Orange madeleines

Secondo me, le madeleines obbediscono a un principio: minimo sforzo, massimo risultato. Infatti, la loro preparazione non é affatto complessa e prevede anche un certo riposo prima della cottura, insomma come dicono gli inglesi  totally stressless. Questa versione é aromatizzata all’arancio e leggermente inumidita con dello sciroppo per garantirne la morbidezza più a lungo.

INGREDIENTI (24 madeleines)

125 gr. di farina 00;

25 gr. di amido di mais;

100 gr. di zucchero semolato (più due cucchiai per lo sciroppo);

4 gr. di lievito in polvere per dolci;

3 uova;

100 gr. di burro (più un paio di cucchiai per ungere la teglia);

scorza di un arancia;

due cucchiai di succo d’arancia.

un pizzico di sale.

PREPARAZIONE

  • Sciogliete in un pentolino il burro e mettete da parte mentre nella ciotola con il mixer e la frusta monterete per 4 minuti circa le uova con lo zucchero. A parte, intanto, setacciate farina, amido;  sale e lievito e infine la scorza d’arancia;
  • unite al composto montato quello setacciato in due volte, amalgamando dal basso verso l’alto con una spatola. Unite infine il burro ormai freddo sempre mescolando dal basso verso l’altro. Mettete il composto coperto in frigo per almeno un’ora. Ungete la teglia da madeleine di media grandezza con del burro e mettetela in freezer per almeno un’ora;

  • preriscaldate il forno a 190°, dividete l’impasto negli spazi della teglia avendo cura di occupare al massimo metà del volume a disposizione (NB non riempiteli troppo, mi raccomando!). Infornate per 10 minuti e nel frattempo preparate lo  sciroppo, mettendo a bollire in un pentolino per circa un minuto il succo d’arancia, due cucchiai di zucchero e due di acqua;
  • sfornate le madeleines e bagnatele leggemente con lo sciroppo caldo, lasciatele ancora un minuto a temperatura ambiente prima di toglierle definitivamente dalla teglia. Spolverizzate con un po’ di zucchero a velo prima di gustarle gioiosamente.

Non potete non fare bella figura con questi dolcetti ,e poi le madeleines piacciono sempre e comunque a tutti.

Alla prossima e keep in touch.

Muffin del buon risveglio.

Breakfast muffin

Il risveglio é un momento importante della giornata ma a volte anche un tantinello complicato. Io quindi ho pensato a come dare uno sprint goloso alle vostre mattine e alle vostre colazioni: come? Scopritelo preparando con me questi muffin golosissisimi,

ok

INGREDIENTI (per 8 muffin)

225 gr. di farina 00;

un pizzico di sale;

2 cucchiaini di lievito in polvere (10 gr.);

1 cucchiaino di bicarbonato di sodio (5 gr.)

1 uov0;

180 gr. di yogurt intero;

40 ml. di latte;

130 gr. di zucchero semolato;

un paio di cucchiai di miele;

50 gr. di fiocchi d’avena;

125 gr. di lamponi e/o mirtilli freschi.

ok

PREPARAZIONE

  • Preriscaldate il forno a 200° e  inserite i pirottini da muffin nell’apposita teglia. In una ciotola mescolate yogurt, latte, l’uovo. In una seconda ciotola mescolate la farina con lo zucchero, il lievito, il bicarbonato, il sale e i frutti rossi avendo cura che non si spappolino (NB Tenete da parte una decina di mirtilli o lamponi che adagerete sulla cima del muffin crudo prima di infornarlo);
  • unite ora il composto liquido a quello con la farina mescolando il minimo indispensabile per amalgamare il tutto N.B. se monterete l’impasto o anche solo lo amalgamerete troppo, i muffin diventeranno duri come pietre. Mettete ora il composto in frigo per 30 minuti;

ok

  • trascorsa mezz’ora, dividete il composto negli otto pirottini sulla cui sommità cospargerete l’avena e un paio di frutti rossi. Infornate per 10 minuti trascorsi i quali abbasserete la temperatura del forno a 180° e cuocerete per altri 15 minuti o comunque fino a cottura ultimata che verificherete con l’infallibile prova stecchino;
  • sfornate e immediatamente fate cadere su ciascun muffin caldo un cucchiaino di miele. Gustate con aria mattiniera.

ok

Dall’australia con le more: friand

FRIAND

L’Australia, come la Nuova Zelanda, non hanno una particolare tradizione dolciaria, poichè di fatto le loro torte e biscotti sono pressoché gli stessi che si possono trovare in Inghilterra. Non è stato quindi facile trovare un dolce speciale e davvero australiano ma alla fine ce l’ho fatta e ho scovato i friand, dolcetti gustosi al profumo di mandorle che io arricchito con le more. Il risultato? Scopriamolo insieme mettendoci al lavoro.

OK

INGREDIENTI (7-8 friand)

85 gr. di farina 00 (più un cucchiaio per le more);

85 gr. di farina di mandorle;

100 gr. di granella di pistacchi;

200 gr. di zucchero a velo (oltre a un cucchiaio per spolverare i dolci finiti);

140 gr. di burro (più un cucchiaio per ungere le teglie);

5 albumi;

120 gr. di more.

ok

PREPARAZIONE

  • Preriscaldate il forno a 180°, ungete le mini teglie da friand (NB nel caso non le aveste, usate tranquillamente una teglia da muffin con i relativi pirottini) con un cucchiaio di burro precedentemente sciolto. Mettete il burro in un pentolino e scioglietelo a fuoco basso avendo cura di non farlo mai bollire, dopodiché mettetelo da parte a freddare;
  • Montate a neve ben ferma gli albumi con le fruste elettriche, mentre a parte in una ciotola mescolerete le farine, lo zucchero a velo e la granella di pistacchi. Unite un paio di cucchiai di albume alle farine e amalgamate vigorosamente così da rendere l’impasto più liquido prima di aggiungere il resto dell’albume con movimenti dall’alto verso il basso:

ok

  • versate ora il burro nel composto e mescolate con una spatola fino ad amalgamare tutto per bene. A questo punto unite all’impasto le more precedentemente infarinate e amalgamate delicatamente per poi  riempire i pirottini per 2/3 del loro volume;
  • infornate per 25 minuti controllando l’avvenuta cottura con la solita infallibile prova stecchino. Sfornate e fate freddare i pirottini nella teglia (nel caso abbiate usato i pirottini da muffin) per poi decorare i vostri friand con una spolverata di zucchero a velo. Gustate con aria australiana.

ok

Questo dolce riscatterà l’Australia in nome della dolcezza.

Alla prossima e keep in touch.

ok

Il panettone alsaziano: il Kougelhops

Kougelhops

Due premesse sono necessarie a questo post: la prima é che io il panettone lo mangerei tutto l’anno e non solo a Natale, la seconda é che gli alsaziani non hanno nessun panettone o dolce simile. Il Kougelhops é una delizia alsaziana ricca di uvetta e profumata all’arancia, lievitata a lungo e cotta in uno stampo di terracotta o da budino. Ho già l’acquolina in bocca e quindi mettiamoci subito all’opera.

ok

INGREDIENTI (tortiera da budino)

120 gr. di uva passa;

50 ml. di rum (se non volete usare alcolici, sostituitelo con la stessa quantità di succo d’arancia);

30 gr. di farina 00;

150 gr. di farina forte (tipo Manitoba);

70 ml. di latte;

30 gr. di zucchero semolato;

scorza di un’arancia;

2 uova e un tuorlo;

90 gr. di burro morbido;

25 gr. di mandorle a lamelle;

una bustina da 7 gr. di lievito di birra disidratato;

zucchero a velo.

40 gr. di burro fuso (opzionali);

due cucchiai di zucchero semolato (opzionali);

ok

PREPARAZIONE

  • Mettete in un pentolino l’uvetta, il rum (o il succo d’arancia) con 50 ml di acqua e portate a bollore fino a che il liquido non sarà stato completamente assorbito, dopodiché mettete il tutto da parte a intiepidire. Mettete nel mixer con il gancio le farine, lo zucchero, il lievito, il latte e iniziate ad impastare. Unite a seguire le uova con il tuorlo insieme alla scorza d’arancia e, quando inizierà ad amalgamare, aggiungete poco per volta il burro morbido a tocchetti fino ad incorporarlo tutto (NB complessivamente la lavorazione durerà circa 10 minuti poiché la velocità del mixer sarà al minimo);
  • mettete il composto in una capiente ciotola imburrata che coprirete con la pellicola trasparente così da lasciarla lievitare a temperatura ambiente per 40 minuti prima di metterla in frigo per tutta la notte.
  • Il giorno seguente imburrate leggermente la teglia sul fondo della quale adagerete le mandorle a lamelle; poi, infine, stendeteci dentro l’impasto che ha riposato in frigo;
  • lasciate lievitare a temperatura ambiente il composto nella teglia coperta da pellicola per due ore, preriscaldate il forno a 180°e, trascorse due ore, infornate per 35 minuti.

ok_giust

  • Sfornate e lasciate la teglia a temperatura ambiente per 5 minuti trascorsi i quali metterete il dolce su una gratella da forno affinché raffreddi completamente;
  • se volete dare una note dolce in più, spennellate di burro fuso il vostro Kougelhops ancora caldo per poi ricoprirlo di zucchero semolato.
  • Quando sarà freddo e prima di servirlo, non dimenticate un’ultima spolverata di zucchero a velo.
  • Gustate con aria alsaziana.

ok

Mi domando sempre se sia più lo spirito alsaziano o quello natalizio a spingermi verso un’altra fetta di questo dolce: lo scopriremo solo mangiandolo. Alla prossima e keep in touch.

 

Il finanziere più dolce che c’è: financiers ai lamponi

raspberry-financiers

 

La Guardia di Finanza qui non c’entra niente ma i lingotti d’oro si. La tradizione vuole infatti che questi dolci francesi avessero la forma di piccoli lingotti d’oro, forse perché nati in principio nel distretto finanziario della Borsa valori di Parigi, chissà. La verità è che sono delizie facilissime da preparare e buonissime da mangiare, credetemi.


ok

INGREDIENTI (6-7 financiers)

60 gr. di farina 00;

60 gr. di farina di mandorle;

150 gr. di zucchero a velo (oltre a un cucchiaio per spolverare i dolci finiti);

100 gr. di burro completamento sciolto;

3 albumi;

100 gr. di lamponi.

ok

PREPARAZIONE

  • Setacciate le farine e lo zucchero a velo mentre montate con le fruste elettriche gli albumi ben fermi. Unite in tre volte il composto con le farine agli albumi e infine unite il burro precedentemente sciolto e riportato a temperatura ambiente. Mettete ora il composto in frigo per un’ora;
  • nel frattempo preriscaldate il forno a 180° e trascorsa un’ora riempite i pirottini per metà del loro volume (NB nel caso non aveste quelli rettangolari, usate tranquillamente i pirottini da muffin sacrificando la forma del lingotto…), adagiate sulla sommità di ciascun pirottino due o tre lamponi precedentemente infarinati;
  • infornate per 26 minuti, sfornate e fate freddare completamente prima di spolverare i financiers con dello zucchero a velo e gustare gioiosamente.ok

Non vi sentite improvvisamente più ricchi ora che avete gustato questi financiers? No? Quantomeno sentirete più appagato il vostro palato. Alla prossima e keep in touch.

ok

ok

 

Il più dolce albero di Natale che c’è: berry and orange bun tree

berry-and-orange-bun-tree-1

Vi siete mai chiesti qual è la colazione ideale la mattina di Natale? Io si e la risposta é l’albero di Natale. No, non è uno scherzo e vi basterà preparare questo dolce per capire cosa intendo.

INGREDIENTI PER L’IMPASTO (11 Chelsea buns)

275 ml. di latte;

450 gr. di farina forte (quella utilizzata per panificare);

50 gr. di burro;

50 gr. di zucchero semolato;

1 pizzico di sale;

7 gr. di lievito di birra disidratato;

1/2 cucchiaino di cannella;

ok

PER IL RIPIENO

225 gr. di marzapane o pasta di mandorle;

scorza di un’arancia;

100 gr. di mirtilli;

100 gr di mirtilli rossi disidratati;

40 gr. di granella di pistacchi (più un cucchiaio per la decorazione);

ciliegie candite;

un paio di cucchiai di marmellata di albicocche leggermente riscaldata;

tre cucchiai di zucchero a velo.

ok

PREPARAZIONE

  • Mettete il latte e il burro in un pentolino sul fuoco fino a che il burro sia completamente sciolto, dopodiché mettete da parte fino a che il latte non intiepidisce. Nel frattempo mettete la farina, lo zucchero e il lievito nell’impastatrice o in una ciotola capiente se non ne aveste una. Aggiungete alla farina il latte intiepidito e iniziate a impastare per un paio di minuti, aggiungete il sale e proseguite a impastare per altri 3 minuti (NB nel caso impastaste a mano dovrete farlo per 10 minuti);
  • mettete l’impasto in una ciotola coperta così che possa lievitare per almeno due ore (se preferite potete mettere la ciotola in frigo per tutta la notte) trascorse le quali lo sgonfierete “a suon di pugni” e lo stenderete a formare un rettangolo 40 X 30 cm;

ok

  • grattugiate il marzapane con la grattugia a formare delle scaglie con cui cospargerete l’impasto, versatevi sopra sia i mirtilli sia quelli rossi disidratati. Grattugiate la scorza d’arancia su tutta la superficie dell’impasto e a seguire coprite con la granella di pistacchi. Arrotolate ora l’impasto per il lato lungo a formare una sorta di salame da cui ricaverete 11 “girelle” di egual misura;
  • adagiate le 11 girelle sulla leccarda da forno a formare l’albero di Natale come nella foto, dopodiché lasciate lievitare per 40 minuti. Preriscaldate il forno a 180°. Trascorsi 40 minuti, infornate per 22 minuti dopodiché sfornate e cospargete la superficie del vostro albero con la marmellata leggermente riscaldata;
  • cospargete ora il dolce alberello con la granella residua, le ciliegie candite e la glassa ottenuta mescolando lo zucchero a velo con un cucchiaio d’acqua. Gustate con aria natalizia (NB Tenete conto che questo dolce é ottimo se gustato il giorno stesso in cui lo preparerete. Per i giorni successivi, consiglio di riscaldare i vostri panini dolci nel forno a microonde).

ok

Come dite? Non vedete l’ora che arrivi la mattina del 25 dicembre per fare colazione? Come vi capisco. Alla prossima e keep in touch.

ok

Prosecco cake a colazione

prosecco-cake

Il Prosecco italiano lo si trova in qualunque bistrò o locale chic londinese. Magari é così da sempre ma a me questa cosa ha stupito non poco. Ho pensato di preparare un dolce adatto sia come dessert sia per la colazione con il prosecco perchè in fondo quando l’alcol evapora rimane solo l’aroma fruttato che anche al mattino funziona. Non ci credete? Mettiamoci all’opera insieme.

ok

INGREDIENTI (per una tortiera da budino da 23 cm. di diametro)

250 gr. di burro a temperatura ambiente (oltre a un cucchiaio sciolto per ungere la teglia);

375 gr. di farina 00 (oltre a un cucchiaio per la teglia);

2 cucchiaini di lievito in polvere per dolci (10 gr.);

1 cucchiaino di bicarbonato di sodio (5 gr.)

250 gr. di zucchero semolato;

un cucchiaino di estratto naturale di vaniglia;

2 uova a temperatura ambiente;

scorza di mezzo limone;

150 gr. di yogurt magro;

60 ml. di prosecco.

Per la glassa

100 gr. di cioccolato bianco;

2 cucchiai di Prosecco.

ok

 

PREPARAZIONE

  • Preriscaldate il forno a 150°, ungete e infarinate la teglia che metterete da parte mentre preparerete il composto. Montate nel mixer burro e zucchero fino ad ottenere un composto gonfio e spumoso (4 minuti circa), dopodichè aggiungete un uovo per volta;
  • setacciate farina, bicarbonato, lievito e sale da una parte mentre in un’altra ciotola mescolate prosecco, yogurt, vaniglia e scorza di limone. Unite ora le farine e i liquidi alternandoli iniziando e finendo con le farine. Versate il composto nella teglia e infornate per 50-55 minuti controllando la cottura con lo stecchino, sfornate e lasciate la teglia a temperatura ambiente per una ventina di minuti prima di togliere la torta dalla teglia e farla freddare completamente
  • per la glassa, fate sciogliere il cioccolato a bagnomaria e unite il prosecco. Lasciate rapprendere la glassa a temperatura ambiente prima di versarla sul dolce che gusterete con aria brilla.

ok

A dirla tutta, quasi preferisco questa torta al mattino piuttosto che la sera: col Prosecco non si sbaglia mai. Alla prossima e keep in touch.

ok

Cioccolato a tinte rosa: chocolate and rose water tart

rose-and-chocolate

L’acqua di rose é una di quelle cose così delicate che basta un niente per rendere il dolce un disastro ma allo stesso tempo ne basta pochissimo per dare un tono esotico e profumato alla vostra preparazione. Sebbene con un po’ di timore, mi ci sono approcciato e il risultato é stato più che appagante. Non ci credete? Scopritelo con me.

ok

INGREDIENTI (tortiera rotonda di 23 cm. di diametro e profonda 3 cm)

Per la pasta

200 gr. di farina 00;

75 gr. di zucchero semolato;

un pizzico di sale;

100  gr. di burro morbido;

un cucchiaino di estratto naturale di vaniglia;

3 tuorli.

Per lo strato alla rosa

250 gr. di zucchero a velo;

3 cucchiai di panna;

3 cucchiai di crème de Cassis;

1/4 cucchiaino di acqua di rose;

una punta di colorante alimentare rosa.

ok

Per lo strato di cheesecake al cioccolato

100 gr. di cioccolato fondente;

100 gr. di cioccolato al latte;

75 ml. di panna;

150 gr. di formaggio spalmabile tipo Philadelphia

Per la ganache

100 gr. di cioccolato fondente;

50 ml. di panna;

25 gr. di burro;

scaglie di sale.

ok

PREPARAZIONE

  • Mettete nel mixer con le lame il burro insieme allo zucchero e amalgamate uniformemente. Unite ora i tuorli e mescolate ancora aggiungendo infine la vaniglia. Quando il composto sarà ben amalgamato unite la farina e azionate il mixer quel tanto che basta perchè il composto la incorpori del tutto (NB avrete una frolla molto morbida ma é del tutto normale).  Compattate il tutto sul piano di lavoro leggermente infarinato, avvolgetelo nella pellicola trasparente e mettete in frigo per almeno due ore o addirittura la notte intera;
  • Preriscaldate il forno a 180° stendete la pasta dello spessore di mezzo centimetro, foderate la teglia, copritela con carta alluminio su cui appoggerete dei pesi (ad esempio dei ceci secchi o delle sfere di ceramica alimentari). Cuocete per 15 minuti dopodichè togliete il foglio di carta alluminio con i pesi e cuocete per altri 10-15 minuti fino a che non inizierete a vedere che la pasta raggiunge un bel coloro dorato;

ok

  • sfornate, spegnete il forno e lasciate che la base raffreddi completamente. Nel frattempo preparate lo strato all’acqua di rose mettendo tutti gli ingredienti in una ciotola così da versare il tutto nella torta ormai fredda che metterete in frigo per 30 minuti;
  • trascorsa mezz’ora, preparate lo strato di cheesecake al cioccolato mettendo in una ciotola il cioccolato a pezzetti mentre in un pentolino scalderete la panna e il formaggio che, non appena inizierà a sobbollire, toglierete dal fuoco e verserete sul cioccolato. Mescolate con una spatola fino ad ottenere un composto omogeneo che verserete sullo strato all’acqua di rose. Rimettete in frigo per 20 minuti e nel frattempo preparate la ganache;
  • scaldate la panna insieme al burro e non appena sobbollirà versatelo sul cioccolato a pezzetti che avrete messo precedentemente in una ciotola. Mescolate con una spatola finchè amalgama per bene, dopodichè versatelo sullo strato di cheesecake e livellate la superficie con una spatola. Lasciate cadere qualche scaglia di sale sulla torta: servite con aria rosea.

ok

ok

Il nome é tutto un programma: Kouign amann

kouign-amann

Ebbene si, uno degli aspetti più complicati di questo dolce é il nome quasi impronunciabile di questo dolce bretone. Lo conoscevo da tempo ma l’ho assaggiato per la prima volta l’estate scorsa in Costa Azzurra: una delizia ma una delizia che non potete non provare a fare da voi. Si tratta in realtà di una pasta sfoglia con del lievito di birra disidratato che renderete gustosa con la sola aggiunta di zucchero, che diventerà caramello in un batti baleno. Mettiamoci all’opera in nome dei Kouign amann.

ok

INGREDIENTI (teglia da 12 muffin)

300 gr. di farina manitoba;

200 ml. di acqua tiepida;

25 ml. di burro sciolto;

250 gr. di burro freddo in unico blocco;

150 gr. di zucchero.

ok

ok

PREPARAZIONE

  • Mettete la farina nell’impastatrice con il lievito e l’acqua, iniziate ad impastare e dopodichè aggiungete il burro sciolto a filo continuando ad impastare per 5 minuti. Impastate poi, ancora a mano per un paio di minuti, infine mettete il tutto a lievitare in una ciotola coperta per un paio d’ore;
  • nel frattempo rendete il burro in un unico blocco quadrato di 14 cm per lato (NB potete stenderlo tra due fogli di carta forno con l’aiuto di un matterello).
  • Trascorse le due ore, sgonfiate l’impasto “a suon di pugni”, stendetelo con il matterello su un ripiano infarinato ottenendo un quadrato di 22 cm. di lato. Mettete ora il burro al centro dell’impasto e impacchetatelo per bene saldando tutti i lati;
  • stendete ora velocemente, e senza che il burro si sciolga, il composto in modo da ottenere un rettangolo cm. 45 X 15, dividete idealmente il rettangolo in tre parti e ripiegate il terzo inferiore al centro e il terzo superiore sopra, ruotate l’impasto di 90° avvolgetelo nella pellicola trasparente e mettetelo in frigo per 30 minuti.
  • Ripetete altre due volte il procedimento stendendo, ripiegando e ruotando il composto sempre alternando 30 minuti di raffreddamento in frigo;

ok

  • foderate ogni spazio della teglia con un quadrato di carta forno, stendete l’impasto  in un rettangolo di cm. 45 X 15 e cospargetelo con 100 gr. di zucchero, ripiegate come prima e stendete ora il tutto delle dimensioni di 40 X 30 cm. Tagliate ora 12 quadrati di circa 9-10 cm per lato e cospargete grossolanamente con altri 25 gr. di zucchero;
  • ripiegate i bordi di ciascun quadrato verso il centro ed adagiatelo nella teglia come se fosse un cappello bretone. Lasciate lievitare a temperatura ambiente la teglia coperta con pellicola per 30 minuti e nel frattempo preriscaldate il forno a 220°, spolverate la superficie dei Kouign amann con i restanti 25 gr. di zucchero. Infornate per 25-30 o fino a doratura, sfornate e attendete un paio di minuti prima di togliere i dolci dalla teglia per gustarli con aria bretone.

ok

Il procedimento é semplice negli ingredienti ma un tantinello lungo, lo ammetto. Credetemi però quando vi dico che lo sforzo sarà ampiamente ripagato. A presto e keep in touch.

ok

Brownie “alticcio” con fichi e whisky

whiskyfigsbrownie

A me i dolci con un profumo alcolico piacciono fin da bambino. Non fraintendetemi, i miei genitori non mi facevano neanche lontanamente assaggiare dolci che contenessero alcol ma io avevo un fiuto infallibile e ne ero più che attratto. Questo desiderio infantile mi ha accompagnato per anni al punto da mettete qua e là dei super alcolici in alcune ricette, così: per tornare bambino dal gusto trasgressivo. Il brownie poi è perfatto per una spruzzata di whisky, credetemi. Mettiamoci all’opera senza indugio.

ok

INGREDIENTI (teglia da 21 X 21 cm)

175 gr. di farina 00;

un pizzico di sale;

3 uova;

275 gr. di zucchero semolato;

175 gr. di burro;

200 gr. di cioccolato fondente (non meno del 68% di cacao);

1 cucchiaino di estratto naturale di vaniglia;

150 gr. di fichi secchi;

75 gr. di cioccolato al latte diviso a pezzetti;

50 ml di whisky;

1 cucchiaio di cacao amaro in polvere;

ok

PREPARAZIONE

  • La sera prima di preparare il brownie, mettete a macerare i fichi divisi in 4 parti parti con il wisky. Il giorno dopo cominciate preriscaldando il forno a 180° dopo aver foderato la tortiera con carta forno. Sciogliete quindi a fuoco basso in un pentolino il cioccolato fondente con il burro avendo cura di non portarlo a ebollizione, dopodichè mettete da parte;
  • montate ora con le fruste elettriche per 4-5 minuti le uova con lo zucchero e la vaniglia fino ad ottenere un composto spumoso. Unite ora la farina setacciata insieme al cacao e al sale ma mescolate il mimino indispensabile perchè il tutto amalgami in maniera uniforme, aggiungete infine il composto con il cioccolato fondente a filo sempre mescolando con le fruste elettriche;

ok

  • unite infine i fichi con l’eventuale wisky residuo insieme al cioccolato bianco mescolando il tutto con una spatola. Versate il composto nella teglia e infornate per 25-28 minuti, avendo cura di controllare che lo stecchino inserito nel centro del brownie esca fuori con un po’ di impasto attaccato (solo un po’, non dovrete cioè avere il composto liquido grondante dallo stecchino che significherebbe che il vostro brownie é crudo invece che umido);
  • sfornate e lasciate il dolce a temperatura ambiente fino a che non sarà completamente freddo: non toglietelo rigorosamente dalla teglia per circa 2 o 3 ore ma vi garantisco che la pazienza vi ripagherà. Quando sarà completamente fredda, mettete la teglia in frigo per un’ora così da tagliarlo in quadrotti più agevolmente. Gustate con aria alticcia.

ok

Del whisky in questo dolce sentirete solo un profumo aromatico poichè l’alcol evaporerà quasi tutto in cottura ma credetemi farà la differenza. Alla prossima e keep in touch.

ok