 

P come Pumpkin, P come Pancake

Pumpkin

La zucca è come il nero: sta bene con tutto e sfina. Sul fatto che sfini ci devo ancora pensare ma è vero che si tratta di una verdura versatile adatta alle preparazioni dolci e salate e addirittura ottima per colazione. Si, dentro dei soffici pancake arancioni che cambieranno la vostra giornata e addirittura la vostra settimana.

e

INGREDIENTI (8-10 pancakes di media larghezza o 16-20 piccoli)

280 gr. di  zucca senza buccia e semi;

25 gr. di burro sciolto (più una noce per ungere la padella)

125 ml. di latte;

2 uova

2 1/2 cucchiaini di lievito chimico per dolci;

200 gr. di farina 00;

un pizzico di sale

1/2 cucchiaino di cannella;

1/2 cucchiaino di cannella in polvere;

45 gr. di zucchero di canna;

sciroppo d’acero in abbondanza;

noci

b

PREPARAZIONE

  • Cuocete al vapore la zucca fino a che sia morbida, asciugatela con carta da cucina di quanta più umidità potete. Schiacciatela ora con una forchetta così da ottenerne una purea;
  • in una ciotola o in una caraffa capiente mescolate le uova, il latte e lo zucchero. Unite quindi la zucca mescolando ancora vigorosamente. A parte setacciate farina, lievito, sale e spezie che unirete al tutto amalgamando con una spatola in una pastella densa (se troppo densa, potete aggiungere un paio di cucchiai di latte);
  • scaldate una padella unta leggermente di burro e,non appena sarà bel caldo, versate direttamente dalla caraffa la pastella. Non appena iniziete a vedere delle bolle sulla superficie dei pancake, girateli delicatamente per completare la cottura (NB a mano a mano che preparate i pancake potete tenerli nel forno caldo a 80° così che non freddino quando li porterete in tavola tutti insieme);
  • innaffiate la torre di pancake con generoso sciroppo d’acero e noci a pezzetti. Gustate gaudenti.

c

I pancake mettono di buon’umore tutti e se poi sono colarati, gustosi e insoliti ancor di più. Alla prossima e keep in touch.

ok a

 

Da Londra con furore: torta caffé e noci pralinata

IMG_6505

Qui il freddo non arriva, facciamocene una ragione. Mi riferisco a quel freddo pungente che ti entra nelle ossa e da cui a fatica riesci a difenderti. Quelle sferzate taglienti che solo il pensiero di un tè caldo può mitigare. Il fatto é che la voglia di mettere a scaldare l’acqua per il tè a me non viene poiché fa troppo caldo. Si, il clima non é quello gelido che invoglia a stringere la tazza calda e fumante. Visto che però i dolci da tè sono i miei preferiti, che fare? Me ne infischio e anche senza tè li cucino ugualmente: semplice, no? Uno dei classici che più classico non c’è è la torta caffé e noci che gli inglesi però a mio avviso decorano in maniera un tantinello “rustica”. La mia versione pertanto é fedelissima alla tradizione ma più posh grazie al pralinato di noci pecan con cui l’ho decorata. Volete saperne di più? Allacciate il grembiule e partiamo.

INGREDIENTI (due tortiere da 20 cm.)

Per le basi

150 gr. di burro morbido;

150 gr. di zucchero semolato;

un pizzico di sale;

3 uova a temperatura ambiente;

175 gr. di farina 00;

50 gr. di noci tritate grossolanamente;

1 cucchiaio di caffè solubile (15 gr.);

1 e 1/2 cucchiaini di lievito (8 gr.);

IMG_6511

Per lo sciroppo al caffé

75 gr. di zucchero;

75 ml. di acqua;

1 cucchiaio di caffè solubile;

Per la glassa al mascarpone

100 gr. di burro morbido;

un cucchiaino di caffè solubile;

100 gr. di zucchero a velo setacciato;

200 gr. di mascarpone;

Per le noci pralinate

60 gr. di noci (più 5 o 6 come guarnizione);

60 gr. di zucchero semolato.

IMG_6507

PREPARAZIONE

– Preriscaldate il forno a 180 gradi e foderate le tortiere con carta forno. In un mixer elettrico montate a crema per circa 2 minuti il burro con lo zucchero. Nel frattempo sciogliete il caffè in un cucchiaio abbondante di acqua calda. Unite un uovo per volta, avendo cura di mescolare di tanto in tanto il fondo del cestello del mixer con una spatola;

– unite a questo punto le noci e il caffè e mescolate ancora. Nel frattempo setacciate la farina con il lievito e il sale e unitela al composto nel mixer mescolando a bassa velocità e quel tanto che basta per incorporare il tutto. Dividete il composto in parti uguali nelle teglie e infornate per 30 minuti (vale al solito la prova stecchino);

– mentre le torte cuociono preparate lo sciroppo, portanto a bollore l’acqua con lo zucchero dopodichè scioglietevi dentro il caffè e tenete da parte. Appena sfornate le torte, spennellatele con lo sciroppo in modo che venga completamente assorbito. Lasciate le torte 20 minuti a temperatura ambiente prima di sformarle e farle completamente freddare su una gratella da forno;

– preparate le noci pralinate mettendo lo zucchero in una padella antiaderente così da scioglierlo ma senza girarlo con cucchiai o altro (potete di tanto in tanto far roteare leggermente la padella). Appena lo zucchero sara sciolto e brunito, versatevi dentro le noci in modo da ricoprirle. Fatele cuocere per 20 secondi e poi rovesciate il tutto su una teglia coperta di carta forno così che possa freddare completamente;

– mettete le noci nel mixer e rendetele una granella. Nel frattempo preparate il frosting al mascarpone montando a crema il burro con lo zucchero a velo, per tre o quattro minuti, dopodichè aggiungete il caffè e montate ancora per un minuto. Unite il mascarpone e amalgamate il tutto per 30 secondi con il mixer a bassa velocità e mettete da parte;

IMG_6515

– mettete la prima torta sul piatto da portata e spalmate un generoso strato di crema al mascarpone e una manciata di pralinato di noci, dopodiché adagiatevi sopra l’altro strato di torta e cospargete il top e i lati con altra glassa. Coprite i lati della torta con il pralinato e il top con dei ciuffi di frosting e le noci tenute da parte. La torta di conserva in frigo per 3 giorni ma non arriva a due, credetemi 🙂

L’abbinamento noci e caffè é un classico inglese ma generalmente con un estetica rustica che io non amo e ho quindi voluto dare un tocco più classy: che ne pensate? Alla prossima e keep in touch.

 

 

 

Falla girare così che tutti la possano mangiare: banana upside-down cake

Banana upside-down cake

Banana upside-down cake

“Falla girare così che tutti la possano vedere/sentire” cantava Jovanotti e io non ho immediatamente capito a cosa si riferisse ma mi ha subito fatto venire in mente le cosiddette torte rovesciate. Un classico britannico é la torta rovesciata all’ananas ma io volevo osare,  e quando dico osare voglio dire innanzitutto non preparare un classico. Mi é venuta in aiuto la credenza e il frigo (no, non nel senso che hanno iniziato a parlarmi… per ora) poiché avevo delle banane un pò “stanche” e dello sciroppo d’acero. “Il gioco é fatto” mi son detto e se volete scoprire come e perché mettetevi all’opera.

INGREDIENTI (per una tortiera quadrata 22X22 cm.)

200 gr. di burro morbido;

100 gr. di zucchero semolato;

100 gr. di zucchero di canna;

3 uova a temperatura ambiente;

300 gr. di farina 00;

1 cucchiaino (5 gr.) di lievito in polvere;

un pizzico di sale;

2 banane mature schiacciate grossolanamente;

100 gr. di noci tritate grossolanamente;

120 ml. di latte intero;

4 cucchiai di sciroppo d’acero;

2 – 3 banane tagliate a rondelle.

Banana upside-down cake

Banana upside-down cake

PREPARAZIONE

– Foderate la teglia con carta forno avendo cura di versare lo sciroppo d’acero sul fondo. Adagiate ora le rondelle di banane in modo da coprire tutta la base della teglia, dopodichè mettetela in frigo per tutta la preparazione dell’impasto;

– preriscaldate il forno a 180°e montate nel mixer per 4-5 minuti il burro con tutti e due i tipi di zucchero avendo cura di tanto in tanto di fermare la base del mixer e mescolare il fondo del cestello. Quando il composto sarà gonfio e spumoso, unite un uovo per volta continuando a mescolare a velocità medio-alta.  A parte nel frattempo setacciate farina, sale  e lievito;

– unite metà della farina al composto e amalgamate a velocità bassa quel tanto che basta per incorporare il tutto. Proseguite con il resto della farina e dopodichè, con l’ausilio di una spatola, amalgamate al composto le banane e le noci schiacciate grossolanamente. Prendete la teglia dal frigo e versatevi DELICATAMENTE l’impasto avendo cura di muovere il meno possibile le banane: questo é l’unico passaggio delicato di tutto il procedimento.

Banana upside-down cake

Banana upside-down cake

– infornate per 45-48 minuti circa (vale la solita prova stecchino), sforate e lasciate circa 10 minuti la teglia a temperatura ambiente. Rovesciate ora la teglia su un ampio piatto da portata e delicatamente togliete la carta forno: ta daaa! Ecco a voi la vostra torta alle banane rovesciata. Servita con un pò di panna o del gelato alla vaniglia é la morte sua.

Banana upside-down cake

Banana upside-down cake

L’avete fatta girare? Cosa? La torta, ovviamente. Secondo me, tra l’altro, se Jovanotti avesse mai visto questa delizia alla banana la canzone l’avrebbe scritta ugualmente ma dedicandola a lei. Che dite? Alla prossima e keep in touch.

 

 

 

 

Il dolce “bye bye darling”: Blondie Carrot cake

Blondie Carrot cake

Blondie Carrot cake

Tempo di viaggi. Come dite? Sono sempre in giro: no, è solo un’impressione credetemi. La verità é che i miei viaggi caratterizzano così tanto questo blog che ritornano spesso nelle ricette e nei racconti dei post. Tra poco sarò di nuovo in viaggio e negli States lungo le “Route 66” e “61”: Chicago, Saint Louis, Memphis, Nashville, New Orleans. Un percorso lungo la musica, il cibo e la storia; non vedo l’ora. Come faccio sempre, vi porterò con me e vi farò un reportage strada facendo. Tra una valigia e l’altra, ho preparato una delizia perchè dobbiamo dirci arrivederci con dolcezza. Si tratta di una via di mezzo tra il blondie (la versione con cioccolato bianco del brownie) e la carrot cake. Curiose/i? Mettiamoci al lavoro insieme che tra poco devo fare il check in.

INGREDIENTI

90 gr. di cioccolato bianco a pezzetti piccoli

120 gr. di burro

120 gr .di zucchero semolato

2 uova a temperatura ambiente

150 gr. di farina 00

1 pizzico di sale

1/2 cucchiaino di bicarbonato di sodio

1 cucchiaino (5 ml.) di estratto di vaniglia

80 gr. di carote

scorza di mezza arancia

1/2 cucchiaino di cannella in polvere

50 gr. di noci tritate grossolanamente

PER LA GLASSA

due o tre cucchiaini di succo di arancia

tre cucchiai di zucchero a velo

alcune gocce di colorante alimentare arancione

carote di marzapane

Blondie Carrot cake

Blondie Carrot cake

PROCEDIMENTO

– Accendete il forno a 180° e foderate una teglia antiaderente 20 X 20 cm con un foglio di carta forno, nel frattempo sciogliete a bagno maria il burro e il cioccolato.  Quanto il composto sarà omogeneo e completamente sciolto, togliete dal fuoco e fate freddare a temperatura ambiente;

– setacciate in una ciotola la farina, il sale, il bicarbonato di sodio e la cannella. Intanto con un mixer elettrico montate per un paio di minuti le uovo e lo zucchero finché il composto non diventa gonfio e spumoso;

Blondie Carrot cake

Blondie Carrot cake

– mescolate le uova e la vaniglia in una ciotola e versatele nel composto di cioccolato e burro ormai freddo. A parte mescolate le carote, le noci tritate e la scorza di arancia. Unite in due volte il composto di farina a quello con il cioccolato;

– quando avrete aggiunto tutta la farina, unite il composto di carote ed amalgamate ancora per bene.  Versate l’impasto nella teglia e infornate per 20 minuti. Vale la prova stecchino che però, in questo caso dovrà uscire leggermente umido dopo che lo avrete inserito nel blondie);

– sfornate il dolce e dopo averlo lasciato 10 minuti a temperatura ambiente sformatelo e fate freddare a temperatura ambiente. Dividete in quadrotti e intanto preparate la glassa mescolando tutti gli ingredienti fino ad ottenere un composto denso che con l’aiuto di un cucchiaio spalmerete sui blondie. Adagiate la carotina di marzapane prima che la glassa solidifichi.

Blondie Carrot cake

Blondie Carrot cake

Delizioso vero? Come dite? Mi devo sbrigare? Cielo, avete ragione l’aereo sta per partire devo correre. Alla prossima e keep in touch.

Blondie Carrot cake

Blondie Carrot cake

 

Il torcetto newyorkese: rugelach al cioccolato

Rugelach

Rugelach

In una delle mie tappe newyorchese portai via con me un rimpianto: non essermi fermato a gustare qualche delizia del locale che avevo sotto casa, che a mio modo snobbai per altre più chic. Sto parlando del Russ & Daughters Appetizers nel Lower east side (una delle mie zone preferite, spesso trascurata dai turisti). Questo locale ha quasi un secolo e prepara cibo della tradizione gastronomica dell’Est Europa ed ebraico-americana. Tutti, dico tutti, quelli che entravano uscivano con una sorta di torcetto in mano o addirittura con interi sacchetti pieni di queste delizie. Ho chiesto cosa fossero e ho scoperto che si trattava di rugelach cioé torcetto (questo l’ho capito dopo grazie a un vocabolario on line). Ce ne erano di diversi tipi: al cioccolato, ai lamponi, alle prugne, ai fichi;  ma sempre a forma di torcetto, e sottolineavano che erano fatti a mano uno per uno. In effetti era evidente che c’era il tocco di un fornaio e non di una macchina industriale. Quello che più mi colpiva era l’aria di soddisfazione con la quale le persone che uscivano dal locale addentavano i loro rugelach: dovevo saperne di più. Oltre alle diverse farciture, mi spiegarono che la sfoglia era fatta con del formaggio spalmabile che aveva bisogno di un lungo periodo di raffreddamento in frigo. Ah bé, allora sono pronto per mettermi all’opera e voi con me.

Rugelach

Rugelach

INGREDIENTI per la pasta

95 gr. di farina 00;

65 gr. di formaggio fresco spalmabile (tipo Philadelphia);

60 gr. di burro morbido;

1 generoso pizzico di sale;

INGREDIENTI per la crema al cioccolato

25 ml. di panna;

10 gr. di burro;

40 gr. di cioccolato a pezzetti;

INGREDIENTI per la guarnitura

30 gr. di cioccolato amaro a pezzetti;

20 gr. di noci o nocciole o mandorle in granella;

80 gr. di zucchero semolato;

INGREDIENTI per la doratura

1 tuorlo;

1 cucchiaino di acqua fredda;

1/2  cucchiaio di zucchero semolato

1/2 cucchiaino di cannella in polvere.

Rugelach

Rugelach

PREPARAZIONE

_ Con il robot da cucina amalgamate tutti gli ingredienti per fare la pasta fino ad ottenere una palla liscia che avvolgerete nella pellicola e lascerete in frigo per almeno 5 ore;
– nel frattempo preparate la guarnitura portando a bollore in un pentolino la panna e il burro. Togliete dal fuoco e versatevi dentro il cioccolato e mescolate fino a ottenere una crema liscia che lascerete addensare a temperatura ambiente finchè non raggiunge la consistenza di una crema spalmabile;

– Preriscaldate il forno a 180° e, tolta la pasta dal frigorifero dopo 5 ore, stendetela  su un piano leggermente infarinato così da ottenere un disco omogeneo del diametro di 28-30 cm. Cospargete uniformemente la crema ormai fredda e densa, avendo cura di lasciare almeno un cm. dal bordo, dopodiché versate gli ingredienti per la guarnitura precedentemente mescolati;

Rugelach

Rugelach

– tagliate ora 8 spicchi triangolari,  e arrotolate ciascuno a partire alla base verso la punta così da formare dei torcetti che adagerete sulla leccarda precedentemente foderata di carta forno. Spennellate ciascun rugelach con il tuorlo, sbattuto insieme all’acqua, e cospargete con una generosa spolverata di zucchero misto a cannella;

– infornate per 20-22 minuti o comunque fino a una leggera doratura dei torcetti,  dopodiché sfornate e lasciate freddare 10 minuti prima di toglierli dalla leccarda e adagiarli sul piatto da portata perchè possano freddare completamente. Divorate fino a sentirvi a spasso per Alphabet City.

Questi dolcini sono una vera coccola e l’effetto che hanno su di me é quello di portarmi direttamente per le strade della Grande Mela, senza rimpianti e senza rimorsi. Alla prossima e keep in touch.

Il biscotto esagerato: cookie banana, cioccolato, noci e avena

Banana, walnut, chocolate and oat cookies

Banana, walnut, chocolate and oat cookies

Non so voi ma io dopo le feste non sento che parlare di diete. Come dite? Volete sapere se anch’io sono a dieta? Vabbé, diciamo che ci sto facendo un pensierino. Pensa che ti ripensa ho pensato che se invece di spiluccare tante cose le mettessi tutte in un dolcino forse potrei aggirare il problema della dieta. Ho pensato che l’esperienza americana potrebbe essermi di aiuto. Ricordo infatti l’ultimo viaggio newyorkese quando un cookie, un solo cookie mi dava l’energia per affrontare la giornata, quindi un solo cookie dovrebbe bastarmi per affrontare la dieta. Scopriamolo insieme.

INGREDIENTI PER I COOKIES

225 gr. di cioccolato amaro ridotto in pezzetti

170 gr. di burro a temperatura ambiente

100 gr di zucchero di canna

100 gr. di zucchero semolato

1 uovo

195 gr farina 00

1 cucchiaino di bicarbonato di sodio

un pizzico di sale

1/2 cucchiaino di estratto di vaniglia

50 gr. di noci a pezzetti

120 gr. di fiocchi d’avena

1 banana matura

INGREDIENTI PER LA GLASSA

80 gr. di cioccolato amaro

60 ml. di panna

Banana, walnut, chocolate and oat cookies

Banana, walnut, chocolate and oat cookies

PREPARAZIONE

– Preriscaldate il forno accendendolo a 180° e foderate la leccarda con carta forno. Montate nel mixer il burro e i due tipi di zucchero finché il composto sia gonfio e spumoso (un paio di minuti circa). Unite ora l’uovo e amalgamate ancora per incorporarlo per bene, dopodiché fate lo stesso con la vaniglia;

– unite ora la banana schiacciata e mescolate a bassa velocità  il composto quel tanto che basta perché venga amalgamata completamente. Unite la farina setacciata e il pizzico di sale e mescolate con una spatola (da questo punto in avanti non utilizzate più il mixer);

– unite ora l’avena, il cioccolato e le noci e mescolate. Mettete il composto in frigo per mezz’ora;

– trascorso questo tempo, adagiate delle palline di impasto sulla leccarda utilizzando un porzionatore da gelato o un cucchiaio e, prima di infornare, schiacchiate leggermente le palline con il palmo della mano;

– infornate per 13 minuti, trascorsi i quali sfornate e attendete un paio di minuti prima di mettere i cookies su una gratella da forno perchè freddino completamente. Ricordate che i cookies dovranno essere ben cotti lungo i bordi ma morbidi e soffici al centro. Mentre attendete che i cookies si raffreddino, preparate la glassa;

– per la glassa, preparate la speedy ganache: unite il cioccolato a pezzetti e la panna in una ciotola che metterete nel microonde portandolo al massimo per 15 secondi. Mescolate e ripete per altri 15 secondi e così di seguito fino a che non avrete un composto omogeneo e liscio che metterete in una sac à poche con punta sottile (nel caso non l’aveste potete semplicemente untilizzare un cucchiaino);

– create con il cioccolato delle decorazioni astratte sui cookies ormai freddi. Lasciate a temperatura ambiente finchè il cioccolato non si sarà completamente rappreso. Divorate senza senso di colpa alcuno.

Dunque, questi cookies hanno dentro di tutto e di più e uno solo appaga i sensi in maniera indescrivibile ma il problema é che sono così buoni che uno solo proprio non vi può bastare. La dieta? Ah, si giusto ecco… keep in touch.

Banana, walnut, chocolate and oat cookies

Banana, walnut, chocolate and oat cookies

Dolcino sprint con una torta fridge: Chocolate fridge cake

Chocolate Fridge BarSono fiacchissimo. Mi rendo conto che come esordio suona infelice ma non riesco a nascondervi niente: il caldo devastante, le vacanze ormai lontane e il fatto che io per preparare dolci ho bisogno del mio forno, in questi giorni difficilmente avvicinabile.  Insomma tutto mi sembra avverso. Stamattina mi sono proprio detto:     “Ho bisogno di sprint e di dolce e ne ho bisogno subito”. Ho anche pensato che se mi fossi messo all’opera al mattino avrei avuto il mio dolcino già per merenda: una gran bella prospettiva. Se sprint  e dolce sono anche le vostre parole d’ordine in questi giorni, armatevi di ingredienti e inziamo.

INGREDIENTI (teglia quadrata 20 X 20)

250 gr. di  biscotti (io ho usato i Digestive)

100 gr. di burro

un pizzico di sale

100 gr. di cioccolato al latte

200 gr. di cioccolato fondente

150 gr. di golden syrup (se non lo trovaste, usate pure del miele d’acacia o millefiori purché non di castagno)

100 gr di albicocche secche

75 gr. di uvetta

60 gr. di noci o nocciole o mandorle (o anche un pò di ciascuno).

Chocolate Fridge Bar 2

PREPARAZIONE

– Per prima cosa non fatevi lontanamente sfiorare dall’idea di accendere il forno. Detto questo, foderate la teglia con pellicola trasparente facendo in modo che sporga di un paio di centimetri oltre il bordo;

– rompete grossolanamente in una ciotola il cioccolato, unitevi il burro e il golden syrup. Mettete la ciotola sopra ad una pentola con acqua leggermente a bollore (attente/i a che la ciotola non tocchi l’acqua). Fate sciogliere il tutto in maniera omogenea mescolando di tanto in tanto;

– mettete da parte la ciotola e fate freddare. Nel frattempo rompete grossolanamente i biscotti, tritate la frutta secca e mescolate il tutto per bene. Aggiungete il pizzico di sale;

– non appena il composto al cioccolato sarà tiepido (non prima altrimenti rischiate l’effetto zuppa molliccia), unitevi quello di biscotti e frutta secca. Mescolate in modo da ricoprire completamente i biscotti e versate il tutto nella teglia. Livellate il composto per bene esercitando una decisa pressione con l’aiuto di un cucchiaio o di una spatola;

– quando il composto sarà ben livellato, copritelo con altra pellicola e mettetelo in frigo per almeno 4 ore. Trascorso questo tempo, togliete il compsto dal frigo e tagliatelo in barrette gustose. Si conserva per una settimana (se il caldo le ammorbidisse troppo a temperatura ambiente, basterà mettere le barrette in frigo per un quarto d’ora).

Chocolate Fridge Bar 1

Questa torta ha una doppia avvertenza e poiché siamo amiche e amici da un pò non posso non dirvi tutto: é facilissima e talmente buona che non smetterete più di mangiarla. Se poi in casa ci sono dei ragazzi é davvero la fine… o forse no. Alla prossima e keep in touch.

9 colpi di spatola prima di infornare: muffin alle noci macadamia e cioccolato bianco

Macadamia nuts Muffins

Una delle regole d’oro dei muffin é di amalgamare l’impasto il “minimo indispensabile”. Io che sono una persona “precisina” (leggi: al limite dell’ossessivo) ho cominciato a cercare qua e là informazioni sul concetto di “minimo indispensabile”. Ho trovato una recente intervista a Lorraine Pascale nella quale affermava che quando si preparano i muffin non bisogna dare più di nove colpi di spatola. Ah si? Allora proviamo subito, con questi muffin alle noci macadamia e cioccolato bianco.

INGREDIENTI

Tutti gli ingredienti devono essere a temperatura ambiente

300 gr. di farina autolie;

1 cucchiaino (5 gr.) di lievito in polvere;

150 gr. di zucchero;

75 gr. di cioccolato bianco ridotto a quadrettini;

100 gr. di noci macadamia;

100 ml. di latte intero;

100 ml di yogurt intero;

2 uova;

80 ml. di burro sciolto.

Noci di macadamia nei muffins

PROCEDIMENTO

– accendete il forno a 180° e foderate con 12 pirottini di carta una teglia da muffin. Prendete due ciotole: nella prima mescolate la farina, il lievito, lo zucchero, le noci e il cioccolato mentre nella seconda amalgamate le uova, il latte, lo yogurt e il burro fuso e freddato;

– versate gli ingredienti secchi dentro quelli liquidi e mescolate (9 colpi di spatola, appunto) quel tanto che basta per amalgamare gli ingredienti;

– distribuite il composto nei 12 pirottini fin quasi al bordo (non temete….) e infornate per 20 minuti (vale sempre la prova stecchino). Lasciate riposare i muffin 5 minuti nella teglia prima di rimuoverli e farli freddare su una gratella da forno. Divorate 😉

Macadamia nuts muffins