Del donut al forno non si butta via niente

Baked donut

Baked donut

Quando sono negli Stati Uniti vado a caccia di dolci prelibatezze sia nelle bakery indipendenti sia nelle catene perché non sono snob e perchè non é detto che i prodotti delle multinazionali siano necessariamente scadenti. A mio parere infatti le migliori ciambelle le ho mangiate da Dunkin’ Donuts. Una volta entrai e, sicuro di me, chiesi se avessero dei baked donut, delle ciambelle al forno. La commessa mi guardò con aria sconsolata e mi disse un no che dietro nascondeva la parola “fritto”. I donut americani sono golosi e irresistibili perchè fritti ma anche per questo piuttosto pesanti. Io pertanto ne ho voluto provare una versione al forno, perchè voglio conciliare l’aspetto salutista con il diritto a mangiare decine di donut. Mi fate compagnia? Mettiamoci al lavoro.

INGREDIENTI

350 gr. di farina Manitoba;

200 gr. di latte tiepido;

1 uovo;

70 gr. di burro morbido (più due cucchiai a parte);

110 gr. di zucchero semolato (più due cucchiai a parte);

5 gr. di lievito di birra disidratato;

2 cucchiaini di estratto naturale di vaniglia;

100 gr. di cioccolato amaro ridotto in pezzetti;

100 ml. di panna;

1 cucchiaino di glucosio liquido (facoltativo);

granella di nocciole;

decorazioni in zucchero;

3 quadratini di cioccolato bianco

1/2 cucchiaino di cannella

Baked donut

Baked donut

PREPARAZIONE

– Setacciate la farina nella ciotola del mixer nel quale avrete montato il gancio per impastare. Unitevi il lievito e 110 gr. di  zucchero e iniziate a mescolare. Versate a filo il latte nel quale avrete precedentemente versato la vaniglia. Quando il latte sarà completamente incorporato, unite l’uovo e aumentate la velocità;

– impastate per circa 4 minuti, dopodichè unite 70 gr. di burro morbido e mescolate per altri sei minuti fino a che l’impasto non avrà assorbito tutti gli ingredienti ma risulti ancora un pò appiccicoso. Rovesciate il composto sul piano di lavoro leggermente infarinato e impastate con le mani per un minuto circa;

– mettete l’impasto ottenuto in una ciotola infarinata, copritela con della pellicola leggermente oleata e lasciate riposare per un paio d’ore fino al raddoppio del volume. Trascorso questo tempo, sgonfiate l’impasto assestandogli un paio di pugni. Rovesciatelo sul piano di lavoro e impastate per un paio di minuti così da ridargli elasticità;

Baked donut

Baked donut

– stendete l’impasto dello spessore di 1,5 cm e ricavate delle ciambelle del diametro di 8 cm a cui praticherete un foro centrale. Adagiate le ciambelle sulla leccarda  precedentemente foderata di carta forno e lasciate lievitare per 40 minuti. Preriscaldate a questo punto il forno a 180°;

– quando i donut saranno raddoppiati di volume potete infornarli per 7 minuti o in ogni caso fino alla leggera doratura. Sfornate e lasciate freddare su una gratella da forno. N.B. Non dimenticate di far lievitare e infornare per 3-4 minuti anche le palline di impasto che avete ottenuto ricavando il foro dei donut;

Donut's Holes

Donut’s Holes

– Mentre i donut freddano preparate la ganache mettendo in un pentolino a fuoco medio la panna e il glucosio (quest’ultimo é facoltativo ma se lo avete a disposizione usatelo, così da dare lucentezza alla glassa). Appena inizierà a bollire, togliete dal fuoco e versatevi dentro il cioccolato. Mescolate delicatamente ma fino ad ottenere un composto omogeneo;

– intingete nella ganache i donut ormai freddi e sbizzarritevi a decorarli con la granella di nocciole, il cioccolato bianco fuso e altre decorazioni in zucchero. Lasciate i donut a temperatura ambiente perchè la glassa si addensi (N.B. nel caso durante la decorazione la ganache si addensasse troppo, basterà rimetterla sul fuoco per pochi secondi);

Baked donut

Baked donut

– mettete in una ciotola i due cucchiai di zucchero semolato a cui aggiungerete la cannella. Sciogliete due cucchiai di burro e usatelo per spennellare ciascuna pallina e dopodiché rotolatele nello zucchero e cannella. Conservate a temperatura ambiente.

Non vi dirò che questi donut sono esattamente come quelli fritti ma vi garantisco che sono soffici, delicati e liberi dai sensi di colpa: basta per amarli, vero? Alla prossima e keep in touch.

Baked donut

Baked donut

Lascia un commento

4 commenti

  1. Ma certo che ti faccio compagnia!
    Devo ammettere che, pur amando i dolci fritti, a casa non friggo quasi mai (tranne per le chiacchiere che quest’anno ho già fatto), perché poi io so di frittella e la casa ancora di più per qualche giorno.
    Se la conosci, mi consigli qualche bakery a Miami? ci andrò tra una decina di giorni, e perché non approfittarne?
    Ciao Leo

    Rispondi
    • lukacip

       /  26 gennaio 2014

      Ciao Leo,
      mi sa che sono io in questo caso a chiedere un favore a te: recensisci per me qualche bakery a Miami poiché a me ancora manca 🙂
      Ci conto

      Rispondi
  2. valeria

     /  10 febbraio 2014

    Ciao sono Valeria volevo chiederti ma posso farli e dopo passarli direttamente nello zucchero senza fare la ganache ,vengono buoni ugualmente fatti cosi?

    Rispondi
    • lukacip

       /  10 febbraio 2014

      Eccome ma in quel caso ti suggerirei di spennellarli con un velo di burro sciolto e poi cospargerli di zucchero. Puoi dargli un tocco ancora più americano se allo zucchero aggiungi un cucchiaino di cannella in polvere. Fammi sapere.

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: