Mince pies viennesi

Mince Pies

Natale è tradizione, è più forte di me. Il punto è quale tradizione. Italiana? Inglese? Tedesca? Di tutto un po’? Senza fare caotici “mischioni”, ho messo insieme un dolce tipico della tradizione inglese rivisto in chiave austriaca: mi spiego meglio.  Il dolce in questione sono le mince pies, delle tortine ripiene di frutta candita, secca e fresca profumata agli agrumi e spezie. Generalmente queste delizie hanno una stella di biscotto in cima ma io ho voluto aggiungere un tocco goloso. Si tratta di un biscotto di frolla montata che gli inglesi chiamano Viennese Whirls. Esiste anche da noi in Italia tra la pasticceria secca ed è un tipico biscotto gustato mentre si sorseggia il tè. Io qui l’ho messo come tocco finale delle già perfette mince pies. Come? Scopritelo con me.

ok

INGREDIENTI (16 mince pies del diametro di 7-8 cm.)

Per la pasta

125 gr. di burro freddissimo ridotto a dadini;

1 tuorlo;

200 gr. di farina 00;

un pizzico di sale;

20 gr. di farina di mandorle;

40 gr. di zucchero a velo.

un cucchiaio di latte freddo.

ok

Per il ripieno

30 gr. di burro;

100 ml. di succo di mela non zuccherato;

1 mela (tipo Granny Smith) pelata e tagliata a dadini;

90 gr. di uva passa;

70 gr. di mirtilli rossi disidratati;

50 gr. di prugne secche (vanno bene anche i fichi o i datteri);

70 gr. di zucchero di canna;

80 ml. di Brandy o rum;

scorza e succo di un limone o arancia;

1/4 cucchiaini di chiodi di garofano in polvere;

1/2 cucchiaino di zenzero;

1/2 cucchiaino di cannella;

Per il biscotto viennese

150 gr. di burro morbido;

150 gr. di farina 00;

30 gr. di amido di mais o maizena che dir si voglia;

30 gr. di zucchero a velo più un altro cucchiaio per decorare.

ok

PREPARAZIONE

  • Iniziate preparando il ripieno almeno due giorni prima di cuocere le mince pies. Mettete tutti gli ingredienti in una pentola e fate cuocere sobbollendo per mezz’ora. Fate freddare e mettete il tutto in un recipiente coperto con pellicola trasparente che terrete in frigo per un minimo di due giorni ma anche fino a due settimane;
  • Preparate ora la pasta, mettendo tutti gli ingredienti tranne il tuorlo e il latte nel mixer con le lame. Azionate il mixer così da ottenere un composto sabbioso a cui unirete tuorlo e latte. Amalgamate il tutto sempre con l’elettrodomestico senza aggiungere altri liquidi e non appena il composto inizierà a compattarsi, impastate leggermente (5 o 6 secondi al massimo) così da ottenere una palla che avvolgerete nella pellicola e metterete in frigo per almeno 45 minuti;
  • Stendete la pasta del diametro di 4 mm e ricavate dei dischi di 10 cm di diametro ciascuno che adagerete in una teglia da muffin (NB potete inserire in ciascun incavo una striscia di carta forno che spunterà dai lati così che sarà più agevole togliere le mince pies quando saranno fredde). Ricavate con un apposito cookie cutter dei biscotti a forma di stella ampi quanto il diametro delle mince pies;
  • Mettete la teglia con i dischi di pasta in frigo insieme alle stelle  mentre preparate il topping viennese. Montate quindi il burro con lo zucchero nel mixer così da ottenere un composto gonfio e spumoso (2-3 minuti circa). Unite ora il resto degli ingredienti e amalgamate a bassa velocità quel tanto che basta per ottenere un impasto omogeneo;
  • inserite il composto appena montato in una sac à poche con bocchetta a stella piuttosto grande (NB se il composto non uscisse agevolmente dalla sac à poche, lasciatelo qualche minuti a temperatura ambiente così che si ammorbidisca);
  • togliete le mince pies dal frigo e decoratene alcune con la stella di biscotto e altri con un riccio di biscotto viennese in cima: forza con quella sac à poche!

ok

  • mettete ora la teglia in frigo per mezz’ora e nel frattempo preriscaldate il forno a 200°. Trascorsi trenta minuti, mettete le teglie nel ripiano più basso del forno e cuocete per 20 minuti. Sfornate e fate freddare queste delizie completamente nella teglia prima di adagiarle su un piatto da portata. Cospargete con zucchero a velo.
  • Gustate con aria natalizia come solo in Austria sanno fare.

Credetemi farete un figurone con queste mince pies perchè sono natalizie, gustose ed eleganti: insomma sono il Natale di mycakeisluka. Alla prossima e keep in touch.

Il biscotto ingioiellato: cookie cioccolato e zenzero.

Chocolate GINGER COOKIES

“L’estate sta finendo” cantavano i Righeira e io un po’ lo spero. Come dite? Non capite? Siete sorprese/i? L’estate, il caldo e l’afa non sono proprio le cose che più preferisco. Io sono più un tipo da inverno, freddo, copertina e forno che lavora come se non ci fosse un domani. Capite quindi che queste sono le ultime ricette che prevedono l’uso del forno fino a settembre mentre mi concentrerò di più sui dolci da frigo. Io sono però un ragazzo da forno, sappiatelo. Tra le delizie che ho preparato recentemente ci sono questi cookies con cioccolato e zenzero sciroppato. Lo zenzero sciroppato non é facilissimo da trovare ed eventualmente potete sostituirlo con quello candito, di più facile reperimento. Ai vostri posti, pronte/i via.

INGREDIENTI (per 20 biscotti)

350 gr. di farina 00;

un pizzico di sale;

100 gr. di burro morbido;

175 gr. di zucchero di canna;

1 uovo a temperatura ambiente;

4 cucchiai di miele chiaro;

8 pezzi di zenzero sciroppato (uno dei quali da tenere da parte per la decorazione);

200 gr. di cioccolato fondente.

INSIEME 1

PREPARAZIONE

– Mescolate in una ciotola la farina, il sale, il bicarbonato e il burro fino a realizzare un composto sabbioso. Unite a questo punto l’uovo, il miele e lo zenzero sciroppato ridotto a dadini grossolani;

– amalgamate tutto senza impastarlo eccessivamente, avvolgete quindi il composto nella pellicola trasparente che farete riposare in frigo per 40 minuti. Preriscaldate il forno a 180° e foderate due teglie con carta forno;

PRIMO PIANO

– trascorsi 40 minuti, togliete l’impasto dal frigo e fate 20 palline delle dimensioni di una pallina da golf che schiaccerete leggermente prima di adagiare sulle teglie. Infornate immediatamente per 12 minuti, sfornate e lasciate i biscotti nella teglia per 5 o 6 minuti prima di farli freddare completamente su una gratella da forno;

PIATTO

– nel frattempo sciogliete il cioccolato a bagno maria e immergetevi ogni biscotto fino a metà e adagiatevi un disco sottile ottenuto dallo zenzero sciroppato tenuto da parte. Fate freddare queste delizie fino a completo rassodamento del cioccolato e gustate con classe.

TORRE

Non sembra anche a voi che questi cookies abbiano un gioiello al collo? Non fatevi intimidire e sbranateli senza senso di colpa alcuno. Alla prossima e keep in touch.

I cookies dell’abbondanza con anacardi e cioccolato

IMG_7364

I cookies mi fregano sempre. Voglio dire che con la scusa che sono veloci da fare ed altrettanto da mangiare, sono sempre tentato da metterci dentro di tutto. Questa versione l’ho chiamata dell’abbondanza perchè ce n’è per tutti i gusti: dolce, salato, cioccolatoso. Troppo? Mai, mai troppo e quindi allacciate il grembiule che si parte.

INGREDIENTI PER 30 cookies

100 gr. di anacardi;

140 gr. di burro freddo;

250 gr. di farina 00;

1/2 cucchiaino di cannella in polvere (3 gr.);

un pizzico di sale;

200 gr. di zucchero semolato;

1/2 cucchiaino di lievito in polvere per dolci (3 gr.)

100 gr. di burro d’arachidi;

2 cucchiai di miele;

1 uovo;

200 gr. di cioccolato fondente tritato a quadrettini.

IMG_7351

PREPARAZIONE

– Preriscaldate il forno a 180° e appena sarà arrivato in temperatura, mettete gli anacardi in una teglia così da tostarli per 5-6 minuti. Togliete la teglia dal forno senza spegnerlo;

– foderate due teglie con carta forno e a parte setacciate in una ciotola la farina, il lievito e il sale. Dividete a quadratini il burro, versatelo nella ciotola e con i polpastrelli create delle briciole piuttosto piccole di impasto;

IMG_7360

– nel centro della ciotola versate l’uovo precedentemente sbattuto, il miele, il burro d’arachidi, il cioccolato, lo zucchero e gli anacardi tritati e compattate il composto lavorandolo il meno possibile. Dividete l’impasto in 30 sfere delle dimensioni di una pallina da golf che appiattirete leggermente con la mano prima di adagiarle nelle teglie;

– cuocete 12 minuti o finchè i bordi saranno leggermente scuri, dopodichè sfornate e lasciate i biscotti sulle teglie per 5 minuti prima di adagiarli su una gratella da forno perchè freddino completamente. Gustate in abbondanza.

IMG_7365

Abbondanza secondo me in questo caso é sinonimo di baldanza: certe/i che sono buonissimi e irresistibili. Alla prossima e keep in touch.

Say Cheese…cake al frutto della passione

IMG_7213I frutti esotici mi fanno disperare. Trovarli é piuttosto complicato e rinunciarci ancor di più, per quanto mi riguarda.  Uno dei frutti esotici più stuzzicanti a mio avviso é il passion fruit: dolce e pungente allo stesso tempo e con quei semini croccanti. Bilanciare i sapori però é un’imprescindibile regola gastronomica e pertanto se da un lato il frutto della passione ha un sapore aspro, dall’altro l’aggiunta del cioccolato bianco darà una sferzata zuccherina alla vostra cheesecake. Ultimo ma non meno importante, questo dolce risulta bellissimo come quelli a cui non puoi non fare una foto quando li vedi. Basta solo chiedere di dire “cheese”. Non ci credete? Scopriamolo insieme.

INGREDIENTI PER UNA TORTIERA APRIBILE DA 25 CM

PER LA BASE

100 gr. di burro sciolto;

250 gr. di biscotti (tipo Digestive® )

PER IL RIPIENO

380 gr. di formaggio tipo Philadelphia® a temperatura ambiente;

75 gr. di zucchero semolato;

3 uova a temperatura ambiente;

15 gr. di maizena o farina 00;

200 ml. di yogurt magro;

175 gr. cioccolato bianco (oltre a 15 gr. circa da ridurre in scaglie);

IMG_7225

PER IL CURD DI FRUTTO DELLA PASSIONE

La polpa di 10 passion fruit;

4 tuorli;

150 gr. di zucchero semolato;

100 gr. di burro;

– Per il curd di frutto della passione, frullate la polpa in un mixer e filtratela in un colino avendo cura di tenere da parte un cucchiaio di semi mentre il resto non servirà. Mettete sul fuoco la frutta mentre in una ciotola mescolate zucchero e tuorli. Non appena sobbollirà, versate il passion fruit nella ciotola e mescolate per bene così da riportare immediatamente sul fuoco a fiamma bassissima. Mescolate continuamente fino a che la crema inizierà ad addensare velando il cucchiaio (per essere precisi, il curd dovrà raggiungere la temperatura di 76° C) N.B. Non fate bollire la crema per nessuna ragione poichè rischierete di “stracciare” la crema;

– appena la crema avrà raggiunto la giusta temperatura, togliete dal fuoco il pentolino e versate il contenuto nella ciotola precedentemete utilizzata dentro cui verserete immediatamente il burro a dadini. Fate sciogliere per bene il burro, coprite la crema con una pellicola alimentare direttamente a contatto con il curd. Fate freddare a temperatura ambiete e riponete in frigo per almeno tre ore. Nel frattempo preparate la cheesecake.

IMG_7220

– Preparate la base sbriciolando i biscotti e amalgamandoli con il burro sciolto. Utilizzate il composto per foderare la tortiera (il fondo e i lati) che metterete in freezer ad addensare per 20 minuti mentre preparerete il ripieno. Preriscaldate il forno a 160° C mentre in un una ciotola, posta su una pentola con acqua bollente, scioglierete il cioccolato bianco e dopodichè metterete a temperatura ambiente a freddare;

– mescolate in una ciotola con un cucchiaio di legno (N.B. in nessun caso utilizzate mixer elettrici!) mescolate il formaggio, lo zucchero e la maizena finché sarà ben amalgamato. Unite un uovo per volta al composto e dopodichè lo yogurt, amalgamate ancora e terminate con il cioccolato ormai a temperatura ambiente;

– togliete la tortiera dal freezer e foderatela con carta alluminio, adagiatela in una tortiera più grande in cui verserete 4 bicchieri circa di acqua calda. Infornate per un’ora e dododichè sfornate la teglia lasciandola a temperatura ambiente un paio d’oro. Trascorse due ore, riponete la teglia in frigo per almeno 4 ore (se volete, tutta la notte);

IMG_7217

– sformate la cheesecake sul piatto da portata e coprite il top con il curd di frutto della passione a cui avrete aggiunto i semi tenuti da parte. Decorate con scaglie di cioccolato bianco e servite allegramente. Conservate in frigo per 4-5 giorni circa.

IMG_7224

Avevo ragione? E’ irresistibilmente bella e buona? Mettiamoci in posa allora e sbraniamola, ohps fotografiamola tutti insieme. Alla prossima e keep in touch.

 

 

Biscotto per gli Amish si dice snickerdoodles

Snickerdoodles

Snickerdoodles

La cultura Amish ci ha fatto molti regali dal punto di vista gastronomico: le whoopie pie, il prosciutto affumicato, il chow chow e gli snickerdoodles. Questi ultimi  sono cookies leggeri e dal profumo di cannella. Quello che li rende speciali é la consistenza a metà tra quella dei biscotti e le meringhe. Non ci credete? Prepariamoli insieme e lo scopriremo.

INGREDIENTI PER 12 BISCOTTI

175 gr. di farina 00 (mai la manitoba in questo caso!);

1 cucchiaino di lievito in polvere (5 gr.);

155 gr. di zucchero semolato;

112 gr. di burro morbido;

un pizzico di sale;

1/2 cucchiaino di estratto naturale di vaniglia;

INGREDIENTI PER LA RIVESTITURA

1 cucchiaio di cannella in polvere;

100 gr. di zucchero semolato.

Snickerdoodles

Snickerdoodles

PREPARAZIONE

– Montate con il mixer a velocità media il burro e lo zucchero, finché non avrete ottenuto un composto gonfio e spumoso. Unite l’uovo e la vaniglia e proseguite a montare per circa un paio di minuti;

– setacciate la farina con il lievito e il sale, dopodiché unite questo composto in due volte nell’impasto del mixer amalgamando con una spatola. Quando avrete ottenuto un impasto omogeneo, ricoprite la ciotola con pellicola trasparente e lasciate in frigo per 20 minuti;

– nel frattempo, preriscaldate il forno a 170° e foderate una leccarda con carta forno. In una ciotola mescolate lo zucchero per la copertura insieme alla cannella. Trascorsi i 20 minuti, prendete l’impasto e create delle palline della dimensione di quelle per il golf. Schiacciatele leggermente e rotolatele nella ciotola con zucchero e cannella ricoprendole generosamente;

Snickerdoodles

Snickerdoodles

– adagiate le palline schiacciate nella leccarda ad almeno 5 cm le une dalle altre e infornate per 15-16 minuti fino a che i bordi dei biscotti inizieranno a dorare (ricordate che dovrete sfornarli piuttosto morbidi al centro). Fate freddare i biscotti prima di divorarli.

Gli Amish mi sa che zitti zitti ci hanno visto lungo in fatto di dolci, che dite? Alla prossima e keep in touch.

Snickerdoodles

Snickerdoodles

Dolcino da paura in inglese si dice pumpkin Cookie

Cookies alla zucca con glassa allo sciroppo d'acero

Cookies alla zucca con glassa allo sciroppo d’acero

Halloween é appena finito. Com’è andata? A me benissimo. Ho tirato fuori le zucche, i gatti di ceramica e le ragnatele usa e getta oltre e tutto il resto. Mi é rimasta peò la voglia di un dolcino “a tema” sebbene la festa sia ufficialmente passata. Ho ripensato al mio ultimo viaggio negli Stati Unti, durante il quale ho fatto un vero e proprio cookies tour:  sono andato, cioè,  alla ricerca dei più buoni tra questi dolcetti. Ne ho trovati di diversi tipi, consistenze e contesti: uno infatti me l’hanno servito  addirittura come dessert in Arizona. In alcune bakery erano già esposti cookies per Thanksgiving e Natale (era giugno!). Li ho snobbati e me ne sono pentito; ora rimedio con questi cookies alla zucca che in realtà sono a metà tra un biscotto e una torta: morbidi dentro e leggermente croccanti fuori. Li ho arricchiti con una parte di farina di mais e una glassa allo sciroppo d’acero che rende il tutto un’esplosione di sapore in pieno america style.

Pronte/i? Partiamo con ingredienti e procedimento.

INGREDIENTI  PER 10 BISCOTTI

100 gr. di zucchero semolato

30 gr. di zucchero di canna

60 ml. di olio di semi (MAI DI OLIVA)

1 uovo a temperatura ambiente

1 cucchiaino (5 ml) di vaniglia

100 gr. farina 00

60 gr. di farina fioretto (quella di mais macinata fine)

1 cucchiaino di bicarbonato di soda

1 cucchiaino di lievito in polvere

1/4 di cucchiaino di zenzero

1/4 di cucchiaino di chiodi di garofano in polvere

1/4 di cucchiaino di cannella

un pizzico di sale

1/2 cucchiaino di bicarbonato di sodio

100 gr. di zucca ridotta in puré

INGREDIENTI  PERIL FROSTING

2- 3 cucchiai di sciroppo d’acero

60 gr. zucchero a velo setacciato

Cookies alla zucca con glassa allo sciroppo d'acero

Cookies alla zucca con glassa allo sciroppo d’acero

PREPARAZIONE DEI COOKIES

– preparate il puré di zucca come per il brownie alla zucca

– Accendete il forno a 180° e foderate una leccarda con carta forno. Setacciate in una ciotola le farine, il bicarbonato, il lievito, il sale e le spezie; dopodiché tenete il tutto da parte. Nel mixer elettrico, a velocità media, montate per circa 3 minuti i due tipi di zucchero e l’uovo. Il composto risulterà piuttosto gonfio;

– continuando a montare versate a filo l’olio e dopodiché unite la zucca ben asciutta. Mescolate ancora e unite il composto con le farine, in due tempi. Avrete ora un impasto piuttosto liquido? Perfetto;

– adagiate circa due cucchiai di impasto per ciascun cookie sulla carta forno  e distanziateli molto (si allargano e gonfiano in cottura) per cui mettete al massimo 5 cookies per ogni infornata. Infornate per 18-19 minuti e poi lasciateli a temperatura ambiente per 5 minuti prima di metterli su una gratella da forno a freddare completamente. Nel frattempo preparate il frosting allo sciroppo d’acero.

Cookies alla zucca con glassa allo sciroppo d'acero

Cookies alla zucca con glassa allo sciroppo d’acero

PREPARAZIONE DEL FROSTING

Mescolate con una forchetta lo zucchero e lo sciroppo d’acero fino a ottenere una glassa densa della consistenza simile al dentifricio. Mettetela dentro un sac à poche o potete usare un cucchiaio per fare dei ghirigori sui biscotti ormai freddi. Lasciate addensare la glassa a temperatura ambiente prima di addentarli senza indugio

Ora posso ricordare Halloween tranquillo; beh, almeno dal punto di vista dei dolcetti  perchè rispetto agli scherzetti mi aspetto ancora qualche strascico. Alla prossima e keep in touch.

Se hai un frigo e una banana, l’estate significa cheesecake alle banane

No bake banana cheesecake

Se sento qualcun altro che si lamenta per il gran caldo mi metto a gridare: giuro. No, dico va bene che la temperatura é decisamente salita ma cosa vogliamo fare? Saltare dentro al frigo? Non proprio, però possiamo preparare un dolce che ci dia una sensazione di freschezza e  golosità, da farci passare la spossatezza del troppo calore. Pronte/i? Partiamo.

INGREDIENTI PER UNA TORTIERA APRIBILE DA 20 CM

Per la base:

100 gr. di burro sciolto;

200 gr. di biscotti al cioccolato;

Per il ripieno:

300 gr. di formaggio tipo Philadelphia® a temperatura ambiente;

2 tuorli d’uova a temperatura ambiente;

125 gr. di zucchero;

200 ml di panna freddissima;

5 fogli di gelatina;

200 gr. di banane (più alcune rondelle a parte per la decorazione);

70 ml. di succo d’arancia;

riccioli di cioccolato (facoltativi).

No bake banana cheesecake

PROCEDIMENTO

– Per prima cosa guardate il forno con malinconia e il frigo con fiducia 🙂

– sciogliete a microonde il burro e amalgamatelo nel mixer dove avrete precedentemente sbriciolato i biscotti. A questo punto avrete ottenuto un composto piuttosto morbido con il quale ricoprirete la base della tortiera (non i lati). Riponete la tortiera in frigo per almeno mezz’ora o in freezer per quindici minuti;

– schiacciate le banane grossolanamente e mettetele in un pentolino insieme al succo d’arancia. Portate a bollore e spegnete. In una ciotola con acqua fredda mettete intanto in ammollo la gelatina (siate certe/i di ricoprire completamente i fogli);

– mettete nel mixer il formaggio, i tuorli e lo zucchero: mescolate a velocità bassa mescolando di tanto in tanto il fondo del cestello. Verificate che il composto di banane sia tiepido (se troppo caldo danneggereste la gelatina) e dopodiché strizzate i fogli di gelatina e scioglieteveli dentro, mescolando vigorosamente;

– montate la panna piuttosto ferma (ricordate di mettere la ciotola e la frusta del mixer per un quarto d’ora in frigo prima di fare questa operazione). Unitela al composto di Philadelphia e amalgamate con movimenti dal basso verso l’alto;

No bake banana cheesecake

– prendete un cucchiaio del composto di Philadelphia e mescolatelo dentro quello di banane: renderete via via la temperatura dei due composti simile. Ripetete l’operazione con un secondo cucchiaio di composto di Philadelphia. Ora potete unire i due compostie e mescolare in modo da non avere troppi grumi;

– versate il tutto nella teglia e riponete in frigo avendo cura di coprirla con un foglio di pellicola trasparente per almeno 4 ore. Trascorso questo tempo, togliete la torta dalla teglia e cospargetene i bordi con scaglie di cioccolato e banane a rondelle. Si conserva in frigo per 4 giorni.

Le no bake cheesecake rispetto a quelle da forno hanno diversi aspetti interessanti e… no, non ve li dico ma voglio vedere se anche voi ne trovate alcuni e se sono gli stessi. Ditemi, ditemi e alla prossima. Keep in touch

No bake banana cheesecake

Un pò bianchi, un pò neri, un pò cookie e un pò torta: black and white cookies

Black and white cookies

Ancora un pò confuso a causa del jet lag, non posso non accendere il forno e portarvi dritti negli States. Parto in realtà dalla mia ultima tappa ma anche da quella che ha offerto più golosità. Vi ho preparato i black and white cookies che hanno due particolarità. La prima é quella che sono reperibili solo e soltanto a New York City sebbene famosi e arcinoti in tutti gli Stati Uniti. La seconda é che sono dei cookies a metà tra un biscotto e una torta. Nascono infatti dagli avanzi di impasto per una torta a cui sono stati aggiunti un paio di cucchiai di farina. La glassatura é, come potete vedere, metà bianca e metà nera. Insomma in un solo dolce tanti sapori insieme: mica male, che dite? Pronte/i con tutti gli ingredienti e il procedimento? Partiamo.

INGREDIENTI PER 9-10 COOKIES

250 gr. di farina 00

100 gr. di zucchero semolato

2 uova medie a temperatura ambiente

85 gr. di burro a temperatura ambiente

1 cucchiaino (5 gr.) di lievito in polvere

1 pizzico di sale

110 ml di latte intero

1/2 cucchiaino di estratto naturale di vaniglia

la scorza di 1/3 di limone

PER LA GLASSA BIANCA

170 gr. di zucchero a velo

3-4 cucchiai di acqua bollente

PER LA GLASSA NERA

65 gr. di cioccolato fondente tritato

50 gr. panna liquida

10 gr. di burro

50 gr. di zucchero a velo

1 cucchiaino (5 ml.) di acqua bollente

Black and white cookies

PREPARAZIONE DEI COOKIES

– Accendete il forno a 180° e foderate una leccarda o una teglia con carta forno. Sbattete nel mixer a velocità alta il burro e lo zucchero per circa 3 minuti fin tanto che non avrete un composto gonfio e spumoso;

– sbattete in una ciotola a parte le uova, la vaniglia, la scorza di limone e il latte. Con il mixer a velocità media, unite circa due cucchiai per volta del composto liquido a quello di burro e zucchero avendo cura di tanto in tanto di fermare il mixer e mescolare con una spatola il fondo del cestello. Nel caso in cui il burro dovesse iniziare a separarsi dal composto (vale a dire come se doveste vedere una sorta di “stracciatella”), unite un cucchiaio di farina e proseguite fino a quando avrete terminato di aggiungere tutto il composto liquido;

– in una ciotola a parte setacciate la farina, il lievito, il sale. Unite metà di questo composto all’impasto nel mixer e amalgamatelo a bassa velocità quel tanto che basta perché venga completamente assorbito. Fate lo stesso con l’altra metà;

– distribuite l’impasto in palline di circa tre cucchiai ciascuna molto distanziate le une dalle altre e infornate per 12-13 minuti fin tanto che i cookies saranno dorati ai bordi ma ancora morbidi. Sfornate e lasciate freddare. Preparate nel frattempo le glasse che andranno utilizzate sui cookies freddi.

IMG_8963

PREPARAZIONE DELLA GLASSA BIANCA (LA PRIMA DA UTILIZZARE SUI COOKIES)

– Versare l’acqua bollente sullo zucchero a velo fino a ottenere un composto liscio e spalamabile. Se fosse ancora troppo dura, non esitate ad aggiungere altra acqua (un cucchiaio per volta). Tenete conto che anche durante la glassatura potrà indurire, per cui aggiungete via via eventualmente altra acqua bollente. Prendete un cookie e spalmate (con un pennello da cucina, con una spatola o con un cucchiaio) la glassa bianca su metà biscotto avendo cura di far colare l’eccesso. Adagiate su una gratella da forno fin tanto che non si sia rassodata;

PREPARAZIONE DELLA GLASSA SCURA

– portate ad ebollizione a fuoco medio la panna e il burro. Togliete dal fuoco e aggiungete il cioccolato a pezzi. Mescolate per circa un minuto fino a ottenere un composto liscio a cui aggiungerete lo zucchero a velo e l’acqua bollente. Stendete questa glassa sull’altra metà di cookies come avete fatto con quella bianca. Fate asciugare su una gratella. (Visto il gran caldo io li ho messi in frigo un’oretta).

TRUCCO: Se preferite dei cookies tondi e regolari, quando sono ancora tiepidi e prima di glassarli tagliateli con un coppapasta rotondo così da tagliare i bordi e avere dei biscottoni precisi.

E’ bastato un solo morso e  io mi sento già a New York e anche già newyorkese. Probabilmente io sono newyorkese dentro ma questi cookies aiutano di certo a sentirsi cittadino della Grande Mela. Se ne mangio un altro mi danno la cittadinanza onoraria, che dite? Alla prossima e keep in touch.

IMG_8967

I biscotti di Agatha Christie sono i chocolate crinkle cookies

Crinkle Cookies 1

Era da un pò che volevo provarli ma non capivo come fare a personalizzarli. Questi cookies hanno un non so che di elegante ma anche di sinistro: lo so non dovrei parlare male dei dolci, le mie bambine, ma é la sensazione che mi hanno suscitato fin ora. Quella deliziosa spolveratura biancastra li fa sembrare appena usciti da un film di  Agatha Christie. Sono di fatto dei cookies ma crinkle (spiegazzati) e truffle (tartufati, nel senso di morbidi al centro non perché li ha trovati un cane nel bosco). Io li ho aromatizzati con del Grand Marnier per dare un’aggiunta profumata ma potete tranquillamente eliminare il liquore se desiderate. Pronte/i? Partiamo.

INGREDIENTI

80 gr di  farina 00

90 gr. di zucchero semolato

25 gr. cacao amaro in polvere

1 uov0 a temperatura ambiente

25 gr. di burro freddo a cubetti

10 ml. di Grand Marnier

1/2 cucchiaino di lievito in polvere (3 gr.)

50 gr. di zucchero a velo

Crinlke Cookies 3Crinkle Cookies 2

PREPARAZIONE

– Mettete in una ciotola la farina e il cacao setacciati. Unite lo zucchero e il lievito: mescolate il tutto. Unite il burro a dadini e con l’aiuto di una forchetta rendete il composto sabbioso;

– mescolate a parte l’uovo e il liquore (potete cambiare liquore o sostituirlo con un cucchiaino di estratto naturale di vaniglia). Unite ora il composto liquido a quello solido e mescolate fino ad amalgamare il tutto (non impastate o montate). Mettete il composto ottenuto in frigo per 40 minuti a rassodare;

– accendete il forno a 180° e foderate la leccarda con carta forno. Trascorsi 40 minuti, prendete il composto dal frigo e formatene delle palline grosse come una noce che appiattirete del diametro di 3-4 cm. Versate ciascuna pallina nello zucchero a velo in modo che ne sia perfettamente ricoperta;

– infornate per 12 minuti e ricordate che dovranno restare morbidi al centro. Sfornate e togliete delicatamente dalla leccarda per farli freddare su di una gratella da forno.

Crinkle Cookies 5

Sono decisamente dei biscottini stilosi e soprattutto gustosi. Cielo é andata via la luce, sono un po’ spaventato: mi stringo forte ai miei chocolate crinkle cookies. Alla prossima e keep in touch.

Crinkle Cookies 4

Quando un cookie trasgressivo disse due paroline alle mandorle e alle albicocche

L’idea di mettere della frutta nei cookie per me ha un non so che di trasgressivo.  Si, proprio l’idea di trasgredire all’idea tradizionale del cookies con cioccolato o avena. Ho quindi realizzato queste delizie con albicocche secche e mandorle ma li ho creati nella versione morbida come li ho assaggiati negli Stati Uniti. Per farlo ho però “osato” con un ingrediente speciale che voglio svelarvi. Il risultato é stato straordinario, per cui provateli e ditemi cosa ne pensate.

INGREDIENTI

135 gr. di burro a temperatura ambiente;

80 gr. di zucchero di canna;

80 gr. di zucchero bianco;

190 gr. di farina autolievitante;

1/2 cucchiaino di estratto di vaniglia;

1 uovo;

100 gr. di albicocche secche tagliate a pezzetti piccoli;

1 pizzico di sale;

60 gr. di farina di mandorle;

20 gr di mandorle a lamelle;

PROCEDIMENTO

– accendete il forno a 175° e foderate una leccarda con carta forno;

– montate con un mixer elettrico il burro e i due zuccheri fin tanto che non sono ben gonfi (orientativamente 3 minuti);

– aggiungete l’uovo e montate ancora per circa un minuto. Unite la vaniglia e mescolate;

– d’ora in avanti non usate più il mixer elettrico ma una spatola o una frusta a mano. Aggiungete la farina autolievitante (nella quale avrete messo il pizzico di sale) in due volte mescolando ognuna il tanto per amalgamarla. La farina autolievitante renderà i cookies belli morbidi (regola d’oro dei cookies “trasgressivi”: ecco il segreto!);

– aggiungete ora la farina di mandorle e le albicocche e amalgamate bene (aggiornamento: mi ero dimenticato questo passaggio e ringrazio  molto Camille per avermelo fatto notare);

– formate 12 palline, grosse più o meno come quelle per il golf (decisamente più buone però) e adagiatele sulla leccarda molto ben distanziate. Prendete una forchetta, passatela sotto l’acqua fredda, asciugatela e su ciascuna pallina fate pressione con i rebbi come a formare una griglia. Mettete su ogni pallina alcune lamelle di mandorle, facendo una leggera pressione. Probabilmente dovrete fare almeno 3 infornate, ma ne vale la pena;

– infornate per 15 minuti. Quando li togliete dalla teglia, i cookies dovranno essere ancora morbidi poiché raffreddandosi perderanno umidità e si induriranno, conservando però un’anima soffice all’interno. Cuocerli troppo significherebbe renderli di pietra;

Questi cookies hanno un profumo straordinario che ha invaso la casa… per fortuna. Provateli e ditemi che ne pensate dell’uso trasgressivo della farina autolievitante. Keep in touch e alla prossima.