D come doughnuts

doughnuts

Non sono un appassionato di dolci fritti ma penso da sempre che siano irresistibili. Ogni tanto quindi cedo alla golosità, scaldo l’olio, inizio ad impastare e il risultato è strepitoso. Non ci credete? Mettetevi alla prova.

ok

INGREDIENTI (per 16 doughnuts)

500 gr. di farina forte per pane (andrà bene anche la manitoba);

60 gr. di zucchero semolato;

1 bustina di lievito birra (7 gr.);

una pizzico di sale;

100  gr. di burro;

150 ml. di latte;

2 uova a temperatura ambiente;

olio di semi per friggere;

tre cucchiai di zucchero semolato;

marmellata di lamponi per fa farcitura;

100 gr. di cioccolato fondente.

ok

PREPARAZIONE

  • Mettete nell’impastatrice con in gancio la farina, lo zucchero, il lievito e le uova mentre farete sciogliere in un pentolino sul fuoco, burro e latte avendo cura di farli intiepidire prima di aggiungerli al composto con la farina. Impastate per almeno 5 minuti, dopodichè fate lievitare il composto coperto con della pellicola per almeno 2 ore a temperatura ambiente;
  • trascorso questo tempo ricavate 10 palline del peso di circa 55 gr. ciascuna da composto mentre la restante parte stendetela uniformemente dello spessore di 2 cm da cui ricaverete delle ciambelle di 8 cm di diametro al centro delle quale praticare un foro di 2 cm;

ok

  • dentro metà delle palline mettete un quadretto di cioccolata, dopodichè chiudete per bene e adagiatela su dei quadrati di carta forno a lievitare coperti per 45 minuti. Arrotondate l’altra metà delle palline di impasto e adagiatele su quadrati di carta forno, fatele quindi lievitare anch’esse per 45 minuti. Fate lo stesso con le ciambelle appena ricavate;
  • poco prima dello scadere dei 45 minuti, mettete a scaldare l’olio portandolo alla temperatura di 170° e immergete i doughnuts senza toccarli per evitare di sgonfiarli ma utilizzando i fogli di carta forno su cui li avete fatto lievitare. Cuoceteli per un minuto e mezzo per parte e fateli asciugare su carta da cucina assorbente;
  •  rotolate ora i doughnuts nello zucchero semolato, decoratene metà con il cioccolato fondente che userete a zig zag mentre per la restante metà praticherete un foro con un coltello affilato che riempirete con la marmellata. Le ciambelle invece non possono che essere decorate con la classica glassa allo zucchero che trovate qui 

ok

Confesso che ho portato questi doughnuts come dessert di fine pasto ad una cena piena di bambini che se li strappavano letteralmente dalle mani esattamente come i grandi: si, decisamente un successo. Alla prossima e keep in touch.

ok

Il doughnuts ripieno di Carnevale

doughnuts

I dolci fritti sono quelli che meno preferisco, lo confesso. Appartengono a quella categoria di dolci che dopo un paio di morsi smetterei di mangiare. Bugie, bomboloni, frappe e compagnia bella sono golosi quanto noiosi per me. Carnevale però fa eccezione, perché il dolce deve essere fritto. Ho quindi deciso di preparare un classico dei classici un po’ rimpicciolito rispetto a come si vede negli Stati Uniti. Li ho poi farciti PRIMA di friggerli e non dopo come avviene normalmente. Di cosa sto parlando? Dei doughnuts, naturalmente. Mettiamoci al lavoro perché l’impasto dovrà riposare una notte in frigo prima di essere utilizzato ma soprattutto martedì grasso é alle porte.

ok

INGREDIENTI (per 18 doughnuts)

250 gr. di farina forte per pane (andrà bene anche la manitoba);

35 gr. di zucchero semolato;

1 cucchiaino di lievito in polvere per dolci (5 gr.);

una pizzico di sale;

125 gr. di burro morbido;

2 uova a temperatura ambiente;

70 ml. di latte tiepido;

abbondante olio di semi;

100 gr. di cioccolato fondente;

40 gr. di cioccolato bianco;

9 lamponi freschi;

due o tre cucchiai di zucchero semolato per la copertura dei doughnuts.

ok

PREPARAZIONE (da lasciar riposare una notte in frigo)

  • Mettete nell’impastatrice con in gancio la farina, lo zucchero, il lievito, il latte e le uova dopodiché lavorate l’impasto per circa tre minuti. Iniziate ad aggiungere il burro morbido a tocchetti continuando a lavorare l’impasto a velocità media per altri 5 minuti o comunque fino a che avrete aggiunto tutto il burro. Coprite la ciotola con l’impasto ottenuto e mettete a riposare in frigo per tutta la notte;

ok

  • il giorno dopo, rovesciate l’impasto sul piando di lavoro leggermente infarinato e sgonfiatelo con un paio di pugni ben assestati. Dividete il composto in 18 parti uguali del peso di 30-35 gr. ciascuno  che appalterete creando un incavo al centro che riempirete con un lampone. Richiudete delicatamente il doughnut ricongiungendo i lembi e facendo roteare la dolce “polpetta” tra le mani infarinate. Proseguite nello stesso modo con tutti i 9 lamponi;

ok

  • prendete ora ciascun quadretto di cioccolato e arrotondate gli angoli tagliandoli con un coltello affilato così da evitare che tagli la pasta quando li farcite. Ripetete esattamente la stessa operazione di farcitura appena terminata con i lamponi utilizzando 9 quadretti di cioccolato. Mettete a lievitare le vostre delizie per 20 minuti a temperatura ambiente su una teglia con carta forno, coperta con della pellicola non direttamente a contatto con i doughnuts;
  • nel frattempo sciogliete a bagno maria o al microonde in due ciotole separate il cioccolato fondente rimasto e quello bianco. Coprite due piatti diversi con carta da cucina così da assorbire l’olio in eccesso e in un terzo piatto mettete due o tre cucchiai di zucchero semolato che userete come copertura. Mettete abbondante olio in una pentola piuttosto alta e portate alla temperatura di 170° (NB la giusta temperatura e la frittura a immersione vi garantiranno un risultato gustoso e non unto);
  • delicatamente adagiate i vostri doughnuts a friggere tre o quattro per volta per circa un minuto e mezzo per lato, scolateli e fateli asciugare sulla carta da cucina. Ricoprite quelli ai lamponi con lo zucchero mentre quelli al cioccolato con zig zag di cioccolato fondente e al cioccolato bianco. Gustate con aria carnevalesca.

ok

Sapete che c’è? Forse mi sto ricredendo su questa storia dei dolci fritti. Come ho fatto? Chiedetelo ai 18 doughnuts che erano qui in giro fino a poco fa. Alla prossima e keep in touch.

IMG_6579

 

ok

Del donut al forno non si butta via niente

Baked donut

Baked donut

Quando sono negli Stati Uniti vado a caccia di dolci prelibatezze sia nelle bakery indipendenti sia nelle catene perché non sono snob e perchè non é detto che i prodotti delle multinazionali siano necessariamente scadenti. A mio parere infatti le migliori ciambelle le ho mangiate da Dunkin’ Donuts. Una volta entrai e, sicuro di me, chiesi se avessero dei baked donut, delle ciambelle al forno. La commessa mi guardò con aria sconsolata e mi disse un no che dietro nascondeva la parola “fritto”. I donut americani sono golosi e irresistibili perchè fritti ma anche per questo piuttosto pesanti. Io pertanto ne ho voluto provare una versione al forno, perchè voglio conciliare l’aspetto salutista con il diritto a mangiare decine di donut. Mi fate compagnia? Mettiamoci al lavoro.

INGREDIENTI

350 gr. di farina Manitoba;

200 gr. di latte tiepido;

1 uovo;

70 gr. di burro morbido (più due cucchiai a parte);

110 gr. di zucchero semolato (più due cucchiai a parte);

5 gr. di lievito di birra disidratato;

2 cucchiaini di estratto naturale di vaniglia;

100 gr. di cioccolato amaro ridotto in pezzetti;

100 ml. di panna;

1 cucchiaino di glucosio liquido (facoltativo);

granella di nocciole;

decorazioni in zucchero;

3 quadratini di cioccolato bianco

1/2 cucchiaino di cannella

Baked donut

Baked donut

PREPARAZIONE

– Setacciate la farina nella ciotola del mixer nel quale avrete montato il gancio per impastare. Unitevi il lievito e 110 gr. di  zucchero e iniziate a mescolare. Versate a filo il latte nel quale avrete precedentemente versato la vaniglia. Quando il latte sarà completamente incorporato, unite l’uovo e aumentate la velocità;

– impastate per circa 4 minuti, dopodichè unite 70 gr. di burro morbido e mescolate per altri sei minuti fino a che l’impasto non avrà assorbito tutti gli ingredienti ma risulti ancora un pò appiccicoso. Rovesciate il composto sul piano di lavoro leggermente infarinato e impastate con le mani per un minuto circa;

– mettete l’impasto ottenuto in una ciotola infarinata, copritela con della pellicola leggermente oleata e lasciate riposare per un paio d’ore fino al raddoppio del volume. Trascorso questo tempo, sgonfiate l’impasto assestandogli un paio di pugni. Rovesciatelo sul piano di lavoro e impastate per un paio di minuti così da ridargli elasticità;

Baked donut

Baked donut

– stendete l’impasto dello spessore di 1,5 cm e ricavate delle ciambelle del diametro di 8 cm a cui praticherete un foro centrale. Adagiate le ciambelle sulla leccarda  precedentemente foderata di carta forno e lasciate lievitare per 40 minuti. Preriscaldate a questo punto il forno a 180°;

– quando i donut saranno raddoppiati di volume potete infornarli per 7 minuti o in ogni caso fino alla leggera doratura. Sfornate e lasciate freddare su una gratella da forno. N.B. Non dimenticate di far lievitare e infornare per 3-4 minuti anche le palline di impasto che avete ottenuto ricavando il foro dei donut;

Donut's Holes

Donut’s Holes

– Mentre i donut freddano preparate la ganache mettendo in un pentolino a fuoco medio la panna e il glucosio (quest’ultimo é facoltativo ma se lo avete a disposizione usatelo, così da dare lucentezza alla glassa). Appena inizierà a bollire, togliete dal fuoco e versatevi dentro il cioccolato. Mescolate delicatamente ma fino ad ottenere un composto omogeneo;

– intingete nella ganache i donut ormai freddi e sbizzarritevi a decorarli con la granella di nocciole, il cioccolato bianco fuso e altre decorazioni in zucchero. Lasciate i donut a temperatura ambiente perchè la glassa si addensi (N.B. nel caso durante la decorazione la ganache si addensasse troppo, basterà rimetterla sul fuoco per pochi secondi);

Baked donut

Baked donut

– mettete in una ciotola i due cucchiai di zucchero semolato a cui aggiungerete la cannella. Sciogliete due cucchiai di burro e usatelo per spennellare ciascuna pallina e dopodiché rotolatele nello zucchero e cannella. Conservate a temperatura ambiente.

Non vi dirò che questi donut sono esattamente come quelli fritti ma vi garantisco che sono soffici, delicati e liberi dai sensi di colpa: basta per amarli, vero? Alla prossima e keep in touch.

Baked donut

Baked donut

Mycakeisluka: il caso Duffingate è tuo

Duffin: donut+muffin

Duffin: donut+muffin

No, non avete letto male nè io ho l’ho scritto nel modo sbagliato: si tratta proprio del Duffin (con la D). E’ Il duffin, vale a dire il mix tra il muffin e il donut quindi un muffin leggermente fritto e zuccheroso. Intorno a questo dolce è però nato un caso. Si, perché la paternità di questa delizia é contesa tra una bakery londinese, Bea’s of Bloomsbury  e il colosso Starbucks. La prima afferma di aver inventato il duffin nel 2011 mentre la multinazionale di Seattle controbatte di aver fatto lo stesso. Devo vederci chiaro. Nel settembre scorso sono stato da Bea’s of Bloomsbury con la mia amica e blogger Angelina  ma ho trascurato i duffin per una golosa cheesecake. Nel mio ultimo giretto a  Londra invece mi sono lasciato tentare e me ne ne sono innamorato. Ora dovete vederci chiaro anche voi. Prendete gli ingredienti e la lente di ingradimento che si indaga.

INGREDIENTI PER  12 Duffin 

300 gr. di farina 00

275 gr. di zucchero semolato (più altro zucchero per ricoprire i duffin dopo la cottura)

3 uova

180 gr. di burro sciolto (più altri 25 gr. per ungere i pirottini)

140 ml di yogurt magro

2 cucchiaini di lievito in polvere

un pizzico di sale

1/2 cucchiaino di bicarbonato di sodio

marmellata di lamponi (o altri frutti di bosco)

Duffin's on my table

Duffin’s on my table

PREPARAZIONE

– Accendete il forno a 190° e inserite 12 pirottini nella teglia per muffin e ungeteli generosamente con 25 gr. burro sciolto, tenete da parte l’eventuale burro avanzato. Nel frattempo prendete due ciotole e in una setacciate la farina, lo zucchero, il lievito, il sale e il bicarbonato mentre nella seconda mescolate lo yogurt, il burro sciolto ormai freddo e un uovo per volta;

– mettete la teglia con i pirottini unti MA SENZA IMPASTO nel forno per 5 minuti circa trascorsi i quali il burro comincerà a friggere;

– versate il composto della citola con i liquidi dentro quella con la farina, amalgamando quel tanto che basta per unire il tutto. Non lavorate eccessivamente l’impasto perchè rischiereste altrimenti che i duffin risultino duri e legnosi;

La morbida croccantezza del Duffin

La morbida croccantezza del Duffin

– prendete la teglia dal forno e versate il composto nei pirottini, infornate per 20-22 minuti (vale la solita prova stecchino). Sfornate e lasciate circa 3 minuti i muffini nella teglia trascorsi i quali prendetene uno per volta e toglietelo dal pirottino. Il muffin sarà ancora caldo e inumidito dal burro il che li renderà perfetti per la golosa operazione che dovrete compiere -purché maneggiati con delicatezza-;

– mettete in una ciotola lo zucchero per la copertura e rotolatevi dentro un duffin per volta.  Se si fossero asciugati, ungeteli con il burro tenuto da parte precedentemente. Quando avrete completato questa operazione, capovolgete i duffin e prendete un levatorsoli con il quale praticare un foro fino a circa metà di ciascun duffin che riempirete con la marmellata di lamponi;

Tempting, isn't it?

Tempting, isn’t it?

– divorate come se non ci fosse un domani.

Il fascino di questi dolci sta nella loro morbidezza e croccantezza oltre a un velo di burro evocativo dei golosi donut. Io dopo il primo assaggio ho già capito da che parte stare e chi sostenere nel duffingate. Voi? Fatemi sapere e quindi keep in touch.

Duffins_vicino alto