Il dolce della domenica: red velvet cake

Red velvet cakeSono stato invitato ad un pranzo “della domenica”. Capirai, direte voi. In realtà è un evento speciale perchè non si tratto del pranzo dai miei genitori o dai miei suoceri, bensì dei genitori e dei suoceri di amici: che volete, quando uno diventa famoso e apprezzato deve prestarsi ad andare in tournée. Pensa che ti ripensa, mi sono detto che per il pranzo in famiglia della domenica ci va la torta americana tradizionale per questa occasione: la red velvet cake. Ero dubbioso perché se ne sente parlare fin troppo e ce ne sono tantissime ricette in giro. Alla fine ho deciso di farla ugualmente perché sono un ragazzo moderno ma legato alle tradizioni: continuate a seguirmi, perchè per un dolce tradizionale ce ne sono due trasgressivi in preparazione.
Questo dolce nasce negli Stati Uniti e come tutti i miti anche in questo caso ci sono decine di storie sulla sua origine: chi dice che sia nato in Lousiana, chi in un importante albergo di New York. Fatto sta che é deliziosa, scenografica e di sicuro effetto. Dai, che si comincia.

INGREDIENTI PER LA TORTA (DUE TORTIERE DA 20 CM.)

150 gr. di burro a temperatura ambiente

300 gr . di zucchero semolato

2 uova a temperatura ambiente

30 gr. di cacao amaro in polvere

1 cucchiaino di estratto naturale di vaniglia

2 cucchiai di colorante alimentare rosso per red velvet (Attenzione: non adoperate i coloranti in gel o in polvere che usate a crudo per colorare la pasta di zucchero o la ghiaccia. Non sono adatti, il colore spande e non reggono le alte temperature rischiando addirittura di diventare tossici)

250 ml. di latticello

250 gr. di farina 00

25 gr. di amido di mais

1/2 cucchiaino di lievito per dolci

un pizzico di sale

1 cucchiaino di aceto di mele

1 cucchiaino di bicarbonato di sodio

red velevet cake

INGREDIENTI PER IL FROSTING
120 gr. di zucchero a velo setacciato

220 gr. di mascarpone freddo

220 gr. di formaggio freddo di frigo tipo Philadelphia® freddo

1 1/2 cucchiaino di estratto naturale di vaniglia

250 ml di panna freddissima di frgo.

PROCEDIMENTO PER LE BASI

– Accendete il forno a 180° e foderate con carta forno due tortiere da 20 cm. (potete tranquillamente limitarvi alla sola base mentre ungerete con del burro fuso le pareti).

– montate il burro a crema nel mixer ad alta velocità per almeno due minuti. Unite lo zucchero e continuate a montare finchè il composto non diventa chiaro, gonfio e spumoso. Ricordate di tanto in tanto di fermare il mixer e mescolare il fondo del cestello con una spatola. Intanto setacciate in una ciotola a parte farina, lievito, cacao, amido di mais e sale. In una brocca mescolate il latticello con il colorante e in un’altra le uova con la vaniglia;

– unite al composto nel mixer quello con le uova, un cucchiaio circa per volta, continuando a montare a velocità media e mescolando di tanto in tanto il fondo del cestello. Quando avrete aggiunto tutte le uova, unite le farine e il composto di latticello e colorante, alternativamente, inziando e finendo con le farine (dividete ad occhio le farine in tre parti e il latticello a metà). L’ultima aggiunta di farina fatela mescolando il composto a mano e avendo cura che tutto sia amalgamato per bene e con un rosso omogeneo;

– in una piccola ciotola, mescolate rapidamente aceto di mele e bicarbonato e versate il composto “frizzante” dento l’impasto appena completato. Dividete l’impasto nelle due tortiere e livellatene la superficie con una spatola. Infornate per 25-30 minuti (vale la prova stecchino), toglietele dal forno e dopo circa 10 minuti toglietele dalla teglia perché raffreddino completamente su una gratella da forno. Mettetele in frigo un paio d’ore o ancor meglio tutta la notte e dopodiché dividete ciascuna torta a metà usando un coltello seghettato in modo da avere 4 strati da farcire.

red velvet cake

PROCEDIMENTO PER LA GLASSA

– Mescolate in un mixer a velocità media mascarpone e formaggio per amalagamarli affinché risultino una crema spumosa (non esagerate con la velocità del mixer). Unite lo zucchero e la vaniglia mescolando. Aggiungete la panna freddissima e montate per bene finchè il tutto non diventa una grema gonfia;

– prendete ora le basi dal frigo e, se necessario, tagliate la calotta nel caso la parte superiore fosse troppo “bombata”. Iniziate a glassare ciascuno strato generosamente e livellatelo prima di adagiarvi il secondo, il terzo e finire con il quarto. Glassate anche i lati della vostra torta e la superficie rendendo il tutto il più liscio possibile con l’ausilio delle spatole. Per facilitare la glassatura, ricordate di coprire generosamente e in maniera grossolana la torta e mettetela in frigo una decina di minuti. Dopodiché livellate la torta togliendo l’accesso di glassa partendo dai lati e finendo con il top. REGOLA D’ORO. Se volete potete sbriciolare le calotte di torta e usarle come decorazioni altrimenti a voi la scelta: i più le divorano durante l’assemblaggio della torta;

– mettete ora la torta in frigo per un’oretta prima di servirla, dopodichè divoratela.

Red velvet cake

Lascia un commento

1 Commento

  1. Dolci americani # A spasso per food blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: