Le parole dolci che girano in testa: Swirl

A volte mi capita di innamorarmi di alcune parole e faccio di tutto per usarle. Mi é successo con “sfizioso”, poi con “stoccare” e ora é la volta della parola inglese swirl (letteralmente turbine o ricciolo). Ho messo insieme questa passione linguistica con una bella alzatina monoporzione per cupcake e ho creato questo Raspberry Swirl Cheesecake Cupcake adagiato su una purea di lamponi. Come le altre volte, seguono gli ingredienti il procedimento e regole d’oro da urlo.

INGREDIENTI PER LE BASI

100 gr. di biscotti al cioccolato

65 gr. di burro sciolto

15 gr. di zucchero

INGREDIENTI PER LA CREMA

450 gr. di formaggio Philadelphia

130 gr di zucchero

2 uova

1/2 cucchiaino di vaniglia

120 gr. di panna acida (in caso non la trovaste, usate lo yogurt naturale)

1 pizzico di sale

15 gr. di farina 00

INGREDIENTI PER LA PUREA DI LAMPONI

180 gr. di lamponi freschi

30 gr. di zucchero

PROCEDIMENTO

– accendete il forno a 180° e inserite 12 pirottini da cupcake in una teglia per muffin;

– mettete i biscotti nel mixer insieme allo zucchero e sminuzzateli fino a farli diventare una polvere;

– versate il burro sciolto nel composto di biscotti ed amalgamatelo;

– mettete ora una cucchiata circa dell’impasto appena fatto sul fondo di ciascun pirottino e premete con il cucchiaio, o con il fondo di un bicchiere, per livellarlo bene;

– mettete la teglia con le sole basi di biscotto nel forno per 8 minuti. (A differenza di molte ricette che prevedono un passaggio in frigo delle sole basi, io le passo invece in forno. Questo renderà le basi più croccanti ed eviterà che si inzuppino troppo dando un effetto “bagnato” al dolce. Regola d’oro n° 1 delle cheesecake: passare le basi in forno);

– trascorsi gli 8 minuti, tirate la teglia fuori dal forno e lasciate freddare;

– abbassate il forno a 160°;

– nel frattempo, lavorate il formaggio Philadelphia a temperatura ambiente (mai usare per le cheesecake nessun ingrediente freddo ma sempre a temperatura ambiente, compreso il formaggio Philadelphia. Regola d’oro n° 2 delle cheesecake) rendendololo una crema;

– aggiungete lo zucchero e proseguite a mescolare. Di tanto in tanto fermate il mixer e mescolate con una spatola per essere sicuri che tutto il composto sia ben amalgamato;

– aggiungete un uovo per volta e proseguite a mescolare fin tanto che il composto si ben mescolato senza eccedere perché non dovrà montare, cioé non dovrà incorporare troppa aria (Regola d’oro n° 3 delle cheesecake);

– aggiungete la vaniglia e la panna acida (o lo yogurt) e mescolate ancora un pò;

– unite ora la farina setacciata e mescolate con una spatola;

– per la purea di lamponi, dovrete mettere i lamponi lavati e asciugati in un mixer insieme allo zucchero e frullare finché completamente amalgamati. Passate il composto al setaccio per eliminare evetuali semi;

– mettete un cucchiaio di crema sulla base di biscotto e fateci cadere sopra due o tre gocce di purea;

– ricoprite con altra crema fino quasi al bordo del pirottino (non rischiate come per i cupcake che strabordi);

– versate ancora delle gocce di purea e poi con un stecchino fate dei ghirigori astratti facendo attenzione a non bucare la base di biscotto;

– dopo che avrete fatto questa operazione per tutte le cheesecake mettete la teglia in forno per 20 minuti e fin tanto che la crema sarà rappresa (non scurendo, mi raccomando) ma ancora un pò morbida nel centro;

– togliete la teglia dal forno e fate freddare a temperatura ambiente e poi almeno tre ore in frigo;

– togliete le cheesecake dal pirottino e servite con la purea oppure senza tanto sono eccezionali in ogni caso

Allora, qual é la vostra parola del momento? Se me la dite, prometto che provo a fare un dolcetto con quella più carina e ardita. Keep in touch.

Articolo successivo
Lascia un commento

4 commenti

  1. Barbara

     /  8 agosto 2012

    Un dolcetto da far girare la testa!

    Rispondi
  2. lukacip

     /  8 agosto 2012

    si, prima e dopo averlo mangiato.

    Rispondi
  3. mhhh…genietto…

    Rispondi
  4. lukacip

     /  8 agosto 2012

    Prima o poi dovrò decidermi a scrivere e far rilegare in un bel libro le mie ricette geniali.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: