A Pasqua il cupcake si é mangiato la cheesecake: Black bottom cupcake

Black Bottom Cupcake

Black Bottom Cupcake

Succede anche nelle migliori famiglie: a Pasqua la discussione si apre su “agnello si o no?” oppure ” capretto?” e “il coniglio?” Insomma il rispetto delle tradizioni gastronomiche incrocia la sensibilità verso animali come agnello o capretto, appunto. Non ho intenzione di avviare una discussione su questo tema e non vi posso dire se io e l’agnello saremo alla stessa tavola domenica come commensali o uno dei due come portata principale ma mi é successo un fatto curioso rispetto a “chi mangia chi”. Il mio cupcake ha infatti mangiato della cheesecake. Non ci credete? Provate a prendere un grembiule e una frusta elettrica e vi spiego come e perché.

INGREDIENTI PER 12 CUPCAKE 

Tutti gli ingredienti saranno a temperatura ambiente

190 gr. di farina 00

170 gr. di zucchero

240 ml. di acqua fredda

40 gr. di cacao amaro in polvere

50 ml. di olio di semi o di girasole (MAI di oliva in questo caso)

1 cucchiaino di bicarbonato di sodio (5 gr.)

1 cucchiaino di estratto naturale di vaniglia (5 ml.) MAI  l’essenza!

1 1/2 cucchiaino di aceto di mele

un pizzico di sale

Black Bottom Cupcake

Black Bottom Cupcake

INGREDIENTI PER IL RIPIENO

140 gr. di formaggio spalmabile tipo Philadelphia

60 gr. di zucchero semolato

100 gr. di cioccolato al latte a pezzetti

1 uovo

1/2 cucchiaino di estratto naturale di vaniglia (MAI  l’essenza!)

Black Bottom Cupcake

Black Bottom Cupcake

INGREDIENTI PER IL FROSTING E LA DECORAZIONE

80 gr. di burro a temperatura ambiente

170 gr. di formaggio spalmabile tipo Philadelphia

180 gr. di zuchero a velo setacciato

1 cucchiaino di estratto naturale di vaniglia (MAI  l’essenza!)

Black Bottom Cupcake

Black Bottom Cupcake

PREPARAZIONE

– Cominciamo con la preparazione del ripieno. Mettete in una ciotola tutti gli ingredienti tranne l’uovo e mescolate con il mixer a bassa velocità per un minuto circa (non di più altrimenti il composto diverrà troppo liquido).  Unite l’uovo e mescolate il minimo indispensabile a che si amalgami e dopodichè aggiungete il cicoocolato mescolando delicatamente con un cucchiaio. Mettete da parte mentre preparate le basi per i cupcake;

– preriscaldate il forno a 180°  e inserite i pirottini nell’apposita teglia. In una brocca mescolate l’acqua, la vaniglia, l’aceto e l’olio e mettete da parte mentre nel mixer metterete la farina, il cacao, il bicarbonato e il sale opportunamente setacciati.  Accendete il mixer a velocità media e versate a filo il composto liquido avendo cura di tanto in tanto di mescolare il fondo del cestello con una spatola;

– quando tutto il composto sarà amalgamato,  dividetelo nei pirottini non andando oltre la metà del loro volume. A questo punto, versate un cucchiaio circa di ripieno in ciascun pirottino e infornate per 25 minuti circa (vale la solita prova stecchino). Quando i cupcake saranno cotti, sfornate e lasciate a temperatura ambiente per 15 minuti circa prima di toglierli dalla teglia e farli freddare completamente;

Black Bottom Cupcake

Black Bottom Cupcake

– per il frosting, montate a velocità medio-alta il burro a temperatura ambiente con lo zucchero a velo setacciato (per evitare di ricoprirvi di zucchero, avvolgete il cestello con un panno pulito per i primi minuti) e montate per almeno 5 minuti. Otterrete un composto gonfio spumoso a cui aggiungerete ora la vaniglia e montate ancora. Unite ora il formaggio e mescolate per un minuto circa così da ottenere un composto omogeneo con il quale decorerete i vostri cupcake ormai freddi. Spolverate la cima del frosting con un pizzico di cacao amaro e adagiatevi sopra un ovetto di cioccolato;

Black Bottom Cupcake

Black Bottom Cupcake

Che vi avevo detto? Un cupcake goloso di cheesecake non é altro che il black bottom cupcake che io ho mangiato la prima volta a San Francisco l’anno scorso ma che morivo dalla voglia di rifare per Pasqua. Uh, devo scappare che mi aspettano a tavola. Alla prossima e keep in touch.

Lascia un commento

3 commenti

  1. Bel post, mi piace 🙂

    Rispondi
  2. Barbara

     /  19 novembre 2015

    Luca, mi hai fatto venire il coccolone!
    Ora non so se quello che uso a casa è estratto o essenza di vaniglia!
    Che differenza c’è????

    Rispondi
  3. lukacip

     /  19 novembre 2015

    Mmmmm la differenza é tanta. L’estratto è un derivato della vaniglia, della bacca insomma. L’ essenza è un prodotto di sintesi chimica che di vaniglia ha il solo aroma. La differenza sta anche nel prezzo, perchè l’essenza costa decisamente meno e la si trova al supermercato. Si all’estratto (ancor meglio direttamente i semi della bacca) e NO all’essenza 🙂

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: