Muffin del buon risveglio.

Breakfast muffin

Il risveglio é un momento importante della giornata ma a volte anche un tantinello complicato. Io quindi ho pensato a come dare uno sprint goloso alle vostre mattine e alle vostre colazioni: come? Scopritelo preparando con me questi muffin golosissisimi,

ok

INGREDIENTI (per 8 muffin)

225 gr. di farina 00;

un pizzico di sale;

2 cucchiaini di lievito in polvere (10 gr.);

1 cucchiaino di bicarbonato di sodio (5 gr.)

1 uov0;

180 gr. di yogurt intero;

40 ml. di latte;

130 gr. di zucchero semolato;

un paio di cucchiai di miele;

50 gr. di fiocchi d’avena;

125 gr. di lamponi e/o mirtilli freschi.

ok

PREPARAZIONE

  • Preriscaldate il forno a 200° e  inserite i pirottini da muffin nell’apposita teglia. In una ciotola mescolate yogurt, latte, l’uovo. In una seconda ciotola mescolate la farina con lo zucchero, il lievito, il bicarbonato, il sale e i frutti rossi avendo cura che non si spappolino (NB Tenete da parte una decina di mirtilli o lamponi che adagerete sulla cima del muffin crudo prima di infornarlo);
  • unite ora il composto liquido a quello con la farina mescolando il minimo indispensabile per amalgamare il tutto N.B. se monterete l’impasto o anche solo lo amalgamerete troppo, i muffin diventeranno duri come pietre. Mettete ora il composto in frigo per 30 minuti;

ok

  • trascorsa mezz’ora, dividete il composto negli otto pirottini sulla cui sommità cospargerete l’avena e un paio di frutti rossi. Infornate per 10 minuti trascorsi i quali abbasserete la temperatura del forno a 180° e cuocerete per altri 15 minuti o comunque fino a cottura ultimata che verificherete con l’infallibile prova stecchino;
  • sfornate e immediatamente fate cadere su ciascun muffin caldo un cucchiaino di miele. Gustate con aria mattiniera.

ok

Gingerbread tart delle Feste

gingerbread-tart

Tanto per iniziare, buon 2017 di cose belle e dolci a tutte e tutti. Se dico Pan di zenzero evoco nell’immaginario collettivo i simpatici omini fatti di biscotto tradizionalmente preparati a Natale in nord Europa. Mi sono chiesto perché non realizzarne una versione crostata e la risposta è proprio nella ricetta qui sotto.

OK

INGREDIENTI (tortiera da crostata rotonda da 20 cm con bordo alto 2 cm)

Per la pasta

200 gr. di farina 00;

60 gr. di zucchero di canna;

scorza e succo di mezza arancia;

3 cucchiai di miele;

un pizzico di sale;

60 gr. di burro;

1/2 cucchiaino di cannella;

1/2 cucchiaino di zenzero;

1/4 di cucchiaino di chiodi di garofano;

un pizzico di sale.

Per il ripieno

150 ml di panna;

6 tuorli;

3 cucchiai di rum o di brandy;

50 gr. di zucchero.

ok

PREPARAZIONE

  • Sciogliete in un pentolino senza portare a bollore, il burro, lo zucchero e il miele; dopodiché mettete da parte. In una ciotola setacciate la farina, il sale, le spezie a cui aggiungerete il composto con il burro, la scorza e il succo d’arancia così da compattare il tutto in una palla da avvolgere nella pellicola trasparente e far riposare in frigo per almeno un’ora (NB impastate il composto il minino indispensabile, altrimenti risulterà duro in cottura. Se il composto fosse troppo asciutto, aggiungete un paio di cucchiai di latte freddo);
  • stendete la pasta dello spessore di mezzo centimetro e foderate la teglia che metterete in freezer per 20 minuti, nel frattempo preriscaldate il forno a 190°. Coprite la teglia con carta alluminio su cui adagerete fagioli secchi o sfere di ceramica, infornate per 15 minuti dopodiché scoprite la teglia e infornate per altri 6 minuti. Sfornate a temperatura ambiente e abbassate la temperatura del forno a 140°;
  • nel frattempo, mettete in un pentolino tutti gli ingredienti del ripieno che mescolerete e farete riscaldare senza portare a bollore (NB non appena inizierà ad addensare, togliete dal fuoco). Versate delicatamente il ripieno nella base ( dopo aver tolto i fagioli secchi o le sfere!) e cuocete per 25 minuti o comunque fintanto che il composto sarà sodo fatta eccezione per il centro che dovrà risultare leggermente tremulo (NB la torta rassoderà raffreddandosi con il calore residuo);
  • lasciate freddare completamente prima di togliere la torta dalla teglia e, se volete, decorate prima di gustare.

ok

Questa crostata vi lascerà sempre il gusto delle feste o quantomeno fino all’estate: non è poco, dai. Alla prossima e keep in touch.

ok

 

Upside-down cake all’albicocca italo-americana

Apricot cake (1)

Se parlate di dolci italiani in America hanno in mente che qui da noi si faccia tutto con la ricotta. Credo che sia un’idea dettata dal fatto che molti immigrati provenienti dal sud Italia abbiano portato le loro delizie negli Stati Uniti, e la ricotta spesso la fa da protagonista. Da questa suggestione sono partito per preparare la mia nuova dolcezza includendo in una classica upside down cake la ricotta: se è perfetta per i dolci italo americani figuriamoci se non posso usarla io. Pronti, paisà? Mettiamoci all’opera.

ok

INGREDIENTI (per una tortiera da 20 cm.)

175 gr. di farina 00;

25 gr. di farina di mandorle;

un cucchiaio di mandorle a lamelle;

1 1/2 cucchiaino di lievito in polvere per dolci (8 gr.);

200  gr. di zucchero semolato;

200 gr. di ricotta;

un pizzico di sale;

125 gr. di burro morbido (più un ulteriore cucchiaio per ungere la teglia);

1 confezione di albicocche sciroppate (da 420 gr. circa) oltre a 50 ml. di sciroppo;

2 uova;

scorza di un limone;

un paio di cucchiai di marmellata di albicocche.

ok

PREPARAZIONE

  • Preriscaldate il forno a 190° e foderate la base e i lati della tortiera con carta forno su cui adagerete le albicocche sgocciolate (NB ricordate di tenere da parte 50 ml. di sciroppo). Montate nel mixer il burro morbido, lo zucchero e la ricotta (se il composto dovesse iniziare a separarsi unite un cucchiaio di farina);
  • unite un uovo per volta al composto e continuate a mescolare, unendo infine la scorza di limone. Nel frattempo, a parte, setacciate le farine, il sale e il lievito che unirete in due volte al resto dell’impasto nel mixer amalgamando quel tanto che basta per incorporare il tutto;

ok

  • versate l’impasto nella tortiera e infornate per 45 minuti circa, verificando l’avvenuta cottura con l’infallibile prova stecchino. Nel frattempo scaldate in un pentolino lo sciroppo e in un altro la marmellata. Sfornate la torta, irroratela con lo sciroppo caldo e lasciatela a temperatura ambiente per 5 minuti. Dopodiché rovesciate delicatamente la teglia su un piatto da portata, togliete la carta forno e spennellate la superficie con la marmellata calda. Cospargete i bordi della torta con le lamelle di mandorle. Servite a testa in giù (no, vabbé scherzo).

ok

La ricotta rende questo dolce morbido e soffice come poco altro e soprattutto straordinariamente elegante da far invidia a tutta little Italy. Alla prossima e keep in touch.

ok

 

Operazione PBC: cheesecake al burro d’arachidi e cioccolato

Peanut Butter Cheesecake

L’argomento burro d’arachidi in Italia é certamente controverso. Se infatti il peanut butter é alla base delle merende americane da decenni, in Italia non é particolarmente diffuso. Lo si trova piuttosto facilmente sugli scaffali dei supermarket italiani solo e triste accanto ad altre creme spalmabili ben più utilizzate dalle mamme e dai papà italiani.  A me non dispiace, che non vuol esattamente dire che ne vado matto, ma é una di quelle cose che di tanto in tanto mi piace usare nei miei dolci perchè altrimenti che blog di dolci USA sarebbe? Il suo sapore sapido nella cheesecake ci sta bene e se poi aggiungete il cioccolato, ecco insomma… mettiamoci all’opera che ho già fame.

OK

INGREDIENTI PER UNA TORTIERA APRIBILE DA 24 CM

Per la base:

80 gr. di burro sciolto;

200 gr. di biscotti al cioccolato;

Per il ripieno:

400 gr. di formaggio tipo Philadelphia® a temperatura ambiente;

4 tuorli d’uovo;

150 gr. di zucchero;

150 gr. di burro d’arachidi;

250 ml. di panna freddissima;

6 fogli di gelatina;

Per la decorazione

40 gr. di cioccolato fondente.

SI2

PREPARAZIONE

  • Foderate con la carta forno il fondo e le pareti della toritera, mettete a sciogliere il burro e a parte sbriciolate finemente i biscotti con il mixer. Attendete che il burro intiepidisca leggermete  e dopodichè unitevi i biscotti amalgamando il tutto uniformemente;
  • stendete ora il composto uniformemente sulla base della tortiera che metterete in freezer per 15 minuti. Nel frattempo mettete i fogli di gelatina a mollo in acqua e montate con le fruste elettriche il formaggio, i tuorli e lo zucchero. Scaldatate a parte nel forno a microonde il burro d’arachidi e scioglietevi dentro la gelatina strizzata dell’acqua in eccesso;

Si5

  • unite ora tre cucchiai del composto di formaggio al burro d’arachidi, così da raffreddare il composto e, solo a questo punto, unirlo al resto dell’impasto di Philadelphia e zucchero. Mescolate in modo da amalgamare uniformemente il tutto, dopodichè montate la panna freddissima che unirete con movimenti dal basso verso l’altro all’impasto;
  • versate ora il tutto nella tortiera e mettete a freddare in frigo per un minimo di 5 ore, ancor meglio tutta la notte. Trascorso il tempo necessario, togliete la torta dalla tortiera e adagiatela sul piatto da portata. Sciogliete a bagnomaria il cioccolato fondente e, dopo che sarà leggermente intiepidito,  usatelo per decorare la superficie della torta con l’aiuto di un sac à poche. Gustate con aria americana.

Si7

La ricetta é facile, fresca e americanissima: non potrete non amarla e poi di tanto in tanto potrete riconciliarvi con il peanut butter. Alla prossima e keep in touch.

 

Di ritorno dagli Stati Uniti passando per l’Australia: i Lamingtons

Lamingtons
Sono appena tornato dal mio viaggio negli Stati Uniti: ormai un pellegrinaggio, direi. Questa volta sono stato a nel sud est e per la precisione in Virginia, Carolina del Nord, Carolina del Sud e Georgia. Ho gustato delizie dolci e salate e, se volete, potete trovare un dettagliato reportage fotografico sulla pagina Facebook di mycakeisluka. Non temete: vi rivelerò tutti i segreti e le delizie che ho gustato (cosa non erano quelle pecan pie che ho assaggiato…) ma ora vorrei parlarvi di un’altra dolcezza “esotica”.

OK

Si tratto dei Lamingtons,  un dolce tradizionale australiano veloce da preparare e fresco che ho infatti assaggiato il giorno prima di partire per gli Stati Uniti.

Si, perché voglio raccontarvi tutto del mio viaggio fin dal giorno prima della partenza.

OK

INGREDIENTI (per una tortiera quadrata da 20 cm. per lato)

175 gr. di burro a temperatura ambiente;

150 gr. di farina 00;

1 cucchiaino e mezzo di lievito in polvere per dolci (7 gr.);

175 gr. di zucchero semolato;

30 gr. di maizena o amido di mais;

un pizzico di sale;

un cucchiaino di estratto naturale di vaniglia;

3 uova a temperatura ambiente;

100 gr. di cioccolato fondente tagliato in quadretti;

3 cucchiai di latte.

ok

Per la decorazione

250 gr. di cocco disidratato;

300 gr. di marmellata di lamponi;

lamponi freschi.

Si

PREPARAZIONE

  • Preriscaldate il forno a 180°, foderate con carta forno la teglia. Montate per 4 minuti il burro con lo zucchero fino ad ottenere un composto gonfio e spumoso. Unite un uovo per volta e continuate a montare mentre a parte setacciate farina, amido di mais, sale e lievito (NB se il composto dovesse separarsi, unite un cucchiaio della farina all’impasto);
  • quando avrete unito l’ultimo uovo, aggiungete la vaniglia e metà delle farine mescolando a bassa velocità quel tanto che basta per amalgamare tutto. Versate ora il latte e mescolate facendo poi seguire dalla restante farina setacciata. Unite infine il cioccolato e mescolate con una spatola per amalgamarlo completamente;

OK

  • infornate per 25-28 minuti ricordando che per verificare l’avvenuta cottura vale l’infallibile prova stecchino. Dopodiché sfornate e lasciate la teglia a temperatura ambiente per 5 minuti per poi adagiare il dolce su una gratella da forno in modo che freddi completamente;
  • tagliate ora il dolce in quadrotti di 4 cm. per lato, spennellate ciascun quadrotto con la marmellata leggermente riscaldata e ricoprite con il cocco. Guarnite con un lampone fresco. Gustate con aria australiana.

OK

Lo amate già? Non fate scherzi però, prima di fare le valigie per l’Australia alla ricerca di altri Lamigtons vi devo raccontare le delizie del mio ultimo viaggio americano.

Alla prossima e keep in touch.

Il limone venuto dal Sud: crumble quadrotti al limone

LemonQuadrotti

Chi dice che i dolci americani siano stucchevoli e burrosi ha un po’ ragione, ma solo un po’. Io, come è del tutto evidente, amo i dolci della tradizione americana e inglese ma talvolta sono eccessivamente zuccherini e non mi vergogno di dire che nelle mie ricette li ho alleggeriti rispetto all’apporto di zucchero. Non tanto per una vocazione salutista, che non so neanche dove stia di casa, ma per puro piacere che il troppo zucchero comprometterebbe. A dirla tutta i dolci americani che preferisco sono quelli dal sapore pungente che includono agrumi, rabarbaro o lamponi. Ecco perchè oggi ho quindi  scelto un dolce che appartiene alla cucina dolciaria degli stati del sud degli Stati Uniti che più di tutto rappresenta quel territorio: forte, deciso e intenso. Pronte/i a scoprire come tutto questo si racchiude in questi quadrotti al limone con avena e un crumble croccante? Mettiamoci al lavoro.

ok

INGREDIENTI (TEGLIA 23 X 23 cm.)

180 gr. di farina 00;

90 gr. di fiocchi d’avena;

200 gr. di zucchero semolato;

115 gr. di burro a temperatura ambiente;

mezzo cucchiaino di lievito in polvere per dolci (5 gr.);

25 gr. di cocco disidratato (facoltativo);

un pizzico di sale;

370 ml. di latte condensato zuccherato;

120 ml. di succo di limone;

la scorza di un limone;

1 cucchiaio di zucchero a velo (facoltativo).

Ok

PREPARAZIONE

  • Preriscaldate il forno a 180° e foderate la teglia con carta forno. Montate con le fruste elettriche ad alta velocità per circa 5 minuti  il burro con lo zucchero fino ad ottenere un composto gonfio e spumoso. Unite dopodichè la farina, il lievito, il sale e l’avena mescolando con una spatola fino ad ottenere un composto che assomiglierà a delle grosse briciole;
  • stendete e appiattite metà di questo composto nella teglia così da ottenere uno strato uniforme mentre la restante metà la terrete da parte mentre preparerete il ripieno;
  • mescolate quindi in una ciotola il succo e la scorza di limone insieme al latte condensato così da ottenere un composto omogeneo che verserete sulla base stesa nella teglia. Ricoprite ora la crema con la restante parte di impasto avendo cura di creare delle grossolane briciole che ricoprano interamente la crema (un crumble, per intendersi);
  • infornate per 25-30 minuti o comunque fino a doratura, sfornate e fate freddare il dolce completamente nella teglia (orientativamente per un paio d’ore), dopodichè mettete la teglia in frigo per una quarantina di minuti trascorsi i quali tagliate il dolce in quadrotti che servirete a temperatura ambiente. Se volete potete ricoprire con una spolverata di zucchero a velo.

closeup

A parte il fatto che i dolci al limone di qualunque tradizione e origine io li amo sempre e comunque, questa delizia non potrà non avervi conquistato. Così come sono certo che vi conquisterebbero i meravigliosi stati del sud degli Stati Uniti: Mississippi, Tennessee, Georgia, Alabama e molti altri ancora. Alla prossima e keep in touch.

ok

I mille rotoli blu: swiss roll ai mirtilli

Blueberry swiss roll

Ognuno ha la sua bestia nera e io non faccio eccezione. La mia sono i rotoli o roulade o swiss roll: mi piacciono ma allo stesso tempo mi spaventano. Mi é infatti successo più di una volta che il mio rotolo si crepasse mentre lo arrotolavo se non addirittura si sbriciolasse miseramente davanti ai miei occhi. Il trucco é quello di pre-arrotolare il dolce ancora caldo e far si che trattenga a lungo l’umidità in modo che sia sufficientemente elastico per essere arrotolato, srotolato e ancora una volta riarrotolato. In questa versione ho aggiunto una complessità in più, una decorazione colorata così dal rendere il dolce un po’ funky. Avete voglia di rischiare con me? Mettiamoci al lavoro.

ok

INGREDIENTI per il rotolo (teglia rettangolare cm. 32X23X2)

Per le strisce decorative blu

70 gr. di burro morbido;

70 gr. di zucchero a velo;

2 albumi;

un pizzico di sale;

1 cucchiaino di colorante alimentare blu;

1 cucchiaino di estratto naturale di vaniglia;

ok

Per l’impasto

75 gr. di zucchero semolato;

75 gr. di farina 00;

4 gr. di lievito in polvere per dolci;

Per il ripieno

120 gr. di formaggio spalmabile (tipo Philadelphia);

140 gr. di zucchero a velo;

60 gr. di burro;

6 generosi cucchiai di marmellata di mirtilli;

100 gr. di mirtilli freschi.

ok

PREPARAZIONE

  • Preriscaldate il forno a 200° e foderate con carta forno la teglia precedentemente unta con un velo di burro. Iniziate a preparare le strisce, montando a crema nel mixer il burro, lo zucchero a velo e la vaniglia. Gradualmente unite gli albumi e, quando saranno tutti amalgamati, aggiungete la farina e il sale così da ottenere una pasta densa. Infine unite il colorante e mescolate con una spatola così da ottenere un colore uniforme;
  • mettete la pasta appena ottenuta in una sac à poche con una bocchetta liscia del diametro di cirma un centimetro e dopodichè tracciate sei strice in diagonale lungo tutta la teglia che ora metterete nel congelatore. Preparate nel frattempo l’impasto per il roll;
  • montate con il mixer e la frusta le uova e lo zucchero per 3-4 minuti fino ad ottenere un composto gonfio e spumoso al quale unirete in due volte la farina con il lievito precedentemente setacciata. Mescolate delicatamente con una spatola avendo cura di non smontare l’impasto;
  • versate il composto nella teglia che avrete tolto dal congelatore e distibuitelo uniformemente. Infornate per 10-11 minuti finchè cioè la torta non avrà un colore dorato e inizierà a staccarsi leggermente dai bordi della teglia. Nel frattempo stendete due fogli di carta forno leggermente più grandi della teglia su uno dei quali verserete anche una cucchiaiata di zucchero semolato;

ok

  • sfornate il dolce e rovesciatelo immediatamente (attente/i a non bruciarvi mi raccomando) sul primo foglio di carta, togliete la carta forno dal dolce e rivoltate subito la torta sul secondo foglio di carta forno con lo zucchero semolato in modo che le strisce colorate siano a diretto contatto con lo zucchero. Con delicatezza arrotolate il dolce e chiudete le estremità come se fosse una caramella. Mettete da parte a freddare mentre preparerete la farcitura;
  • montate quindi il burro con lo zucchero a velo fino ad ottenere un composto gonfio e spumoso. Unite il formaggio e mescolate per non più di trenta secondi a velocità bassa. Srotolate delicatamente il dolce sul quale spalmerete uniformemente  in un unico strato la crema, dopodichè la marmellata e infine i mirtilli freschi. Riarrotolate il dolce piuttosto stretto e mettete in frigo per 40 minuti;
  • portate il dolce a temperatura ambiente dopo averlo adagiato su un piatto da portata e tagliate una estremità così da avere una presentazione elegante e precisa. Gustate striscia dopo striscia.

ok

Troppo difficile? No, dai troppo buono in verità. Il risultato é uno di quelli che lascerà i commensali stupefatti e voi potrete dire di preparare questo dolce di continuo e senza alcuna incertezza: magari non é vero ma resterà solo tra me e voi. Alla prossima e keep in touch.

ok

Che festa sarebbe senza la torta alla carota?

Pia CarrotDire che se non ci fosse una carrot cake non sarebbe una vera festa mi pare un po’ troppo ma è la prima torta a cui ho pensato quando mi è stato chiesto di preparare il dolce per il pranzo di Pasqua. La carrot cake non è particolarmente dolce e ha un sapore fresco che concilia gusto e coscienza: insomma, non ci si sente troppo in colpa a mangiarne due fette. Per accentuare questa freschezza e dare alla torta un tocco esotico ho aggiunto anche dell’ananas. Come dite? Qual è stato il risultato? Scopriamolo insieme mettendoci subito al lavoro.

 

ok

 

INGREDIENTI PER DUE TORTIERE DA 20 cm.

290 gr. di farina 00;

140 ml. di olio di semi (in nessun caso di oliva!);

2 cucchiainI (10 gr.) di lievito in polvere;

2 uova;

1/2 cucchiaino di bicarbonato di soda;

3/4 cucchiaino di cannella;

un pizzico di sale;

80 gr. di noci briciolate;

250  gr di carote già affettate finemente;

200 gr di zucchero di canna;

un cucchiaino di estratto naturale di vaniglia;

280 gr. di ananas sciroppate (sgoccilato e tagliato a dadini).

ok

Per la glassa

150 gr. di burro morbido;

300 gr. di formaggio spalmabile tipo Philadelphia;

325 gr. di zucchero a velo setacciato;

scorza di un limone.

 

ok

 

PREPARAZIONE

  • Preriscaldate il forno a 180°, ungete le due teglie con burro fuso e foderate il fondo con carta forno. Mettete nel mixer lo zucchero e l’olio che monterete con le fruste elettriche per un paio di minuti. Unite un uovo per volta e continuate a mescolare ad alta velocità per un minuto circa. Unite a questo punto tutte le carote e mescolate ancora a velocità bassa quel tanto che basta perchè si incorporino;
  • setacciate a parte farina, lievito, cannella, sale e aggiungete in due volte al composto del mixer. Unite infine la vaniglia, le noci e l’ananas e amalgamate con una spatola. Dividede il composto in due parti uguali nelle teglie e infornate per 40 minuti circa, verificando l’avvenuta cottura con la tradizionale prova stecchino;

ok

  • lasciate freddare le torte completamente nelle teglie e nel frattempo preparate la glassa. Montate perciò nel mixer a velocità alta il burro con lo zucchero a velo e la scora di limone fino ad ottenere un composto gonfio e spumoso (NB ci vorronno circa 4 minuti). Unite ora il formaggio spalmabile e mescolate per 30 secondi a velocità bassa;
  • adagiate ora uno dei due strati di torta sul piatto da portata e farcitelo con un generoso strato di crema. Coprite con la restante crema i lati e il top della torta che infine metterete in frigo per mezz’ora prima di servire.

ok

 

 

 

La torta cioccoArancia marmorizzata

ChocOrange

San Valentino é alle porte e ho pensato ad una delizia che più si avvicina alla mia idea di amore: dolce, avvolgente ma a volte pungente e con tratti chiaro scuro. Ho pensato all’arancio e al cioccolato che sono un’ottima combinazione e che danno l’idea anche della ricchezza oltre alla complessità dell’amore. Mettiamoci all’opera che il mio amore é spesso affamato.

ok

INGREDIENTI (tortiera da crostata diametro 23 cm)

Per la pasta

100 gr. di farina 00;

50 gr. di zucchero a velo;

un pizzico di sale;

50 gr. di burro freddissimo e a dadini;

un cucchiaio di acqua freddissima.

ok

Per il ripieno al cioccolato fondente

75 gr. di burro;

115 gr. di cioccolato fondente;

115 gr. di zucchero semolato;

55 gr. di farina 00;

4 uova.

ok

Per il ripieno all’arancia

25 gr. di burro;

50 gr. di cioccolato bianco;

scorza di un’arancia;

35 gr. di zucchero;

25 gr. di farina 00;

2 tuorli.

ok

PREPARAZIONE

  •  Per la pasta mettete nel mixer la farina, il sale, lo zucchero a velo e il burro riducendo l’impasto a un composto sabbioso. Unite a questo punto il tuorlo e l’acqua azionando il mixer solo finché il composto non inizia ad addensare. Dopodiché compattate l’impasto a formare una palla che avvolgerete nella pellicola trasparente e lascerete in frigo per un’ora. Preriscaldate il forno a 180°;
  • trascorsa un’ora, stendete l’impasto dello spessore di 4 mm. e foderate la tortiera (preferibilmente con fondo rimovibile). Bucherellate la pasta con i rebbi di una forchetta e  ricopritela con carta alluminio su cui adagerete dei fagioli secchi o delle sfere di ceramica. Cuocete la torta per 12 minuti, rimuovete l’alluminio e i fagioli e proseguite la cottura per altri 6-7 minuti o finché il fondo non inizia leggermente a scurire;
  • sfornate e fate freddare mentre preparate i due ripieni al cioccolato, aumentate però la temperatura del forno a 200°. Mettete due ciotole a bagnomaria, avendo cura che l’acqua non tocchi il fondo della ciotola. In una mettete il cioccolato fondente con 75 gr. di burro e nell’altra fate sciogliere il cioccolato bianco con 25 gr. di burro. Dopodichè unite un uovo per volta dei 4 previsti nella ciotola con il cioccolato fondente mescolando vigorosamente. Unite infine lo zucchero e la farina mescolando ancora. Versate il tutto nella base della torta ormai fredda;

ok

  • unite ora un tuorlo per volta nella ciotola con il cioccolato bianco continuando a mescolare. Dopodichè unite la farina e lo zucchero e quando il composto avrà raggiunto una consistenza omogenena spargetelo a cucchiaiate sul composto con il cioccolato fondente. Rapidamente mescolate con la punta di un coltello così da dare alla torta un effetto marmorizzato;
  • cuocete per 8-10 minuti  avendo cura di lasciare il centro della torta tremolante. Sfornate facendo freddare il dolce completamente nella teglia. La torta dovrà avere al centro una consistenza cremosa e scioglievole. Gustate con aria marmorizzata.

Questa torta la gusterò in due momenti differenti: a tu per tu con il mio amore e con amici single che mica vogliamo discriminarli, vero? Alla prossima e keep in touch.

ok

 

 

 

 

 

Il doughnuts ripieno di Carnevale

doughnuts

I dolci fritti sono quelli che meno preferisco, lo confesso. Appartengono a quella categoria di dolci che dopo un paio di morsi smetterei di mangiare. Bugie, bomboloni, frappe e compagnia bella sono golosi quanto noiosi per me. Carnevale però fa eccezione, perché il dolce deve essere fritto. Ho quindi deciso di preparare un classico dei classici un po’ rimpicciolito rispetto a come si vede negli Stati Uniti. Li ho poi farciti PRIMA di friggerli e non dopo come avviene normalmente. Di cosa sto parlando? Dei doughnuts, naturalmente. Mettiamoci al lavoro perché l’impasto dovrà riposare una notte in frigo prima di essere utilizzato ma soprattutto martedì grasso é alle porte.

ok

INGREDIENTI (per 18 doughnuts)

250 gr. di farina forte per pane (andrà bene anche la manitoba);

35 gr. di zucchero semolato;

1 cucchiaino di lievito in polvere per dolci (5 gr.);

una pizzico di sale;

125 gr. di burro morbido;

2 uova a temperatura ambiente;

70 ml. di latte tiepido;

abbondante olio di semi;

100 gr. di cioccolato fondente;

40 gr. di cioccolato bianco;

9 lamponi freschi;

due o tre cucchiai di zucchero semolato per la copertura dei doughnuts.

ok

PREPARAZIONE (da lasciar riposare una notte in frigo)

  • Mettete nell’impastatrice con in gancio la farina, lo zucchero, il lievito, il latte e le uova dopodiché lavorate l’impasto per circa tre minuti. Iniziate ad aggiungere il burro morbido a tocchetti continuando a lavorare l’impasto a velocità media per altri 5 minuti o comunque fino a che avrete aggiunto tutto il burro. Coprite la ciotola con l’impasto ottenuto e mettete a riposare in frigo per tutta la notte;

ok

  • il giorno dopo, rovesciate l’impasto sul piando di lavoro leggermente infarinato e sgonfiatelo con un paio di pugni ben assestati. Dividete il composto in 18 parti uguali del peso di 30-35 gr. ciascuno  che appalterete creando un incavo al centro che riempirete con un lampone. Richiudete delicatamente il doughnut ricongiungendo i lembi e facendo roteare la dolce “polpetta” tra le mani infarinate. Proseguite nello stesso modo con tutti i 9 lamponi;

ok

  • prendete ora ciascun quadretto di cioccolato e arrotondate gli angoli tagliandoli con un coltello affilato così da evitare che tagli la pasta quando li farcite. Ripetete esattamente la stessa operazione di farcitura appena terminata con i lamponi utilizzando 9 quadretti di cioccolato. Mettete a lievitare le vostre delizie per 20 minuti a temperatura ambiente su una teglia con carta forno, coperta con della pellicola non direttamente a contatto con i doughnuts;
  • nel frattempo sciogliete a bagno maria o al microonde in due ciotole separate il cioccolato fondente rimasto e quello bianco. Coprite due piatti diversi con carta da cucina così da assorbire l’olio in eccesso e in un terzo piatto mettete due o tre cucchiai di zucchero semolato che userete come copertura. Mettete abbondante olio in una pentola piuttosto alta e portate alla temperatura di 170° (NB la giusta temperatura e la frittura a immersione vi garantiranno un risultato gustoso e non unto);
  • delicatamente adagiate i vostri doughnuts a friggere tre o quattro per volta per circa un minuto e mezzo per lato, scolateli e fateli asciugare sulla carta da cucina. Ricoprite quelli ai lamponi con lo zucchero mentre quelli al cioccolato con zig zag di cioccolato fondente e al cioccolato bianco. Gustate con aria carnevalesca.

ok

Sapete che c’è? Forse mi sto ricredendo su questa storia dei dolci fritti. Come ho fatto? Chiedetelo ai 18 doughnuts che erano qui in giro fino a poco fa. Alla prossima e keep in touch.

IMG_6579

 

ok