Il plumcake rosso e verde

Il termine plumcake da un lato mi evoca l’idea della colazione in famiglia, ma dall’altro anche un dolce un po’ noioso, se posso permettermi. Ho quindi deciso di dargli una sferzata aggiungendo pistacchi e lamponi oltre al metodo di preparazione più veloce che c’è. Scoprite come preparandolo insieme a me.

INGREDIENTI (per una tortiera da plumcake)

225 gr. di farina 00;

2 cucchiaini di lievito in polvere per dolci (10 gr.);

150 gr. di zucchero semolato;

175 gr. di burro morbido;

120 gr. di yogurt ai frutti di bosco;

pizzico di sale;

2 uova;

125 gr. di lamponi

100 gr. di granella di pistacchi (oltre a un cucchiaio per la decorazione).

un cucchiaio di marmellata di albicocche (per la decorazione).

INGREDIENTI

  • Preriscaldate il forno a 180°, ungete con un po’ di burro e spolverizzate con della farina la teglia. Mettete tutti gli ingredienti per la torta, tranne la marmellata e 100 gr. di lamponi,  nel mixer e mescolate a velocità media per un paio di minuti;
  • versate 2/3 del composto nella teglia e adagiatevi sopra 100 gr. di lamponi precedentemente infarinati che ricoprirete con il restante impasto.
  • Infornate per 40 minuti, verificando la cottura con l’infallibile prova stecchino. Sfornate e attendete una decina di minuti, prima di togliere il dolce dalla teglia e farlo freddare completamente;
  • riscaldate leggermente la marmellata con un cucchiaino d’acqua e usatela per spennellare la superficie del dolce che decorerete con la granella di pistacchi e i lamponi avanzati. Gustate con aria tronfia.

La ricetta é facile, veloce che non si può non farla subito.

Ho detto subito, non perdete tempo!

Alla prossima e keep in touch.

 

 

 

La madeleine parla siculo

Io vivo da sempre nella mia bella Torino ma dentro di me sono profondamente radicate le mie radici del sud e in particolare quelle siciliane. Ho deciso quindi di contaminare un dolce francese con profumi siciliani, appunto. Come? Scopritelo con me.

INGREDIENTI (18 madeleine)

100 gr. di farina 00;

40 gr. di farina di mandorle;

100 gr. di zucchero semolato;

4 gr. di lievito in polvere per dolci;

2 uova;

100 gr. di burro (più un paio di cucchiai per ungere la teglia);

scorza di mezzo limone;

50 gr. di ricotta;

2 cucchiai di latte freddo;

50 gr. di cedro o arancia candita

25 gr. di mandorle a lamelle;

zucchero a velo;

un pizzico di sale.

PREPARAZIONE

  • Sciogliete in un pentolino il burro e mettetelo da parte mentre nella ciotola con il mixer e la frusta monterete per 4 minuti circa le uova con 100 gr. di zucchero. A parte, intanto, setacciate le farine, il sale e il lievito;
  • unite al composto montato quello setacciato in due volte amalgamando dal basso verso l’alto con una spatola. Aggiungete il burro ormai freddo sempre mescolando dal basso verso l’altro e unite poi la ricotta precedentemente mescolata al latte e la scorza di limone. Aggiungete la frutta candita e mettete il composto in frigo coperto per un paio d’ore. Ungete la teglia da madeleine di media grandezza con del burro e mettetela in freezer per almeno un’ora;

  • preriscaldate il forno a 190°, dividete l’impasto negli spazi della teglia avendo cura di occupare al massimo metà del volume a disposizione (NB non riempiteli troppo, mi raccomando!). Lasciate cadere qualche lamella di mandorla su ciascuna madeleine e infornate per 10 minuti e dopodiché sfornate la teglia e immediatamente rovesciatele  su una gratella da forno perchè freddino completamente. Gustate con aria sicula.

Senza esagerare, credo di aver celebrato un matrimonio gastronomico tra Francia e Sicilia. Ah, siete invitati anche voi al banchetto di nozze, se volete. Alla prossima e keep in touch.

 

 

 

Una mela in rosa: tart mele e frangipane

 

Apple rose tart

Come rendere una torta alle mele carina-carina-in-modo-assurdo? Con una rosa, mi sono detto, e perchè non farla proprio di mele? Ho preparato questa torta alle mele e frangipane che non delude mai, ma ho deciso di renderla ancora più graziosa con una rosa tra i capelli…ohps tra le mandole. Come fare? Scopriamolo insieme.

ok

INGREDIENTI (tortiera rotonda di 23 cm. di diametro)

Per la pasta

200 gr. di farina 00;

20 gr. di zucchero semolato;

15 gr. di farina di mandorle;

un pizzico di sale;

un cucchiaino di estratto naturale di vaniglia;

100 gr. di burro freddo  a dadini;

1 uovo separato.

Per il ripieno

3 mele;

il succo di mezzo limone;

100 gr. di burro;

100 gr. di zucchero semolato;

75 gr. di farina 00;

140 gr. di farina di mandorle;

un cucchiaio di latte;

4 cucchiai di marmellata di albicocche.

40 gr. di marzapane.

ok

PREPARAZIONE

  • Iniziate preparando la pasta per la tart mettendo la farine, lo zucchero, il sale e il burro a dadini nel robot con le lame. Azionate il robot così da ottenere un composto sabbioso a cui aggiungerete il tuorlo, la vaniglia e un paio di cucchiai di acqua fredda (quel tanto che basta per far addensare il tutto in briciole grossolane). Fermate a questo punto l’elettrodomestico e compattate il tutto in una palla che avvolgerete nella pellicola trasparente che metterete a riposare in frigo per un’ora. Preriscaldate il forno a 190°;
  • trascorsa un’ora, stendete la pasta dello spessore di poco meno di mezzo centimetro e ricoprite la teglia. Bucherellate la pasta su cui adagerete un foglio di carta alluminio sopra il quale verserete dei fagioli secchio delle sfere di ceramica. Cuocete per 15 minuti, dopodichè togliete il foglio di alluminio con i fagioli e cuocete per altri 5 minuti. Sfornate e fate freddare a temperatura ambiente mentre preparate il ripieno.
  • lavate quindi le mele e tagliatele a spicchi avendo cura di tenere da parte cira una decina di fettine tagliate molto molto sottilmente. Irrorate ora tutti gli spicchi con il succo di limone così che non anneriscano mentre preparate la crema. Con un frullino elettrico montate a crema il burro morbido e lo zucchero per circa un paio di minuti. Unite a questo punto un uovo per volta e infine entrambe le farine con il cucchiaio di latte montando solo quel tanto che basta perchè il composto amalgami uniformemente;

ok

  • mettete ora le sole fettine di mela sottilisime (le altre scolatele e asciugatele con carta da cucina) in una ciotola con un bicchiere di acqua e riscaldatele nel forno a microonde alla massima temperatura per 4 minuti così che diventino morbide e lavorabili. Stendete il marzapane in una striscia alta 5 cm e lunga 20 spennellatelo con un cucchiaio di marmellata di albicocche e adagiatevi gli spicchi di mela leggermente sovrapposte, dopodichè arrotolate il marzapane con le mele a formare una rosa che metterete al centro della torta prima di infornarla;
  • stendente metà della crema sul fondo della torta, ricoprite con quasi tutte le mele, versate la restante parte di crema e decorate con la rosa al marzapane in centro e altri spicchi di mele tutti intorno. Infornate ora per 40 minuti, sfornate e lasciate il dolce nella teglia per 10 minuti. Dopodiché spennellate la superficie del dolce con la restante marmellata di albicocche leggermente riscaldata. Gustate con aria floreale.

ok

E’ carina da matti questa torta ed é anche buona da impazzire. Si, merito anche di un fiore al marzapane. Alla prossima e keep in touch.

ok

Pavlova di Natale, Pavlova tutto l’anno

Christmas

Per le Feste mi ero ripromesso di dedicarmi alla preparazione dei dolci con minimo sforzo ma con il massimo del risultato. Non perché non ami preparare dolcezze, bensì perché sono arrivato alla vigilia di Natale un po’ stanchino come direbbe Forrest Gump. Nonostante ciò, desideravo ugualmente preparare dolci che fossero buonissimi e d’effetto. In questo caso mi è venuto in mente di preparare la Pavlova che è il dolce nazionale neozelandese ma non ditelo agli australiani che pensano sia il loro. E’ semplice perché in realtà è più un lavoro di assemblaggio che altro e potrete (dovrete) preparare alcune cose in anticipo. La base é infatti una sorta di meringa con il cuore morbido di un marshmallow e il top una crema chantilly da farcire con la frutta che più vi piace. Pronti? Via allora con la preparazione

ok

INGREDIENTI per una pavlova a ciambella di 24 cm di diametro

4 albumi a temperatura ambiente;

225 gr. di zucchero semolato;

5 gr. di amido di mais;

un cucchiaino di aceto;

400 ml di panna da montare;

2 cucchiai di zucchero a velo (più un cucchiaino per spolverizzare);

frutta fresca (lamponi, mirtilli, kiwi, ribes, fragole);

granella di pistacchio.

ok

PREPARAZIONE

  • Disegnate su un foglio di carta forno un cerchio del diametro di 24 cm e al suo interno in centro un ulteriore cerchio più piccolo del diametro di 9 cm. Capovolgete il foglio e adagiatelo sulla leccarda così da avere una traccia da seguire quando verserete la meringa senza il rischio che entri in contatto con l’inchiostro. Preriscaldate il forno a 150°;
  • montate con il mixer ad alta velocità gli albumi e quando inizieranno ad aumentare di volume e a fare una sorta di schiuma in superficie, aggiungete lo zucchero semolato un cucchiaio per volta continuando a montare ad alta velocità;
  • quando tutto lo zucchero sarò unito e la meringa solida al punto che capovolgendo il cestello del mixer non cadrà, mescolate rapidamente l’amido con l’aceto in una ciotolina e versate rapidamente il composto nella meringa. Amalgamate con una spatola;

ok

  • versate il composto sulla carta forno rispettando il più possibile i contorni dei cerchi disegnati precedentemente. Quando l’avrete versata tutta praticate con una spatola lungo tutto l’interno dell’anello di meringa una sorta di avvallamento che vi servirà per versare la crema quando il composto sarà cotto;

IMG_5890

  • infornate nel livello più basso del forno (non a metà) la leccarda e immediatamente abbassate al temperatura a 130°, cuocete per un’ora e quindici minuti (la pavlova dovrà assumere un color avorio). Non appena cotta, spegnete il forno e lasciate il dolce nel forno con lo sportello socchiuso per almeno 4 ore (meglio tutta la notte);
  • trascorso il tempo necessario, delicatamente adagiate la meringa su un piatto da portata togliendola dalla carta forno. Montate ora la panna (freddissima) con lo zucchero a velo e la vaniglia e non appena pronta usatela per riempire l’interno dell’anello della pavlova. Cospargete ora la crema chantilly con la frutta e una spolverata di zucchero a velo. Servite immediatamente.

ok

Vi confesso che io ho sempre snobbato questo dolce perché pensavo fosse troppo semplice e che fosse puro assemblaggio: baggianate. E’ una delizia ed è perfetto come dolce delle feste con la sua consistenza croccante fuori e morbida all’interno, tanta frutta fresca e una crema delicata senza essere troppo zuccherina. La Pavlova ora occupa un posto d’onore tra i miei dolci e non solo a Natale, bensì tutto l’anno. Alla prossima ma soprattutto al prossimo anno insieme e come sempre Keep in touch.

ok

 

Rosso, il Natale é proprio rosso: red velvet roll

Red velvet

Mi è successo in più di un occasione di discutere rispetto a quale sia il colore che più rappresenta il Natale. Non esattamente una discussione che avrebbe determinato le sorti del mondo ma avvincente a suo modo. Io ero e rimango fermo nella convinzione che rosso sia il colore che più di tutti racconta il Natale: è caldo, emozionante e rassicurante. Niente oro o sberluccichii vari per me ma solo rosso, tanto e dappertutto. I dolci pertanto non potevano essere esclusi da questa logica cromatica che caratterizza il mio Natale. Ho pertanto preso in prestito un classico americano rosso che ho farcito con un frutto rosso e che ho farcito con una crema bianca: vabbè, non sono così rigoroso. Pronti? Via con la ricetta.

ok

INGREDIENTI per il rotolo (teglia rettangolare cm. 32X23X2)

45 gr. di farina 00;

5 gr. di lievito in polvere per dolci;

un pizzico di sale;

15 gr. di cacao amaro in polvere;

4 uova a temperatura ambiente;

165 gr. di zucchero semolato

un cucchiaino di estratto naturale di vaniglia

1 cucchiaio di colorante alimentare rosso (io ho usato quello della marca Lorran Professional Kitchen);

Per la glassa;

50 gr. di burro morbido;

100 gr. di mascarpone;

100 gr. di zucchero a velo

100 gr. di lamponi freschi.

ok

PREPARAZIONE

– Preriscaldata il forno a 190° e foderate la teglia con carta forno. Montate in una ciotola i tuorli con la vaniglia e 65 gr. di zucchero (per circa 4 minuti), dopodiché unitevi il colorante.  In un’altra ciotola intanto montate gli albumi aggiungendovi un cucchiaio per volta  i restanti 100 gr. di zucchero fino ad ottenere dei bianchi d’uovo ben fermi. Setacciate a parte la farina, il lievito, il cacao e il sale;

– unite a questo punto il composto dei tuorli con quello degli albumi, mescolando dall’alto verso il basso per conservare quanta più aria possibile. Aggiungete ora la farina e il resto degli ingredienti setacciati, mescolando il tanto che basta per amalgamare il tutto;

ok

– versate il composto nella teglia livellando leggermente la superficie e informate per 13-15 minuti (per controllare la cottura non sbaglierete con l’infallibile prova stecchino). Nel frattempo cospargete un foglio di carta forno, leggermente più grande della teglia, di zucchero semolato e non appena sfornerete la teglia capovolgete il dolce sulla carta forno. Togliete delicatamente il foglio di carta forno che avete messo precedentemente nella teglia e arrotolate il dolce ancora caldo che metterete da parte a freddare

– montate il burro per la glassa con lo zucchero fino ad avere un composto omogeneo a cui unirete il mascarpone (NB non mescolate troppo o la glassa diventerà grumoso). Srotolate il dolce ormai freddo e farcitelo con la glassa e 2/3 dei lamponi avendo cura di restare a circa un centimetro dal bordo del dolce. Riarrolotolate il dolce e mettete in frigo per un’ora prima di tagliare una delle estremità, cospargere di zucchero a velo e adagiare accanto i lamponi rimasti. Gustate con aria natalizia.

ok

Come dite? Qual è il vostro colore natalizio? Il verde? Non avete ancora finito di preparare questo red velvet roll altrimenti la risposta sarebbe una sola: rosso. Buon Natala di dolcezze e keep in touch, as usual.

ok