Coffee crème brûlée

ok

Qualcuno sostiene che sebbene apparentemente semplicissima, la crème brûlée sia il dolce più difficile da preparare. La difficoltà non sta tanto negli ingredienti o nel procedimento ma nell’individuare il momento esatto in cui va sfornata. Infatti la finestra di tempo nella  quale la crema passa da “ancora liquida” a ” stracotta” è strettissima. Il rischio infatti è di avere una zuppa con della crosticina in superficie o delle uova strapazzate. Con le mie indicazioni, e con l’originale aroma di caffè,  sarà un successo assicurato. Mettiamoci al lavoro e non perdiamo altro tempo.

 

ok

INGREDIENTI (6 cocotte in ceramica da 9 cm. di diametro)

45 gr. di zucchero semolato

5 tuorli;

500 ml. di panna;

un cucchiaino e mezzo di caffè solubile

Per la crosticina di zucchero

60 gr. di zucchero semolato;

ok

PREPARAZIONE

  • Preriscaldate il forno a 160° e mettete tre bicchieri d’acqua a scaldare sul fuoco mentre in un altro pentolino metterete la panna e il caffè avendo cura di non far bollire il tutto;
  • in una ciotola nel frattempo montate con la frusta a mano i tuorli e lo zucchero per circa un minuto, dopodichè versate un terzo della panna sulle uova mescolando per bene; poi, infine, aggiungete il resto e mescolate ancora;
  • riempite ora le cocotte quasi fino all’orlo e adagiatele in una teglia dentro cui verserete l’acqua calda non oltre la metà della loro altezza (NB Vi consiglio di versare il composto in una brocca così da riempire le cocotte più agevolmente).
  • Infornate per 35 minuti circa avendo cura di verificare la cottura scuotendo leggermente le cocotte che dovranno risultare sode fatta eccezione per una piccola parte centrale che dovrà essere tremolante;
  • sfornate e fate freddare le cocotte a temperatura ambiente per poi metterle in frigo ad addensare per almeno 6 ore.
  • Trascorso tale tempo, mettete sulla superficie di ciascuna cocotte due cucchiaini circa di zucchero, così da coprirla completamente. Con l’aiuto di un cannello da cucina bruciate lo zucchero fino a che inizia a sciogliere. in modo che appena si sarà raffreddato avrà formato una crosticina gustosa da rompere in modo da assaporarla insieme alla crema.

ok

Siate sinceri, non volete più smettere di preparare crème brûlée? Benvenuti nel mio mondo e keep in touch.

 

 

Nero che più nero non si può: torta supercioccolatosa

chocolate-1

Ho un rapporto un po’ conflittuale con il cioccolato, perchè ho periodi in cui ne sono particolarmente goloso e altri in cui non lo posso neanche vedere. Momenti in cui mangerei solo quello fondente e altri in cui se non c’è un pezzetto di cioccolato al latte in giro per casa non mi alzo dal divano. Questo é un periodo in cui sono piuttosto ghiotto e quindi voglio celebrare questa golosità in un dolce come si deve, che celebri il cioccolato nel gusto e nella vista. Come? Mettiamoci al lavoro e scopriamolo insieme.

ok

INGREDIENTI (per una tortiera da budino da 23 cm. di diametro)

200 gr. di burro a temperatura ambiente (oltre a un cucchiaio sciolto per ungere la teglia);

130 gr. di farina 00 (oltre a un cucchiaio per la teglia);

1 cucchiaino di lievito in polvere per dolci (5 gr.);

300 gr. di zucchero semolato;

un cucchiaino di estratto naturale di vaniglia;

80 gr. di cacao amaro in polvere;

un pizzico di sale;

3 uova a temperatura ambiente;

125 gr. di yogurt magro;

50 ml. di caffé freddo;

5 gr. di lievito in polvere per dolci.

Per la ganache

100 gr. di cioccolato fondente;

90 ml. di panna da montare;

un cucchiaino di miele.

ok

PREPARAZIONE

  • Preriscaldate il forno a 170°, ungete la tortiera con burro fuso e un cucchiaio raso di farina e setacciate farina, cacao, lievito, sale e mettete da parte. Nel mixer montate per circa 4 minuti burro e zucchero fino ad ottenere un composto gonfio e spumoso. Unite un uovo per volta e continuate a mescolare, aggiungete infine la vaniglia;
  • aggiungete ora, in tre volte, il composto con la farina e alternatelo con lo yogurt, iniziando e finendo sempre con la farina avendo cura di mescolare quel tanto che basta per amalgamare il tutto. Unite infine il caffé e mescolate ancora, dopodichè versate nella teglia e infornate. Trascorsa la prima mezz’ora abbassate la temperatura a 160 e proseguite per altri 25 minuti o finchè non avrete verificato la cottura con l’infallibile prova stecchino;

ok

  • sfornate e lasciate la torta a temperatura ambiente per 20 minuti prima di togliere il dolce dalla teglia e adagiarlo su una gratella da forno perchè freddi completamente. Nel frattempo preparate la ganache scaldando la panna in un pentolino e, appena sobbollirà, toglietela dal fuoco e versatevi dentro il cioccolato a pezzi insieme al miele. Mescolate fiduciosamente fino ad ottenere una crema lucida e omogenea che verserete sulla torta. Conservate a temperatura ambiente.. se ci riuscirete.

ok

Vi siete tolti la voglia di cioccolato con questa torta? No? Allora sappiate che é solo l’inizio. A presto e keep in touch

Buon compleanno papà al sapore di tiramisù.

Tiramisù Cake

Ho un problema con il più classico e amato dei dolci italiani, il tiramisù. Non l’ho mai davvero preparato nè mai amato. Lo so, rasento la blasfemia gastronomica ma non mi entusiasma e mi lascia sempre un po’ deluso. Non che non sia buono ma è un dolce che non mi sorprende mai e non mi lascia mai la voglia di mangiarne ancora. Detto questo, riconosco invece che sia un dolce molto amato e molto apprezzato anche e soprattutto dal mio papà che ha da poco compiuto 84 anni. Ho quindi preparato un tiramisù ma come una torta di compleanno grande e grossa come piacciono a me. Volete scoprire come? Mettiamoci all’opera.

ok

INGREDIENTI (per due tortiere da 20 cm.)

100 gr. di farina 00;

1 cucchiaini di lievito in polvere per dolci (5 gr.);

125 gr. di zucchero semolato;

15 gr. di caffè istantaneo solubile;

20 ml. di acqua bollente

un pizzico di sale;

Per la bagna

50 ml. di brandy;

3 cucchiai di di caffè istantaneo solubile;

3 cucchiai di acqua calda bollente;

Per la glassa

350  gr. di mascarpone;

4 cucchiai di zucchero a velo;

125 ml. di panna da montare freddissima;

80 gr. di cioccolato fondente;

un cucchiaio di cacao amaro in polvere.

ok

PREPARAZIONE

  • Preriscaldate il forno a 180°, ungete le teglie e foderate le basi con carta forno. Nel mixer montate con la frusta per 4 minuti le uova con lo zucchero così da ottenere un composto molto gonfio. Aggiungete a questo punto il caffè sciolto nell’acqua e unite infine la farina setacciata insieme al lievito e al sale avendo cura di non smontare l’impasto;
  • dividete il composto nelle due teglie e cuocete per 20-22 minuti o comunque fino a che non avrete verificato la cottura con la prova stecchino. Non appena avrete sfornato le torte inumiditele spennellando metà dello sciroppo in una torta e metà in un’altra, sciroppo che avrete ottenuto mescolando il brandy con il caffè e l’acqua. Lasciate ora freddare le torte completamente nelle teglie;
  • preparate a questo punto la glassa montando a velocità bassa per circa un minuto il mascarpone, dopodichè unite la panna e lo zucchero e montate a velocità alta per un minuto circa così da amalgamare il tutto in una crema spalmabile. Mettete un primo strato di torta su un piatto da portata e cospargete con 2/3 della crema su cui grattugerete il cioccolato fondente;
  • ricoprite ora la glassa appena stesa con il secondo strato di torta che decorerete con dei ciuffetti di crema aiutandovi con una sac à poche e completerete con una spolverata di cacao amaro. Servite per ogni festa e celebrazione perchè non vi deluderà.

ok

Ammetto che questa torta ha il pregio di essere semplice da preparare e spettacolare conservando lo spirito e il gusto del tiramisù. Mio papà ha apprezzato e magari anche vi state chiedendo quale dolce preparare per il prossimo compleanno. Keep in touch.

La mocha cheesecake a cui non puoi dir di no

Mocha

Seduto in quel caffè. Io non pensavo a te...” diciamo in realtà che quando io mi siedo non vedo l’ora che mi portino un caffé: a casa, in ufficio  e naturalmente nei bar. Cerco di limitarmi ma fatico a dire di no ad un buon caffé e se poi é il protagonista di una cheesecake insieme al cioccolato fondente, non mi controllo più. Caffé e cioccolato in una parola sola si diche mocha ed è la cifra di questa cheesecake che andiamo a preparare insieme.

ok

INGREDIENTI PER UNA TORTIERA APRIBILE DA 23 CM

PER LA BASE

100 gr. di burro sciolto;

200 gr. di biscotti tipo Digestive al cioccolato.

PER IL RIPIENO

600 gr. di formaggio tipo Philadelphia® a temperatura ambiente;

275 gr. di zucchero semolato;

4 uova a temperatura ambiente;

10 gr. di maizena o farina 00;

125 gr. di  yogurt magro;

1 cucchiaino (5 ml.) di estratto naturale di vaniglia;

3 cucchiai di caffé solubile:

4 cucchiai di acqua bollente;

200 gr. di cioccolato fondente;

1 cucchiaino di cacao in polvere (facoltativo);

chicchi di caffé al cioccolato (facoltativo).

 

ok

 

PREPARAZIONE

– Per prima cosa preparate la base sbriciolando i biscotti e amalgamandoli con il burro sciolto ma non caldo. Utilizzate il composto per foderare la tortiera (il solo fondo) che metterete in freezer ad addensare per almeno 40 minuti mentre preparerete il ripieno.

– sciogliete a bagnomaria il cioccolato fondente e tenete da parte così che torni a temperatura ambiente. Preriscaldate il forno a 150° mentre in una ciotola lavorate con un cucchiaio di legno il formaggio insieme allo zucchero e alla maizena così da ottenere un composto omogeneo. N.B. lasciate stare mixer e frullini elettrici perchè meno aria incorporate meglio é: si lavora a mano questa volta;

– unite una per volta le uova avendo cura di aggiungere la successiva solo dopo aver incorporato la precedente. Quando avrete amalgamato tutte le uova, unite lo yogurt e  la vaniglia e mescolate ancora. Sciogliete a parte il caffé nell’acqua e aggiungetelo a metà del composto mentre nella restante metà verserete il cioccolato amalgamandolo per bene;

ok

– togliete la teglia del freezer e versatevi il composto con il cioccolato e dopodichè quello al caffè marmorizzandoli delicatamente con la punta del coltello. Foderate l’esterno della tegli con carta stagnola e adagiatela in una teglia più grande dentro cui verserete circa tre bicchieri di acqua calda così da far cuocere la cheesecake a bagno maria;

– cuocete la cheesecake per un’ora e un quarto o comunque finchè il solo centro del dolce sarà leggermente tremolante (continuerà a cuocere con il calore residuo). Sfornate e fate freddare a temperatura ambiente e dopodichè fate riposare in frigo per una notte. Servite gaudenti dopo aver cosparso eventualmente di cacao amaro e chicci di caffè ricoperti di cioccolato.

ok

In questo dolce caffè e cioccolato si sentono entrambi anche se sono sapori decisi, non litigano tra di loro ma si abbracciano in nome del mocha: vabbè sto quasi delirando ma voi perdonatemi perchè è tutta colpa di questa cheesecake. Alla prossima e keep in touch.

ok

Missing fico: torta al caffè, nocciole e fichi.

Coffe, Figs and Hazelnut

Non so voi, ma io a settembre ho faticato come non mai per trovare dei fichi. Non so come sia possibile ma tant’è. Ho girato come un matto tra i banchi del mio mercato di fiducia, ho mobilitato amici ed ero a un passo dal chiedere aiuto a una medium. Perché tutto questo accanimento per trovare dei fichi freschi? Perché cerco di essere il più aderente possibile alle stagionalità quando preparo i miei dolci e in terza elementare mi avevano spiegato che a settembre si mangiano i fichi. In realtà avevo letto che fichi, caffè e nocciole stanno bene insieme ma questa è un’altra storia. Anyway, i fichi li ho e quindi possiamo metterci a preparare la tanto agognata torta.

ok

INGREDIENTI PER DUE TORTIERE RETTANGOLARI 15 x 20 cm.

4 fichi secchi

75 ml di caffè caldo

100 gr. di nocciole tostate

200 gr. di burro morbido

225 gr. di zucchero semolato

10 gr. di lievito per dolci

2 cucchiaini di estratto naturale di vaniglia

50 gr. di yogurt naturale

4 uova

200 gr. di farina 00

un pizzico di sale

PER LA GLASSA

3- 4 cucchiai di marmellata di fichi

10 fichi freschi divisi in 4 parti

100 gr. di burro morbido

100 gr. di zucchero a velo

150 gr. di mascarpone a temperatura ambiente

ok

ok

PREPARAZIONE

  • Mettete i fichi secchi a mollo nel caffè bollente per 30 minuti. Foderate le teglie con carta forno e preriscaldate il forno a 180°. Tritate nel mixer con le lame 75 gr. di nocciole (senza però ridurle in farina);
  • nello stesso mixer unite i fichi con il caffè a formare una sorta di pasta. Dopodichè, sempre nel mixer, aggiungete tutti gli altri ingredienti per l’impasto. Azionate il mixer avendo cura di mescolare per un paio di volte il fondo con una spatola. Quando avrete ottenuto un impasto omogeneo dividetelo nelle due teglie in parti uguali e infornate per 23-30 minuti (o in ogni caso quando uno stecchino inserito nella torta uscirà completamente asciutto):
  • sfornate le due torte e lasciatele a temperatura ambiente 15 minuti prima di adagiarle su una gratella perché freddino completamente. Nel frattempo preparate la glassa.
  • mettete in una ciotola il burro morbido e lo zucchero a velo e montate con le fruste elettriche fino a formare un composto gonfio e spumoso (ci vorranno 3-4 minuti circa). Unite a questo punto il mascarpone e mescolate a velocità bassissima e il minino indispensabile per amalgamare il tutto (non oltre i 30 secondi). NB Se per qualche ragione la glassa dovesse essere troppo liquida e poco spalmabile, mettetela in frigo per una ventina di minuti. Tritate i restanti 25 gr. di nocciole nel mixer fino a ottenere una granella;

ok

  • adagiate il primo strato di torta ormai fredda sul piatto da portata, spalmate uno strato sottile di glassa e sopra di essa la marmellata. Mettetevi sopra il secondo strato di torta che ricoprirete con la glassa.
  • Potete decidere di ricoprirla completamente (lungo i bordi non avete necessità di essere eccessivamente precisi) livellando la superficie con una spatola; oppure potete fare come me e lasciare la superficie scoperta, decorandola magari con del zucchero a velo.
  • Ora ricoprite i lati della torta con la granella e adagiate gli spicchi di fichi freschi per tutto il perimetro della torta. Mettete la torta in frigo un’oretta per poi servirla a temperatura ambiente. Gustate con aria autunnale.

ok

Si, alla fine la torta era azzeccata e strepitosa e la fatica per cercare i fichi freschi è stata assolutamente ripagata. Come dite? Dove ho trovato i fichi? Dal fruttivendolo sotto casa. Alla prossima e keep in touch.

Il banana bread al cioccolato ha messo su il caffè

Coffe and Chocolate Banana Bread

Quando vi avanzano delle banane e stanno per diventare un po’ troppo mature, sapete già cosa fare: il banana bread. Non è solo un’ottima soluzione per utilizzare le banane ma anche per preparare una gustosa colazione. Ho pensato però fosse il caso di dare a questo dolce, diffusissimo sia negli Stati Uniti che in Gran Bretagna, una marcia in più che lo caratterizzasse come vero e propria delizia da prima colazione. Come dite? Cos’ho fatto? Indossate il grembiule, mettete da parte qualsiasi elettrodomestico e lo scoprirete.

ok (5)

INGREDIENTI

225 g farina 00
2 cucchiaini (10 gr.) lievito
un pizzico di  sale
2 cucchiai di caffè solubile
25 gr di cacao in polvere

50 gr. di cioccolato fondente a quadrettini
250g di banana (pesata senza pelle)
100 ml di yogurt magro
185 gr. di zucchero di canna
2 uova
1 cucchiaino di estratto naturale di vaniglia
150 gr burro sciolto (più un cucchiaio per ungere la teglia).

ok

PREPARAZIONE

  • Riscaldate il forno a 180° e ungete con del burro fuso la teglia da plumcake. In una ciotola mescolate con una spatola o un cucchiaio di lengo (mai con un frullino elettrico) la farina, il sale, il lievito, il cacao e il caffé. In una seconda ciotola (più grande della precedente) mescolate lo yogurt, la banana schiacciata grossolanamente (tenete da parte due spicchi da mettere sull’impasto nella teglia prima di infornare), la vaniglia e il burro sciolto;
  • aggiungete alla ciotola con i liquidi un uovo per volta mescolando così che sia tutto completamente amalgamato. Versate ora il composto della prima ciotola in questa seconda, avendo cura di mescolare solo il minimo indispensabile ad ottenere un composto omogeneo NB Se mescolate o montate l’impasto eccessivamente il risultato sarà un composto duro e pesante;
  • versate l’impasto nella teglia, adagiatevi sopra i due spicchi di banana tenuti da parte che infornerete per 50 minuti o finchè uno stecchino inserito nel dolce non esca completamente asciutto;
  • sfornate e fate freddare per 15 minuti prima di sformare completamete e far freddare su una gratella da forno. Tagliate a fette che scalderete leggermente prima di gustare.

ok (3)OK (4)

Facile da preparare, gustoso e a suo modo anche elegante. Non vi sentite da subito in una bakery di Brooklyn? Io un tantinello si, ed è proprio questa la ragione per cui preparo così spesso il banana bread. Alla prossima e keep in touch.

ok (2)

Da Londra con furore: torta caffé e noci pralinata

IMG_6505

Qui il freddo non arriva, facciamocene una ragione. Mi riferisco a quel freddo pungente che ti entra nelle ossa e da cui a fatica riesci a difenderti. Quelle sferzate taglienti che solo il pensiero di un tè caldo può mitigare. Il fatto é che la voglia di mettere a scaldare l’acqua per il tè a me non viene poiché fa troppo caldo. Si, il clima non é quello gelido che invoglia a stringere la tazza calda e fumante. Visto che però i dolci da tè sono i miei preferiti, che fare? Me ne infischio e anche senza tè li cucino ugualmente: semplice, no? Uno dei classici che più classico non c’è è la torta caffé e noci che gli inglesi però a mio avviso decorano in maniera un tantinello “rustica”. La mia versione pertanto é fedelissima alla tradizione ma più posh grazie al pralinato di noci pecan con cui l’ho decorata. Volete saperne di più? Allacciate il grembiule e partiamo.

INGREDIENTI (due tortiere da 20 cm.)

Per le basi

150 gr. di burro morbido;

150 gr. di zucchero semolato;

un pizzico di sale;

3 uova a temperatura ambiente;

175 gr. di farina 00;

50 gr. di noci tritate grossolanamente;

1 cucchiaio di caffè solubile (15 gr.);

1 e 1/2 cucchiaini di lievito (8 gr.);

IMG_6511

Per lo sciroppo al caffé

75 gr. di zucchero;

75 ml. di acqua;

1 cucchiaio di caffè solubile;

Per la glassa al mascarpone

100 gr. di burro morbido;

un cucchiaino di caffè solubile;

100 gr. di zucchero a velo setacciato;

200 gr. di mascarpone;

Per le noci pralinate

60 gr. di noci (più 5 o 6 come guarnizione);

60 gr. di zucchero semolato.

IMG_6507

PREPARAZIONE

– Preriscaldate il forno a 180 gradi e foderate le tortiere con carta forno. In un mixer elettrico montate a crema per circa 2 minuti il burro con lo zucchero. Nel frattempo sciogliete il caffè in un cucchiaio abbondante di acqua calda. Unite un uovo per volta, avendo cura di mescolare di tanto in tanto il fondo del cestello del mixer con una spatola;

– unite a questo punto le noci e il caffè e mescolate ancora. Nel frattempo setacciate la farina con il lievito e il sale e unitela al composto nel mixer mescolando a bassa velocità e quel tanto che basta per incorporare il tutto. Dividete il composto in parti uguali nelle teglie e infornate per 30 minuti (vale al solito la prova stecchino);

– mentre le torte cuociono preparate lo sciroppo, portanto a bollore l’acqua con lo zucchero dopodichè scioglietevi dentro il caffè e tenete da parte. Appena sfornate le torte, spennellatele con lo sciroppo in modo che venga completamente assorbito. Lasciate le torte 20 minuti a temperatura ambiente prima di sformarle e farle completamente freddare su una gratella da forno;

– preparate le noci pralinate mettendo lo zucchero in una padella antiaderente così da scioglierlo ma senza girarlo con cucchiai o altro (potete di tanto in tanto far roteare leggermente la padella). Appena lo zucchero sara sciolto e brunito, versatevi dentro le noci in modo da ricoprirle. Fatele cuocere per 20 secondi e poi rovesciate il tutto su una teglia coperta di carta forno così che possa freddare completamente;

– mettete le noci nel mixer e rendetele una granella. Nel frattempo preparate il frosting al mascarpone montando a crema il burro con lo zucchero a velo, per tre o quattro minuti, dopodichè aggiungete il caffè e montate ancora per un minuto. Unite il mascarpone e amalgamate il tutto per 30 secondi con il mixer a bassa velocità e mettete da parte;

IMG_6515

– mettete la prima torta sul piatto da portata e spalmate un generoso strato di crema al mascarpone e una manciata di pralinato di noci, dopodiché adagiatevi sopra l’altro strato di torta e cospargete il top e i lati con altra glassa. Coprite i lati della torta con il pralinato e il top con dei ciuffi di frosting e le noci tenute da parte. La torta di conserva in frigo per 3 giorni ma non arriva a due, credetemi 🙂

L’abbinamento noci e caffè é un classico inglese ma generalmente con un estetica rustica che io non amo e ho quindi voluto dare un tocco più classy: che ne pensate? Alla prossima e keep in touch.

 

 

 

Brownie al cappuccino

capuccino 6

“Un cappuccino al banco, grazieeee”. No, scusate volevo dire “un brownie al tavolo uno, grazieeeee”. Che confusione, sarà perché ho fame oppure perchè ho sonno. Anyway, io non sono esattamente uno da cappuccino e cornetto al bar. Intendo dire che il cornetto deve essere un dolce inglese e il cappuccino un caffé americano lungo ma tanto lungo da durare fino a pranzo. Tuttavia riconosco il gusto e il piacere di iniziare la giornata con questo tradizionale abbinamento: cappuccino e cornetto.  Io ho sperimentato un’altra accoppiata per un inizio di giornata carico di sprint: brownie e cappuccino. No, non prima uno e poi l’altro ma tutto insieme. Non ci credete? Mettiamoci al lavoro e vedrete.

IMG_4849

INGREDIENTI (PER UNA TEGLIA QUADRATA 20 X 20)

210 gr. di cioccolato fondente;

120 gr. di burro;

180 gr. di zucchero semolato;

3 uova;

90 gr. di farina 00;

30 gr. di caffè solubile;

2 cucchiai di cacao in polvere;

un pizzico di sale;

200 ml. di panna da montare;

1 cucchiaio di zucchero a velo.

IMG_4847

PREPARAZIONE

– Preriscaldate il forno a 180° e foderate la teglia con carta forno. Nel frattempo mettete il cioccolato e il burro in una ciotola che adagerete su una pentola con acqua bollente, avendo cura che l’acqua e il fondo della ciotola non si tocchino. Appena il tutto sarà amalgamato, mettete da parte e lasciate intiepidire;

– nel frattempo setacciate la farina con il cacao e il sale, dopodichè unite il caffè solubile. A parte mescolate lo zucchero con le uova con una frusta a mano. Quando il composto con il cioccolato sarà tiepido, unite le uova e mescolate per bene. Aggiungete a questo punto il composto con la farina e amalgamate quel tanto che basta per avere un impasto omogeneo;

IMG_4841

– versate il tutto nella teglia e infornate per 23-25 minuti. Ricordate che il brownie dovrà avere una consistenza morbida e pertanto lo stecchino che inserirete per verificarne la cottura dovrà uscire leggermente umido e con alcune briciole di impasto. Sfornate e fate freddare a temperatura ambiente, dopodichè mettete la teglia in frigo per una mezz’oretta;

– montate la panna con lo zucchero a velo e spargetela in maniera omogenea sul brownie ormai freddo e con una forchetta praticate delle righe decorative. Tagliate in quadrotti e cospargete con della polvere di cacao. Divorate e ancora divorate.

IMG_4842

Allora che ne dite? Lasciate il vostro cappuccino e brioche in cambio del mio brownie al cappuccino? Non voglio sapere la risposta nè voglio corrompervi ma sono certo che sarà amore a primo morso. Alla prossima e keep in touch.

 

 

 

Torino chiama Londra: Bicerin marble cake

Bicerin Marble Cake

Bicerin Marble Cake

Le marble cake (torta marmorizzata) sono un classico della pasticceria da tè inglese che ho sempre guardato con una certa sufficienza. Mi ricordavano le torte delle nonne che mangi pensando:  “si, buona ma niente di che”. Insomma, un dolce a mio avviso declassato che aveva bisogno del mio tocco per essere ravvivato. Questa volta il tocco viene dalla mia città, Torino e da una bevanda tipica il bicerin. Si tratta di una bevanda calda (anche se ne esiste una versione in bottiglia gustosissima) fatta di caffé, cioccolato e panna mescolati con sapienza ed equilibrio. La miscela di tradizione inglese e torinese non può deludere, vero? Scopriamolo insieme e mettiamoci al lavoro.

INGREDIENTI

130 gr di  farina 00

85 gr. di burro a temperatura ambiente

1 cucchiaino di lievito in polvere (5 gr.)

3 uova

100 gr. di zucchero semolato

40 ml. di latte intero

20 gr. di caffé istantaneo (di cui 10 per la glassa)

10 gr. di cacao in polvere

1 cucchiaino di estratto naturale di vaniglia

un pizzico di sale

100 gr. di cioccolato amaro

80 ml. di panna

1 cucchiaio di caffé espresso freddo

chicchi di caffè ricoperti di cioccolato

Bicerin Marble Cake

Bicerin Marble Cake

PREPARAZIONE

– Ungete e infarinate leggermente una tortiera da budino 17 X 9 cm e preriscaldate il forno a 170°. Montate nel mixer a velocità media il burro con lo zucchero per circa due minuti così da ottenere un composto gonfio e spumoso. Nel frattempo setacciate la farina con il lievito e il sale in una ciotola mentre in un’altra mescolate il latte con il cacao e 10 gr. di caffè solubile così da ottenere una sorta di pasta;

– nel mixer a velocità media, versate uno per volta le uova avendo l’accortezza di unire il successivo solo dopo aver perfettamente incorporato il precedente. Dopo aver unito tutte le uova, aggiungete la vaniglia e mescolate ancora. Dividete questo impasto in due parti uguali e ad una delle quali aggiungete l’impasto di latte, cacao e caffè;

– versate un primo strato di impasto bianco alla base sopra il quale ne verserete altrettanto di impasto scuro e poi ancora con dell’impasto chiaro per finire con l’ultima parte di impasto al cacao. Con un coltello, mescolate delicatamente ma non eccessivamente i due impasti così da avere un effetto marmorizzato;

Bicerin Marble Cake

Bicerin Marble Cake

– infornate per 25-30 minuti (per controllare la corretta cottura, vale l’infallibile prova stecchino). Sfornate e lasciate la teglia a temperatura ambiente per 10 minuti prima di sformate il dolce e farlo freddare su una gratella da forno;

– quando il dolce sarò ormai freddo, preparate la ganache al caffé portando a bollore la panna in un pentolino. Togliete dal fuoco e versatevi dentro il cioccolato a pezzetti, 10 grammi di caffé solubile e e quello espresso. Amalgamate il tutto così da avere un composto omogeneo che verserete immediatamente sulla torta avendo cura che coli per lungo i lati. Decorate immediatamente con i chicchi di caffè glassati e dopodiché lasciate a temperatura ambiente prima di servire.

Bicerin Marble Cake

Bicerin Marble Cake

Grazie a un buon bicchiere di bicerin ho superato la mia diffidenza verso le marble cake. Non ci credete? Passatemi il bicchiere, ops volevo dire il piatto che vi faccio assaggiare questa delizia. Alla prossima e keep in touch.

Metti un tiramisù a cena… dentro una whoopie pie.

Woopie Pie Tiramisù

Sono in vena di confessioni e quindi ho deciso di farvene un’altra: io non amo il tiramisù. Non odiatemi per questo e continuate ad apprezzarmi, mi raccomando 😉 Non é che proprio non mi piaccia, piuttosto non ci vedo niente di speciale. Confessarvelo é stata dura perché a volte quando dico che non mi piace il tiramisù i commensali mi guardano come se stessi parlando male della loro mamma. Ho pensato di “rivisitare” questo dolce classico della tradizione italiana alla maniera di mycakeisluka, american style in altri termini. Ho perciò preparato degli whoopie al tiramisù: facilissimi, buonissimi ed evocativi del dolce tradizionale. Dai, partiamo con gli ingredienti e il procedimento.

INGREDIENTI PER LE WHOOPIE PIES

Tutti gli ingredienti devono essere a temperatura ambiente

230 gr. di farina 00;

45 gr. di amido di mais;

150 gr. di zucchero;

1 uovo;

75 gr. di burro;

1 cucchiaino (5 gr.) di caffè solubile;

125 ml di yogurt magro;

25 ml. di latte intero;

1/2 cucchiaino di lievito in polvere;

1/2 cucchiaino di bicarbonato di sodio;

1 cucchiaino di estratto naturale di vaniglia;

un pizzico di sale;

Woopie Pie Tiramisù

INGREDIENTI PER LA CREMA AL MASCARPONE

2 tuorli;

2 cucchiai di zucchero;

125 gr. di mascarpone;

200 ml. di panna da montare (freddissima direttamente dal frigo);

100 ml. di caffé espresso;

cacao amaro per decorare.

PROCEDIMENTO PER GLI WHOOPIE

– Accendete il forno a 180° e foderate la leccarda con carta forno. Montate con il mixer ad alta velocità (un paio di minuti almeno) lo zucchero con l’uovo. Intanto setacciate in una ciotola la farina, l’amido di mais, il lievito, il bicarbonato e il sale. In un’altra ciotola mescolate il latte, lo yogurt e la vaniglia. Sciogliete (sul fuoco o al microonde) il burro e fatelo freddare;

– unite all’impasto di uova e zucchero 1/3 circa delle farine e amalgamate con in mixer a bassa velocità. Unite ora metà del composto di latte e yogurt e amalgamate sempre a bassa velocità. Proseguite ad aggiungere alternativamente farine e liquidi sempre usando il mixer a bassa velocità. Dopodiché unite il burro sciolto ormai freddato e amalgamate con una spatola il composto che riporrete in frigo per 30 minuti;

– trascorsa la mezz’ora, prendete l’impasto e fatene dei mucchietti di forma tondeggiante e più regolare possibili del diametro di 4-5 cm e distanziati e separati l’un l’altro di altrettanti 5 cm. Con le dita inumidite di acqua fredda livellate la superficie di ciascun mucchietto. Infornate per 12-13 minuti (appena saranno dorati in superficie sono pronti altrimenti vale la solita prova stecchino);

– fate freddare su una gratella da forno prima di farcire con la crema;

PROCEDIMENTO PER LA CREMA AL MASCARPONE

– spennellate le basi di ciascun whoopie con del caffè freddo e fate asciugare mentre preparerete la crema al mascarpone. Mettete una ciotola su una pentola con acqua calda bollente (la ciotola non deve però toccare l’acqua) e montate fino a raggiungere la temperatura di 70° così da pastorizzare l’uovo;

– fate freddare la crema e dopodiché unite il mascarpone delicatamente. Intanto montate la panna molto soda (tenete le fruste e il cestello del mixer in frigo una decina di minuti prima di lavorare la panna) e unitela alla crema di mascarpone con movimenti dal basso verso l’alto. Mettete la crema ottenuta mezz’ora in frigo prima di usarla per farcire gli whoopies. Dopo averli farciti e poco prima di servirli spolverizzateli con il cacao amaro.

Vedete, basta trasformare il tiramisù in un whoopie ed é subito pace tra tradizioni apparentemente diverse… bé con l’intermediazione di mycakeisluka, s’intende. Alla prossima e keep in touch.

Woopie pie tiramisù