La custard tart di mia nonna

ok tota1

Premessa: mia non nonna non aveva lontanamente idea di cosa fosse una custard tart a differenza di una qualunque nonna inglese. Il titolo nasce dal fatto che io assoccio, erroneamente, la torta della nonna alla custard tart. La prima é un dolce della tradizione ligure “degli avanzi” poiché nasce da avanzi di crema pasticcera, frolla e pinoli che rendono questa crostata rustica una delizia. La custard tart invece è fatta con la crema inglese e nasce come un dolce ad hoc e non come recupero degli avanzi. L’abbinamento che ho realizzato é un classico britannico, vale a dire con la marmellata di rabarbaro. Poiché é difficilissima da trovare, potete tranquillamente sostituirla con una qualsiasi altra marmellata, purché di colore rosso, per creare un bel contrasto.

PER UNA TORTIERA CON FONDO ESTRAIBILE DA 20 cm.

85 gr. di burro freddo;

150 gr. di farina 00;

35 gr. di zucchero a velo;

pizzico di sale;

1 tuorlo;

1/2 cucchiaio di acqua fredda

Ok fetta 1

Per la crema

300 ml. di panna;

50 ml. di latte intero;

4 tuorli;

50 gr. di zucchero semolato;

3 cucchiai di marmellata di rabarbaro  (oppure di lamponi o fragole)

1 cucchiaino di estratto naturale di vaniglia.

ok tot 2

PREPARAZIONE

– In un robot con le lame  mettete farina,  sale, zucchero e burro freddissimo diviso a tocchetti. Quando avrete ottenuto un composto sabbioso, unite il tuorlo e l’acqua e non appena addensa rovesciatelo su una spianatoia e compattatela in una palla che avvolgerete nella pellicola alimentare. Mettete immediatamente la pasta in frigo per 40 minuti;

– nel frattempo preparate la crema inglese mettendo la panna e il latte sul fuoco mentre mescolerete con una forchetta il resto degli ingredienti in una ciotola. Appena il latte e la panna sobbollono, versatela nella ciotola con le uova e mescolate velocemente. Lasciate riposare a temperatura ambiente per 20 minuti;

– preriscaldate il forno a 180°, stendete la pasta dello spessore di 5 mm. e foderate la teglia. Bucherellate la pasta con una forchetta, ricoprite ora la pasta con carta alluminio sulla quale verserete dei fagioli secchi o delle sfere di ceramica. Cuocete per 10 minuti, dopodichè togliete la carta allumio e i pesi, proseguite la cottura per altri 15.

Ok fetta 2

– versate la crema sulla frolla e infornate per 10 minuti, dopodiché abbassate la temperatura del forno a 120° C e proseguite la cottura per altri 20 minuti. Mettete nel frattempo la marmellata di una sac à poche con bocchetta tonda sottile (eventualmente anche semplicemente in un cucchiaio) e, trascorsi gli ultimi 20 minuti, togliete la teglia dal forno decoratela con la marmellata e reinfornate per un altro minuto;

– il composto dovrà essere ancora leggermente tremolante in centro, sfornate e fate freddare a temperatura ambiente e per mezz’ora in frigo prima di servire. Gustate gioiosamente;

Io amo questa torta che seppur semplice é sempre di sicuro effetto. Se volete potete anche prepararla monoporzione utilizzando una teglia da muffin e coppando la pasta con un cookie cutter rotondo del diametro di 12 cm.

ok mono 2 Ok mono 1

Che dire, W la nonna e W la custard tart. Alla prossima e keep in touch.

Lascia un commento

2 commenti

  1. Wow! Mi toccherà provarla!!! E non sarà un grosso sacrificio! Baci…Chiara

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: