Dall’australia con le more: friand

FRIAND

L’Australia, come la Nuova Zelanda, non hanno una particolare tradizione dolciaria, poichè di fatto le loro torte e biscotti sono pressoché gli stessi che si possono trovare in Inghilterra. Non è stato quindi facile trovare un dolce speciale e davvero australiano ma alla fine ce l’ho fatta e ho scovato i friand, dolcetti gustosi al profumo di mandorle che io arricchito con le more. Il risultato? Scopriamolo insieme mettendoci al lavoro.

OK

INGREDIENTI (7-8 friand)

85 gr. di farina 00 (più un cucchiaio per le more);

85 gr. di farina di mandorle;

100 gr. di granella di pistacchi;

200 gr. di zucchero a velo (oltre a un cucchiaio per spolverare i dolci finiti);

140 gr. di burro (più un cucchiaio per ungere le teglie);

5 albumi;

120 gr. di more.

ok

PREPARAZIONE

  • Preriscaldate il forno a 180°, ungete le mini teglie da friand (NB nel caso non le aveste, usate tranquillamente una teglia da muffin con i relativi pirottini) con un cucchiaio di burro precedentemente sciolto. Mettete il burro in un pentolino e scioglietelo a fuoco basso avendo cura di non farlo mai bollire, dopodiché mettetelo da parte a freddare;
  • Montate a neve ben ferma gli albumi con le fruste elettriche, mentre a parte in una ciotola mescolerete le farine, lo zucchero a velo e la granella di pistacchi. Unite un paio di cucchiai di albume alle farine e amalgamate vigorosamente così da rendere l’impasto più liquido prima di aggiungere il resto dell’albume con movimenti dall’alto verso il basso:

ok

  • versate ora il burro nel composto e mescolate con una spatola fino ad amalgamare tutto per bene. A questo punto unite all’impasto le more precedentemente infarinate e amalgamate delicatamente per poi  riempire i pirottini per 2/3 del loro volume;
  • infornate per 25 minuti controllando l’avvenuta cottura con la solita infallibile prova stecchino. Sfornate e fate freddare i pirottini nella teglia (nel caso abbiate usato i pirottini da muffin) per poi decorare i vostri friand con una spolverata di zucchero a velo. Gustate con aria australiana.

ok

Questo dolce riscatterà l’Australia in nome della dolcezza.

Alla prossima e keep in touch.

ok

La rossa chiffon cake di Natale

red-chiffon-cake

La chiffon cake é una preparazione di base, vale a dire uno di quegli impasti per fare torte adatte alla farcitura e alla decorazione ma anche buonissima da sola. Io qui la preparo colorandola di rosso perchè a Natale non potrei fare diversamente e voi neppure, scommetto.

ok

INGREDIENTI (tortiera a ciambella da 25 cm.)

6 albumi;

170 gr. di zucchero semolato;

un pizzico di sale;

130 gr. di farina 00;

la scorza di un limone;

100 gr. di lamponi ridotti in purea e setacciati;

25 gr. di lamponi per la decorazione

2 tuorli;

1 cucchiaino di lievito per dolci (5 gr.);

colorante alimentare rosso.

150 ml. di panna da montare;

un cucchaino di estratto naturale di vaniglia;

un cucchaio di zucchero a velo.

ok

PREPARAZIONE

  • Preriscaldate il forno a 170° mentre a parte setacciate farina, lievito, sale a cui aggiungerete 130 gr. di zucchero. A parte mescolate i tuorli, l’olio, la scorza di limone e la purea di lamponi setacciata avendo cura infine di aggiungerla al composto con la farina creando un impasto omogeneo;
  • montate l’albume a temperatura ambiente con le fruste elettriche e quando inizierà ad aumentare di volume aggiungete un cucchiaio di zucchero per volta come se doveste preparare la meringa. Quando avrà raggiunto una consistenza bella soda, unite la meringa al composto di farina e tuorli con movimenti dal basso verso l’alto senza smontare il composto;
  • versate delicatamente il tutto nella teglia NON precedentemente unta nè infarinata, infornate per 45 minuti e appena avrete sfornato il dolce capovolgetelo per farlo raffreddare (NB se non aveste la teglia adatta con appositi “piedini” che la tengono sollevata, potete adagiare la teglia sul collo di una bottiglia) per circa un paio d’ore;
  • nel frattempo montate la panna con lo zucchero a velo e la vaniglia con la quale ricoprirete la torta ormai fredda e tolta dalla teglia. Decorate con i lamponi e con una spolverata di zucchero a velo, con aria natalizia.

ok

Questo dolce trasuda Natale sia dentro che fuori ed è soprattutto buonissimo. Alla prossima e keep in touch.

ok

New Orleans pie

new-orleans-pie

 

New Orleans è uno di quei posti che ti rimane nel cuore, ti entra dentro e non ti esce più. I colori, i profumi e le persone ti avvolgono profondamente e davvero la città ha qualcosa di magico. Quando ho scoperto che una pie era dedicata a questa meravigliosa città, non potevo sottrarmi e ve l’ho riproposta. Il dolce in questione ha un gusto forte e deciso come deve essere una delizia che arriva dalla Louisiana e in particolare da New Orleans. Volete saperne di più? Mettetevi all’opera insieme a me.

ulteriore

INGREDIENTI (tortiera diametro 22 cm)

Per la pasta

180 gr. di farina 00;

3-4 cucchiai di acqua freddissima;

un pizzico di sale;

115 gr. di burro freddissimo e a dadini.

si fetta

Per il ripieno

450 gr. di prugne secche tagliate grossolanamente;

succo e scorza di un limone;

15 gr. di burro;

5 cucchiai di brandy o whisky;

215 gr. di zucchero semolato;

65 gr. di noci sminuzzate grossolanamente;

ok

PROCEDIMENTO

  • per la pasta,  mettete nel mixer la farina, il sale e il burro riducendo l’impasto a un composto sabbioso. Unite a questo punto l’acqua azionando il mixer solo finché il composto non inizia ad addensare. Dopodiché compattate l’impasto a formare una palla che avvolgerete nella pellicola trasparente e lascerete in frigo per un’ora. Preriscaldate il forno a 180°;
  • stendete 2/3 l’impasto dello spessore di mezzo centimetro e foderate la base della tortiera che rimetterete in frigo per almeno un’altra mezz’ora. Nel frattempo mettete in una pentola tutti gli ingredienti del ripieno ad eccezione delle noci e fate sobbollire per tre minuti, dopodichè fate freddare a temperatura ambiente e unite le noci;
  • versate il ripieno nella tortiera e usate il restante terzo dell’impasto per fare delle striscie decorative con cui ricoprirete il composto. Premete i bordi della tortiera così da saldarli e infornate per 45-50 minuti o comunque finchè non vedrete il comopsto iniziare a sobbollire: a quel punto sfornate immediatamente. Sfornate e fate freddare completamente prima di tagliarne una fetta e gustarla.

ok

Sentite il gusto ricco e avvolgente di questa pie? Benvenuti a New Orleans, benvenuti nel mio mondo.

Alla prossima e keep in touch.

 

 

 

Cheesecake dell’imbrunire con nocciole e more

more-cheesecake

Autunno porta con la voglia di copertina e confort food. Porta anche il buio e il freddo e a maggior ragione abbiamo bisogno di un dolcino confortante da mangiare all’imbrunire e che un po’ abbia con se lo spirito e i colori dell’autunno.  Ho quindi pensato a una cheesecake alle nocciole ma con il tocco e il colore delle more. Il risultato? Scopriamolo insieme.

ok

INGREDIENTI PER UNA TORTIERA APRIBILE DA 24 CM

100 gr. di burro sciolto;

220 gr. di biscotti alla nocciola;

600 gr. di formaggio tipo Philadelphia® a temperatura ambiente;

3 uova a temperatura ambiente;

125 gr. di zucchero;

1 cucchiaio di farina di nocciola;

125 ml. di yogurt alla nocciola;

200 gr. di more;

un cucchiaio di succo di limone;

2 cucchiai di zucchero semolato;

1 cucchiaino di maizena o amido di mais;

un cucchiaio di granella di nocciole.

ok

PREPARAZIONE 

– accendete il forno a 160° e intanto frullate nel robot da cucina i biscotti e riduceteli in polvere. Aggiungetevi il burro sciolto a microonde o a bagno maria amalgamando uniformemente il tutto che distribuirete uniformemente  sul fondo  e sulle pareti della tortiera foderata precedentemente con carta forno. Mettete ora la teglia nel freezer per 30 minuti mentre preparerete il ripieno;

– Mescolate con una frusta preferibilmente a mano il formaggio, lo zucchero e la farina di nocciole così da ottenere un composto omogeneo. (NB non montate troppo il composto se non volete che cresca eccessivamente in cottura creando delle antiestetiche crepe e rigonfiamenti sulla superficie). Aggiungete un uovo per volta e continuate ad amalgamare con la frusta (quel tanto che basta per incorporare ogni singolo uovo) e infine unite lo yogurt. Mettete ora un pentolino sul fuoco con due bicchieri d’acqua a sobbollire;

– foderate l’esterno della tortiera con della carta alluminio e adagiatela in una tortiera più grande dentro cui verserete l’acqua bollente così da far cuocere la vostra cheesecake a bagno maria. Infornate per 55-60 minuti avendo cura di controllare la cottura scuotendo leggermente la tortiera con la cheesecake. Il dolce dovrà risultare sodo alle estremità e leggermente tremolante solo al centro: se così fosse, potete sfornarlo e lasciarlo a temperatura ambiente dopo averlo tolto dal bagnomaria;

ok

– non appena il dolce sarà freddato mettetelo in frigo per almeno 6 ore o preferibilmente tutta la notte. Nel frattempo preparate la composta di more mettendo in un pentolino le more e lo zucchero facendo sobbollire per un minuto. Trascorso un minuto, amalgamate a parte il limone con la maizena e unite alle more proseguendo a far cuocere per altri due minuti mescolando e schiacciando grossolanamente la frutta. Togliete dal fuoco, fate freddare in una ciotola a temperatura ambiente per poi mettere il tutto in frigo per un’ora;

– rimuovete il dolce dalla teglia, adagiatelo sul piatto da portata e decorate con la composta ormai fredda e la granella di nocciole tenuta da parte. Gustate con aria crepuscolare.

ok

Ecco, vedete a me basta una fetta di questa cheesecake per sperare che l’autunno non passi mai. Vabbè, senza esagerare adesso. Alla prossima e keep in touch.

Autumn roll: rotoli alle mele e sciroppo d’acero

autumn-roll

L’autunno non ha solo colori che amo ma anche sapori e profumi speciali, che sanno di caminetto e copertina. Tra questi certamente rientrano lo sciroppo d’acero e le mele con una spolverata di spezie. Se avete già l’acquolina in bocca, immaginate il tutto avvolto in un soffice rotolo e sarete direttamente in paradiso. Smettetela di sbavare e allacciate il grembiule così iniziamo a preparare queste delizie.

ok

PREPARAZIONE (9 roll)

IMPASTO

280 ml. di latte tiepido;

450 gr. di farina manitoba;

50 gr. di burro sciolto;

1/2 cucchiaino di cannella in polvere;

1/2 cucchiaino di zenzero in polvere;

1/2 cucchiaino di noce moscata in polvere;

60  gr. di di zucchero;

1 pizzico di sale;

7 gr. di lievito di birra disidratato;

1 tuorlo;

3 cucchiai di sciroppo d’acero;

ok

RIPIENO

60 gr. di burro morbido;

80 gr. di zucchero di canna;

3 cucchiai di sciroppo d’acero;

2 mele pelate e ridotte a dadini;

50 gr. di noci tritate grossolanamente;

50 gr. di uva passa;

1/2 cucchiaino di cannella in polvere;

1/2 cucchiaino di zenzero in polvere.

Per la glassa

due cucchiai di zucchero a velo;

un cucchiaio e mezzo di sciroppo d’acero.

ok

PREPARAZIONE

– Mescolate la farina, lo zucchero, le spezie e il lievito in una ciotola, fate una fontana in mezzo e versate il latte, il tuorlo e i tre cucchiai di sciroppo d’acero continuando a mescolare per un minuto circa. Unite a questo punto il sale e mescolate ancora: avrete un impasto piuttosto appiccicoso. Versate nel cestello dell’impastatrice e iniziate a mescolare a velocità bassa per 5 minuti, dopodiché versate a filo il burro sciolto e mescolate ancora per altri 3  minuti;

ok

– formate una palla e mettetela in una ciotola posta in un luogo lontano da correnti (non eccessivamente caldo!) così che lieviti per due ore e almeno raddoppi di volume. Trascorso questo tempo, prendete “a pugni” l’impasto così da sgonfiarlo e stendetelo con un matterello ottenendo un rettangolo 30X20 e dello spessore di 1,5 cm. In una ciotola formate una pasta con il burro morbido, lo zucchero, le spezie e un cucchiaio di sciroppo d’acero che stenderete uniformemente sulla pasta avendo cura di restare a un cm. dal bordo;

– adagiate ora le mele, l’uvetta e le noci sulla pasta appena stesa e arrotolatela stretta , partendo dal lato lungo. Tagliate le due estremità e dopodichè ricavate 9 rondelle della medesima misura che adagerete su una teglia rettangolare foderata di carta forno su cui avrete versato due cucchiai di sciroppo d’acero (NB fate in modo che le “girelle” si tocchino le une con le altre);

ok

– lasciate lievitare le girelle per 30 minuti e nel frattempo preriscaldate il forno a 180°. Infornate per 25 minuti, dopodichè sfornate e fate freddare per 10 minuti prima di glassare le vostre piccole delizie. Mescolate perciò in una ciotola gli ingredienti della glassa così da decorare le vostre girelle. Gustate con aria autunnale.

ok

Nel caso non trovaste lo sciroppo d’acero potete sostituirlo con il miele: non sarà lo stesso ma perchè rinunciare alla bontà? A presto e keep in touch.

Free cake alle pesche e marsala: no glutine, no latticini, grazie.

peach-and-marsala-cake

Questa torta é la mia prima volta. Si, la prima volta in cui preparo una torta senza glutine e senza latticini perchè prima di tutto desideravo superare una mia diffidenza verso i dolci gluten free e dairy free. Questo dolce in effetti é buonissimo con gusto fresco e dolce, non é cioè triste e insapore come mi aspettavo. Non é un dolce senza qualcosa ma con un carattere tutto suo che ha, tra le altre cose, il vantaggio di essere veloce da preparare. Non ci credete? Mettiamoci al lavoro e scopriamolo insieme.

ok

INGREDIENTI (per una tortiera da 24 cm.)

3 pesche mature (più mezza per la decorazione);

125 ml. di marsala;

190 ml. di olio di semi (girasole o mais);

un cucchiaio di mandorle a lamelle;

390  gr. di zucchero semolato;

100 gr. di farina di mais;

un pizzico di sale;

250 gr. di farina di mandorle;

3 uova.

OK

PREPARAZIONE

  • Mettete in un pentolino le tre pesche intere con 150 gr. di zucchero e acqua a sufficienza fino a coprire completamente la frutta. Fate bollire per 35 minuti, trascorsi i quali lasciate le pesche a freddare così da poter togliere la buccia e il nocciolo. Preriscaldate il forno a 175° e foderate la base e i lati della tortiera con carta forno;

ok

  • mettete ora nel mixer con le lame le pesche, il marsala, i restanti 240 gr. di zucchero, la farina di mais e quella di mandorle, il sale, le uova e l’olio. Azionate il mixer fino ad ottenere un composto omogeneo che verserete nella tortiera. Cuocete per 60-65 minuti o finchè l’infallibile prova stecchino non avrà decretato che la torta é cotta;
  • tagliate ora la mezza pesca rimasata a spicchi che adagerete sulla torta con un motivo decorativo: gustate in piena libertà.

ok

Quante sorprese in una torta free, vero? Ora non mi resta che sperimentare altri abbinamenti e combinazioni sempre più audagi gluten e dairy free. Alla prossima e keep in touch

ok

La Cheesecake del Natale estivo: cheesecake Foresta Nera

black forest cheesecake

La torta foresta nera é un classico tedesco delle tavole natalizie ma ammetto che questa storia della stagionalità dei dolci proprio non mi va giù. Voglio dire, perchè il Panettone non c’è tutto l’anno nei negozi? Esattamente applicando lo stesso principio, ho quindi pensato che questa delizia a base di cioccolato, panna e ciliegie sciroppate io la vorrei gustare anche con l’approssimarsi dell’estate. Come? Grazie all’abbinamento con una cheesecake. Pronte/i? Mettiamoci all’opera.

ok

INGREDIENTI PER 12 mini cheesecake

Per la base

120 gr. di biscotti frollini al cioccolato;

65 gr. di burro sciolto

15 gr. di zucchero semolato

 

Per la crema

450 gr. di formaggio fresco tipo Philadelphia® (rigorosamente a temperatura ambiente);

120 gr. di zucchero semolato;

2 uova;

125 gr. yogurt magro;

un cucchiaino di estratto naturale di vaniglia;

100 gr. di cioccolato fondente grattugiato;

una confezione di ciliegie sciroppate;

1/4 di cucchiaino di sale;

15 gr. di farina 00.

ok

Per la decorazione

125 ml. di panna da montare freddissima;

3 cucchiai di zucchero a velo:

un paio di cucchiai di scaglie di cioccolato fondente;

ciliegie sciroppate.

PREPARAZIONE

  •  Tritate finemente con il mixer i biscotti e amalgamateli con il burro fuso (NB non caldo!) e lo zucchero. Inserite nella teglia per muffin 12 pirottini di carta e distribuite circa un cucchiaio di impasto sul fondo di ciascuno di essi. Premete con il dorso di un cucchiaio così da avere una base compatta e omogenea. Mettete la teglia in freezer per 30 minuti. Preriscaldate il forno a 150°;
  •  amalgamante con un cucchiaio di legno o una spatola il formaggio, lo zucchero, la farina, il pizzico di sale e la vaniglia fino ad ottenere un composto omogeneo. Unite un uovo per volta continuando ad amalgamare e terminate con lo yogurt mescolando il tutto con una spatola. (NB: i trucchi per un’ottima cheesecake sono la temperatura ambiente degli ingredienti soprattutto del formaggio ed evitare di incorporare troppa aria quando mescolate così da impedire alle cheesecake di gonfiare in cottura procurando delle antiestetiche crepe in superficie). Aggiungete infine il cioccolato fondente a scaglie;

ok

  • mettete a scaldare un pentolino con circa tre bicchieri di acqua mentre nel frattempo avrete tolto la teglia dal freezer e riempito i pirottini quasi fino all’orlo con la crema e, infine, avrete aggiunto una ciliegia in ciascun pirottino. Adagiate la teglia sulla leccarda da forno sulla quale infine verserete l’acqua bollente (NB fate attenzione a che l’acqua non entri in contatto con la crema dei pirottini) creando così una sorta di bagno maria;

ok

  • infornate per 25 minuti avendo cura che il centro delle vostre mini cheesecake sia leggermente tremolante quando le sfornerete. Lasciate freddare a temperatura ambiente per poi mettere la teglia in frigo per almeno 4 ore. Nel frattempo preparate la decorazione, montando la panna ben ferma insieme allo zucchero a velo. Decorate ciascuna mini cheesecake con la panna su cui adagerete una ciliegia e alcune scaglie di cioccolato. Gustate senza freni ricordandovi di conservare queste delizie in frigo.

 

ok

Una sola di queste cheesecake e vi sentirete felici come quando da piccoli era giunto il momento di scartare i regali di Natale… anzi di più. Alla prossima e keep in touch.

 

 

 

La madeleine delle Langhe: madeleine limone e mais

Lemon Madeleine

Siete mai state/i nelle Langhe? Dovete assolutamente fare un salto in questa bellissima area del Piemonte in cui potrete guardare il tramonto tra le dolci colline, sorseggiare del buon vino e gustare delle paste di meliga. Non sapete cosa sono? Si tratta di burrosi biscotti tradizionali fatti con la farina di mais. Come non riproporre queste fragranza ma con un tocco internazionale? Si, proprio in una madeleine francese. Pronte/i? Diamoci da fare

ok

INGREDIENTI (18 madeleine)

100 gr. di farina 00;

75 gr. di farina di mais macinata finemente;

125 gr. di zucchero semolato (più due cucchiai per lo sciroppo);

5 gr. di lievito in polvere per dolci;

2 uova;

150 gr. di burro (più un paio di cucchiai per ungere la teglia);

scorza di un limone;

succo di mezzo limone;

un pizzico di sale.

ok

PREPARAZIONE

  • Sciogliete in un pentolino il burro e mettete da parte mentre nella ciotola con il mixer e la frusta monterete per 4 minuti circa le uova con 125 gr. di zucchero. A parte intanto setacciate le farine, il sale e il lievito;
  • unite al composto montato quello setacciato in due volte amalgamando dal basso verso l’alto con una spatola. Unite infine il burro ormai freddo sempre mescolando dal basso verso l’altro. Mettete il composto in frigo coperto per 3 ore. Ungete la teglia da madeleine di media grandezza con del burro e mettetela in freezer per almeno un’ora;

ok

  • preriscaldate il forno a 190°, dividete l’impasto negli spazi della teglia avendo cura di occupare al massimo 2/3 del volume a disposizione (NB non riempiteli troppo, mi raccomando!). Infornate per 8-9 minuti e nel frattempo preparate lo  sciroppo mettendo a bollire in un pentolino per circa un minuto il succo di mezzo limone, altrettanta acqua e due cucchiai colmi di zucchero semolato;
  • sfornate la teglia e immediatamente spennellatele con dello sciroppo caldo le madeleine e, solo dopo alcuni minuti, rovesciatele  su una gratella da forno perchè freddino completamente. Gustate con aria langarola.

Questi dolcetti sono deliziosi anche perchè abbinano la freschezza del limone alla croccantezza della farina di mais, un po’ come il carattere dei langaroli… Alla prossima e keep in touch

ok

A metà strada tra Francia e Inghilterrà troverete una galette alle pesche

Peach Galette

Me ne andavo bel bello in quel di Londra quando vidi in una vetrina una copia esatta di un dolce che poche settimane prima avevo gustato in Francia: le galette. Gli inglesi le chiamano rustic tart che detto così non suona benissimo ma rende molto l’idea: veloce da preparare ma dal fascino casalingo ed elegante allo stesso tempo. Ammetto di avere una certa diffidenza al termine rustico perchè mi ispira qualcosa di raffazzonato, devo però riconoscere che in questo caso il tocco francese rende tutto un tantinello sofisticato. Pronte/e? Partiamo allora con la preparazione.

OK 2

INGREDIENTI (6 galette)

Per la pasta

200 gr. di farina 00;

85 gr. di zucchero a velo;

1 tuorlo più un cucchiaio circa di albume;

un pizzico di sale;

100 gr. di burro freddo  a dadini;

1 uovo separato.

OK

Per il ripieno

250 gr. di pesche (da pelare, tagliare a fettine);

15 gr. di burro sciolto;

1 cucchiaio di zucchero semolato;

1 cucchiaio di miele;

25 gr. di mandorle a lamelle;

due cucchiai di farina di mandorle;

tre cucchiai di marmellata di albicocche;

OK

PREPARAZIONE

  • Iniziate preparando la pasta mettendo la farina, lo zucchero, il sale e il burro a dadini nel robot con le lame. Azionate il robot così da ottenere un composto sabbioso a cui aggiungerete il tuorlo e un paio di cucchiai di albume (quel tanto che basta per far addensare il tutto in briciole grossolane). Fermate a questo punto l’elettrodomestico e compattate il tutto in una palla che avvolgerete nella pellicola trasparente che metterete a riposare in frigo per 40 minuti;
  • nel frattempo mettete in una ciotola le pesche a fettine, il burro, il miele, lo zucchero e la farina di mandorle mescolando delicatamente in modo da ricoprire le pesche mantenendole il più integre possibili. Trascorsi 40 minuti, stendete la pasta dello spessore di 1 cm e ricavate dei dischi del diametro di 12 cm;

OK

  • al centro di ciascun disco mettete del composto con le pesche e ripiegatevi sopra i bordi della pasta (NB non dovrete essere necessariamente troppo precisi perchè la caratteristica di questo dolce old fashioned é prorio l’aria rustica. Premete con il pollice alla base del cerchio appena ripiegato così da saldarlo). Mettete ora le sei galette, distanziate un paio di centimetri le une dalle altre su una leccarda precedentemente foderate di carta forno, in frigo per 40 minuti;
  • riscaldate ora il forno a 200 gradi e, trascorsi i 40 minuti, infornate per 25 minuti e sfornate non appena i bordi delle galette sono ben dorati. Sfornate e lasciate le galette per 10 minuti sulla leccarda per poi adagiarle sulla gratella da forno perchè freddino completamente;
  • scaldate ora la marmellata con un cucchiaio di acqua e spennellate questo composto sulle galette, dopodichè cospargete su ciascuna alcune lamelle di mandrole. Gustate con aria sofisticata.

OK

I dolci rustici, anche quelli francesi, hanno un indubbio vantaggio rispetto agli altri: sono così facili da preparare che li rifaresti in continuazione. Alla prossima e keep in touch.

OK

Una mela in rosa: tart mele e frangipane

 

Apple rose tart

Come rendere una torta alle mele carina-carina-in-modo-assurdo? Con una rosa, mi sono detto, e perchè non farla proprio di mele? Ho preparato questa torta alle mele e frangipane che non delude mai, ma ho deciso di renderla ancora più graziosa con una rosa tra i capelli…ohps tra le mandole. Come fare? Scopriamolo insieme.

ok

INGREDIENTI (tortiera rotonda di 23 cm. di diametro)

Per la pasta

200 gr. di farina 00;

20 gr. di zucchero semolato;

15 gr. di farina di mandorle;

un pizzico di sale;

un cucchiaino di estratto naturale di vaniglia;

100 gr. di burro freddo  a dadini;

1 uovo separato.

Per il ripieno

3 mele;

il succo di mezzo limone;

100 gr. di burro;

100 gr. di zucchero semolato;

75 gr. di farina 00;

140 gr. di farina di mandorle;

un cucchiaio di latte;

4 cucchiai di marmellata di albicocche.

40 gr. di marzapane.

ok

PREPARAZIONE

  • Iniziate preparando la pasta per la tart mettendo la farine, lo zucchero, il sale e il burro a dadini nel robot con le lame. Azionate il robot così da ottenere un composto sabbioso a cui aggiungerete il tuorlo, la vaniglia e un paio di cucchiai di acqua fredda (quel tanto che basta per far addensare il tutto in briciole grossolane). Fermate a questo punto l’elettrodomestico e compattate il tutto in una palla che avvolgerete nella pellicola trasparente che metterete a riposare in frigo per un’ora. Preriscaldate il forno a 190°;
  • trascorsa un’ora, stendete la pasta dello spessore di poco meno di mezzo centimetro e ricoprite la teglia. Bucherellate la pasta su cui adagerete un foglio di carta alluminio sopra il quale verserete dei fagioli secchio delle sfere di ceramica. Cuocete per 15 minuti, dopodichè togliete il foglio di alluminio con i fagioli e cuocete per altri 5 minuti. Sfornate e fate freddare a temperatura ambiente mentre preparate il ripieno.
  • lavate quindi le mele e tagliatele a spicchi avendo cura di tenere da parte cira una decina di fettine tagliate molto molto sottilmente. Irrorate ora tutti gli spicchi con il succo di limone così che non anneriscano mentre preparate la crema. Con un frullino elettrico montate a crema il burro morbido e lo zucchero per circa un paio di minuti. Unite a questo punto un uovo per volta e infine entrambe le farine con il cucchiaio di latte montando solo quel tanto che basta perchè il composto amalgami uniformemente;

ok

  • mettete ora le sole fettine di mela sottilisime (le altre scolatele e asciugatele con carta da cucina) in una ciotola con un bicchiere di acqua e riscaldatele nel forno a microonde alla massima temperatura per 4 minuti così che diventino morbide e lavorabili. Stendete il marzapane in una striscia alta 5 cm e lunga 20 spennellatelo con un cucchiaio di marmellata di albicocche e adagiatevi gli spicchi di mela leggermente sovrapposte, dopodichè arrotolate il marzapane con le mele a formare una rosa che metterete al centro della torta prima di infornarla;
  • stendente metà della crema sul fondo della torta, ricoprite con quasi tutte le mele, versate la restante parte di crema e decorate con la rosa al marzapane in centro e altri spicchi di mele tutti intorno. Infornate ora per 40 minuti, sfornate e lasciate il dolce nella teglia per 10 minuti. Dopodiché spennellate la superficie del dolce con la restante marmellata di albicocche leggermente riscaldata. Gustate con aria floreale.

ok

E’ carina da matti questa torta ed é anche buona da impazzire. Si, merito anche di un fiore al marzapane. Alla prossima e keep in touch.

ok