Cookie and the city alle arance e mandorle

Orange cookies 1 Esistono diversi tipi di cookies: sottili, croccanti, gonfi o morbidi. Io li adoro tutti, sempre e comunque specialmente quelli della Levain Bakery di New York (upper west side…). Se vi capita, fateci un salto e  troverete cookies appena cotti e belli e gonfi. Ho perciò deciso di raccontarvi una delle delizie di questa prestigiosa bakery dove anche Samantha e Carrie (sapete di chi sto parlando, vero?) hanno fatto un salto e pertanto ci faremo un salto anche noi di mycakeisluka.com, vero? Dai, mettiamoci al lavoro.

INGREDIENTI PER I COOKIES

120 gr. di burro a temperatura ambiente;

120 gr. di zucchero;

90 gr. di miele (va bene qualunque tranne quello di castagno);

1 uovo a temperatura ambiente;

220 gr di farina 00 setacciata;

un pizzico di sale

2 cucchiai di succo d’arancia filtrato;

40 gr. di farina di mandorle;

la scorza di un’arancia;

3 gr. di lievito chimico

INGREDIENTI PER LA GLASSA

100 gr. di zucchero a velo setacciato

2 cucchiai circa di succo d’arancia filtrato.

Una cup di cookies

PROCEDIMENTO 

– accendete il forno a 160° e foderate la leccarda con carta forno.  Mescolate in una ciotola le farine, il lievito, il sale e intanto montate con un mixer a velocità alta il burro, il miele e il succo d’arancia. Ricordate di fermare il mixer per almeno tre volte e mescolare il fondo del cestello con una spatola. Montate per 3 o 4 minuti finché il composto diventa chiaro, gonfio e spumoso;

– unite al composto nel mixer l’uovo e montate ancora per un paio di minuti. Unite ora il mix di farina in due volte mescolando quel tanto che basta per amalgamare il tutto. Unite la scorza d’arancia (ricordate di grattugiare solo la parte esterna dell’arancio senza mai grattare anche quella bianca amarissima e perciò da tenere ben lontana dal composto). Mettete il composto in frigo per 15 minuti;

– formate ore delle palline di circa 30 gr. (occhio e croce) e adagiatele sulla leccarda distanziandole molto le une dalle altre. Schiacciate ora ciascuna pallina con i rebbi di una forchetta inumidendola in acqua fredda. Infornate per 16-18 minuti (i cookies saranno pronti quando diventeranno scuri ai bordi ma leggermente morbidi nel centro). Sfornate i cookies e fateli freddare adagiandoli su una gratella da forno mentre preparate la glassa;

– versate nello zucchero a velo il succo d’arancia scaldato (iniziate con il primo cucchiaio e  proseguite con il secondo poco per volta) e mescolate energicamente. Se dovesse risultare troppo liquida unite dello zucchero a velo mentre se fosse troppo dura unite qualche goccia di arancia. Con l’aiuto del cucchiaio, versate la glassa sui biscotti ormai freddi creando dei motivi a zig zag o più regolari se preferite. Lasciate asciugare la glassa sui biscotti e divorate senza pietà.

Questi cookies profumano in maniera incredibile e non smetteresti mai di mangiarli. Se poi chiudete gli occhi vi troverete immediatamente a New York: magari subito no, ma abbastanza in fretta insomma. Alla prossima e keep in touch.

Cookies all'arancio

Articolo successivo
Lascia un commento

3 commenti

  1. simona da Palermo

     /  10 gennaio 2013

    ciao ho seguito scrupolosamente le indicazioni della ricetta ma si sono gonfiati troppo (colpa del lievito?) e attaccati tra di loro sebbene li abbia distanziati;ho un forno a gas potrebbe essere quello il problema? in caso devo abbassare la temperatura? potresti darmi qualche cosiglio in più per una buona riuscita? grazie e a presto! Simona

    Rispondi
  2. lukacip

     /  10 gennaio 2013

    Ciao Simona,
    dunque non toccherei la temperatura del forno mentre si, dimezzerei il lievito e le dimensioni delle “palline” di impasto prima di metterle in forno. Distanziale molto, mi raccomando: tieni conto che io nella leccarda del forno ne mettevo 4 o 5 al massimo. Fammi sapere, conto su di te ;-))

    Rispondi
    • simona da Palermo

       /  10 gennaio 2013

      Grazie Luca ora ho chiaro dove ho sbagliato! ne ho messe troppe…una dozzina! si sono gonfiate e si sono attaccate tra loro. la consistenza è risultata morbida e il sapore delicato si percepisce appena il sapore d’arancia (ho usato arance non trattate). riproverò prossimamente perchè è davvero una ricetta semplice! grazie ancora Simona

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: